Pan d’Oropa PAT

Prodotto Agroalimentare Tradizionale del PIEMONTE

Il Pan d’Oropa, anche chiamato pan di Biella, è un soffice dolce da forno, di intenso sapore di cioccolato, a forma rettangolare a base di fecola, uova, zucchero e cacao. Questo dolce fu letteralmente inventato nel 1935 in occasione della guerra d’Etiopia, quando si rese necessario l’invio di un prodotto non deperibile ai militari impegnati al fronte.

Pasticceria Ferrua ideatrice del Pan d’Oropa nel 1935

Da allora il Pan d’Oropa continua ad essere prodotto con le stesse regole di genuinità e senza additivi. La sua forma ricorda molto quella di un plum cake. Si presenta come una soffice mattonella, abbastanza alta e di colore cacao omogeneo. Profumato e leggermente asciutto. Si presta ad essere consumato tal quale o accompagnato da una crema o zabajone , quando non inzuppato nel latte.

Caratteristiche

  • Consistenza: soffice, leggero e friabile, interno omogeneo e spugnoso, lievitazione fine eocchiatura finissima. Relativamente asciutto. Superficie spolverata di cacao amaro.
  • Odore: forte odore di cacao
  • Colore: bruno scuro.
  • Sapore: dolce equilibrato, evidente la fecola alla bocca. Molto persistente il cacao.
  • Dimensioni medie: parallelepipedi di 20x10x10 cm da circa 300 g nel formato più comune.

Metodiche di lavorazione

Gli ingredienti si mettono tutti contemporaneamente in planetaria, si monta l’impasto e si cola negli stampi. Si cuoce in forno per 30 minuti a 240 °C. Appena cotto, il Pan d’Oropa si toglie, ancora tiepido, dallo stampo e, una volta raffreddato, si spolvera con cacao amaro ed è così pronto per il consumo.

ZONA DI PRODUZIONE

Il Pan d’Oropa è prodotto a Biella.

TRADIZIONALITÀ

Il Pan d’Oropa è stato ideato, nel 1935, per consentire l’invio ai legionari di un prodotto che potesse superare le difficoltà climatiche del viaggio e portare un soffio di gioia e di allegria ai militari combattenti. Poiché le famiglie ricordavano i loro cari pregando la Madonna Nera del Santuario di Oropa, il dolce venne chiamato Pan d’Oropa

Bibliografia

  • Sandro Doglio, Dolci biscotti & golosità, Unione CCIAA del Piemonte, Daumerie, S. Giorgio di Montiglio, 1996
  • AAVV, L’Italia Dei Dolci, Touring editore, Milano, 2004

Sedani di Alluvioni Cambio’ PAT

La bassa Valle Scrivia è una delle zone più vocate per la coltivazione del sedano; in quest’area, secondo tradizione, si coltivava, sino alla metà degli anni ’90, un particolare ecotipo di sedano dorato afferente alla specie Apium graveolens var.dulce denominato Sedano dorato di Alluvioni Cambiò. L’ecotipo in questione presenta una tipica colorazione della parte edule…

Leggi di +

Nocciolini di Chivasso PAT

I Nocciolini di Chivasso, sono piccolissime meringhette, simili a amaretti, caratteristici della città di Chivasso, nel Canavese, dove furono inventati dal maestro pasticcere Giovanni Podio. Sono fatti con soli tre ingredienti: nocciole tostate, zucchero e albume d’uovo. Ancor oggi alcune pasticcerie del centro di Chivasso producono artigianalmente i nocciolini, seguendo l’antica (e per ognuno segreta)…

Leggi di +

GALLINA BIANCA DI SALUZZO PAT

La Gallina Bianca di Saluzzo è di taglia medio-piccola; cresta rossa a 4 – 6 denti, eretta nel gallo e pendente nella gallina; bargigli e guance sono rossi. Becco, tarsi e cute sono gialli, il piumaggio è bianco con riflessi paglierini sul collo e sul dorso, la coda è alta e bianca. I maschi arrivano…

Leggi di +

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.