Melanzane sott’olio PAT Puglia

Prodotto Agroalimentare Tradizionale della Puglia

Melanzane intere o a pezzi sott’olio. Le melanzane lavate, intere o a pezzi vengono messi a bollire in aceto. A cottura ultimata si fanno asciugare, dopodichè si dispongono in vasetti di vetro, si coprono di olio d’oliva extra vergine e si aggiungono degli aromi come aglio,e/o peperoncino o menta, prezzemolo, ecc.

TRADIZIONALITÀ

Tradizionalità del prodotto è assicurata dalla provenienza locale della materia prima, dalle caratteristiche qualitative e dalla particolarità del gusto e dalla ricetta che viene a noi dalla tradizione culinaria passata oralmente tra generazioni di massaie.

RICETTA

Ingredienti

  • 3 kg circa di Melanzane
  • 300 gr Sale Grosso
  • 10 spicchi circa di Aglio
  • Menta (fresca)
  • 1 Litro di Olio Di Oliva

Preparazione

  1. Pelate le melanzane e tagliatele prima a fette poi a listarelle.
  2. Mettetele subito in un grosso contenitore, ricoprendo ogni strato prima con una spolverata di sale grosso e poi con un piattino che abbia una circonferenza inferiore a quella della bocca del contenitore utilizzato schiacciato con un peso.
  3. Procedete così fino a pulire tutte le melanzane e trasformare a listarelle.
  4. Gradualmente la pressione sulle melanzane farà si che queste eliminino l’acqua di vegetazione, che non dovrete rimuovere a meno che non trabocchi, in quanto servirà in seguito per il processo di salamoia.
  5. Le melanzane vanno lasciate sotto pressione per un giorno circa.
  6. Al termine di questo tempo di riposo sarete pronti ad invasarle in barattoli di vetro sterilizzati.
  7. Adesso è il momento di pulire gli spicchi di aglio e tagliateli a fettine.
    Con un pezzo di carta da cucina bagnato pulite la menta e staccatene le foglie.
  8. Rimuovete il peso e il piattino dalle melanzane.
  9. Svuotate il contenuto del vostro contenitore in uno scolapasta così da eliminare eventuali residui di impurità.
  10. Prendete le melanzane, una manciata per volta e strizzatele bene tra le mani.
  11. Invasate le melanzane ben strizzate, aggiungendo un pochino di aglio e una o due foglie di menta, potete aggiungere anche del peperoncino fresco e coprite il tutto con dell’ottimo olio di oliva.
  12. Ripetete il procedimento fino a quando il barattolo non sarà riempito.
  13. Coprite bene con l’olio di oliva, appoggiando soltanto il coperchio senza richiudere il barattolo ermeticamente.
  14. Ponete i barattoli su un vassoio abbastanza resistente.
  15. Lasciate il vassoio con i barattoli in un luogo fresco e controllate di tanto in tanto il livello dell’olio, che deve sempre superare quello delle melanzane.
  16. Dopo un paio di giorni potrete richiudere i vostri vasetti stringendo bene i coperchi e conservare le vostre melanzane sott’olio in luogo fresco e asciutto.
  17. Per il consumo, aspettate circa dieci giorni prima di gustarle.
  18. Dopo l’apertura di ogni vasetto, assicuratevi sempre che le melanzane rimangano ben coperte dall’olio di conservazione e conservatele sempre in un luogo fresco e asciutt

Territorio

Provincia di Brindisi

Batata dell’Agro Leccese PAT

La Batata di Calimera, o Patata dolce o zuccherina, è un tubero coltivato anche nella provincia di Lecce. Si tratta di una coltura originaria dell’America che è stata introdotta in Italia intorno al 1630, e nel Salento si narra che sia arrivata nella metà dell’Ottocento. Fino al 1915, la batata fu quasi esclusivamente coltivata a…

Continua a leggere

Quatarone PAT

Il ‘quatarone’ prende il nome dalla caldaia di rame stagnato che si adopera per cuocerla. È una preparazione a base di carni e frattaglie che abitualmente si prepara con cadenza settimanale, di solito nella serata del giorno di macellazione o nel giorno seguente. La sua base è costituita da ogni tipo di frattaglie, ritagli e…

Continua a leggere

Cavolo rapa PAT Puglia

Il cavolo rapa è abbastanza ricco di vitamine, contiene vitamina C, betacarotene, che nel corpo si trasforma in vitamina A, acido folico e esigue dosi di vitamine del gruppo B. Le tenere foglie del cavolo rapa sono più ricche di sali minerali rispetto alla radice ingrossata.

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *