Minestra caggianese PAT

Prodotto Agroalimentare Tradizionale della Campania

Minestra di verdure con abbondante brodo di cottura, con polpettine , accompagnata, in piatto distinto, da fettine sottili di “imbottitura” di colore giallo paglierino, e salsa piccante (vedi) Ha sapore intenso di verdura lessata, arricchita da sentori di formaggio e carni dovuto alla presenza delle polpettine. Le fettine di “imbottitura” ripiena hanno consistenza morbida e spiccato profumo di formaggi stagionati, un sapore intenso e salato di formaggi, cui si aggiunge il gusto deciso della salsa piccante. La minestra ha consistenza acquosa, con presenza di verdure, e profumi di erbe lessate di campo.

Descrizione delle metodiche di lavorazione

Per la preparazione di questo complesso piatto si parte dalla preparazione dell’imbottitura (in realtà componente della tasca di vitello): la pancetta di vitello si stende, si batte e si cuce da un lato e si riempie con un impasto costituito da caciocavallo grattugiato, carne tritata, un po’ di pane grattugiato, prezzemolo trito fino, un pizzico di pepe, uova e sale.

Dopo aver riempito la pancetta si cuce l’altro lato e si mette a bollire a fuoco lento per due ore. Una volta raffreddata si taglia a fette e si serve. La ricetta tradizionale vuole che per evitare che la tasca o pettola si rompa nel brodo e quindi perda il ripieno, occorre avvolgerla in una pezzuola di lino bianca cucita intorno.

La scarola viene lessata, condita con brodo di carne derivante dalla cottura della tasca, e arricchita con le polpettine formate di uova, formaggio pecorino caggianese, pepe, carne impastati fra di loro ridotti in palline delle dimensioni di un cece, che vengono passate nell’olio extravergine di oliva non caldo, e quindi lessate anch’esse nel brodo di carne precedentemente realizzato per la cottura della tasca con la relativa imbottitura.

Osservazioni sulla tradizionalità

La “minestra caggianese” e l'”imbottitura” rientrano nelle pietanze del menu nuziale tradizionale. Infatti questi due piatti, l’uno complementare dell’altro, venivano serviti tra l’antipasto e il primo. In un piatto fondo si mette la scarola e sopra le polpettine: infatti è considerato il simbolo di Caggiano, con esplicito rimando formale al monte Capo La Serra, che sovrasta l’abitato di Caggiano, con il suo caratteristico castagneto sulla vetta

Territorio interessato alla produzione

Il territorio interessato è quello di Caggiano (SA) e comuni limitrofi

Fagiolo bianco di Montefalcone PAT Campania

Il fagiolo bianco di Monfalcone viene coltivato in asciutto, in terreni montani (sopra i 700 m.s.l.); la semina viene effettuata nella prima decade di maggio La coltivazione è costantemente presente nell’area da almeno 200 anni; la tecnica colturale è quella tradizionale di tutta l’area appenninica. Non sono stati trovati documenti circa la datazione della prima…

Leggi di +

Struppolo PAT Campania

Gli struffoli sono dolci immancabili in tutte le case campane durante il periodo natalizio e sono un piatto antichissimo. Furono portati a Napoli, verosimilmente, dai Greci al momento della fondazione di Partenope. Greca è, con ogni probabilità, l’origine del nome, da “strongulus” che vuol dire “arrotondato” e richiama alla loro forma: gli struffoli, infatti, altro…

Leggi di +

Insalata di Tartufo PAT

L’insalata di tartufo e’ un piatto della tradizione gastronomica irpina, caratterizzato da colori e sapori tipicamente montani. L’ingrediente principale e’ il tartufo nero di bagnoli irpino, un tubero dall’odore molto intenso che viene dolcemente mitigato dall’accostamento agli altri prodotti tipici dell’entroterra irpino che compongono il piatto. Il particolare aroma ed il gusto deciso ma delicato…

Leggi di +

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *