Maccherone al pettine all’uso delle valli mirandolesi PAT Emilia Romagna

Prodotto Agroalimentare Tradizionale dell’Emilia Romagna

Macaròn col petan (all’uso) dla val mirandulesa

Farina di grano tenero, semolino e uova. Diversamente dai garganelli e dai maccheroni al pettine generici, che si presentano entrambi con le “punte” e cioè realizzati arrotolando la pasta lungo la diagonale, il maccherone al pettine all’uso delle valli mirandolesi si ottiene arrotolando la pasta lungo il lato, ottenendo così la forma di un maccherone cilindrico e senza punte.

L’impasto di farina di grano tenero, semolino e uova è tirata in sfoglia con spessore di 2 mm, viene tagliata in quadrati di 4/5 cm di lato. Ogni quadrato così ottenuto viene avvolto su di un bastoncino di legno (faggio) con diametro di 1cm e 20cm di lunghezza ottenendo così la forma di un cilindro liscio. Poi l’operazione di rotolamento del bastoncino sul “pettine”, mediante la forza del palmo delle mani sapientemente dosata, consente la rigatura trasversale della pasta e la saldatura dei due lembi sovrapposti. Il maccherone così ottenuto avrà tutta la superficie rigata da solchi distanziati di 2mm uno dall’altro.

Questo tipo di rigatura viene ottenuta dalle lamelle di canna palustre delle valli mirandolesi che formano il pettine, tradizionalmente utilizzato nei telai per la lavorazione del filato di canapa. I maccheroni vengono poi distesi su telai appositamente costruiti per l’essicazione della pasta e lasciati ad essiccare naturalmente all’aria fino al raggiungimento dell’umidità igroscopica. Il maccherone al pettine delle valli mirandolesi così ottenuto si può conservare in apposite confezioni e consumato entro 3 mesi.

Successivamente sono stati ideati pettini di minori dimensioni, fabbricati in legno, specificamente per la preparazione di questo maccherone e utilizzati anche per la preparazione dei garganelli.

 Tradizionalità

La nascita del Maccherone al Pettine è indissolubilmente legata alla lavorazione della canapa in quanto il “pettine” è quello strumento di legno che aveva la funzione, nei telai domestici, di mantenere distanziati i fili. I pettini avevano lunghezze diverse a seconda della larghezza del tessuto che si voleva realizzare. Praticamente in ogni casa colonica era presente un telaio in quanto la canapa è sempre stato un elemento importante dell’economia di sussistenza.

Referenze bibliografiche

  • “Istituto Atlante Linguistico Italiano” – didascalia foto: Quarantoli di Mirandola (MO), preparazione domestica di maccheroni rigati col pettine.
  • Camera di Commercio di Modena, “Raccolta provinciale degli usi”, capitolo 6 – anno 1985.

Territorio di produzione

Comune di Mirandola, provincia di Modena.

Cardo Gigante di Romagna PAT Emilia Romagna

E’ originario del Mediterraneo. Era coltivato già al tempo degli antichi Romani. Plinio nella sua “Storia Naturale”, lo annovera fra gli ortaggi pregiati. Come cardo gigante avorio senza spine pieno, la prima notizia appare su di un catalogo di sementi del 1951. Nel 1960, stesso catalogo, appare già come Gigante di Romagna, senza spine costa…

Continua a leggere

Maraschino o maraschèin PAT Emilia Romagna

Il maraschino è un liquore, dolce e incolore a base di un tipo particolare di ciliegia il Prunus cerasus, (conosciuto anche con il nome di visciolina o amarena), avente un contenuto alcolico del 30% circa;  tradizionalmente commercializzato in tipiche bottiglie impagliate a mano. Procurare delle marasche in quantità tale da poter ottenere grammi 500 di…

Continua a leggere

Stricchetti o farfalline PAT Emilia Romagna

Pasta fatta di farina e uova. Per fare gli stricchetti, la sfoglia tirata di media grossezza porta incorporato parmigiano e noce moscata e si ritaglia a strisce larghe come le pappardelle che vengono poi tagliate in rettangoli di circa 5-6 centimetri. Un rapido gesto a tenaglia del pollice e indice ed ecco trasformati i rettangoli in…

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *