Liquore di prugnoli, bargnolino, bargnulein PAT Emilia Romagna

Prodotto Agroalimentare Tradizionale dell’ Emilia Romagna

Liquore ottenuto dalla macerazione in alcool dei frutti di Prugnolo selvatico (Prunus Spinosa) con aggiunta di sciroppo di zucchero. (Appennino piacentino) Si raccolgono i frutti del prunus al momento della massima maturazione tra la fine di settembre e la metà di ottobre; successivamente si mettono i frutti in infusione nell’alcool a macerare per almeno 35 giorni. Al succo, così ottenuto, si aggiunge zucchero e alcool per portarlo alla giusta gradazione di circa 40 gradi alcolici. Il prodotto finito viene filtrato ed imbottigliato fresco.

Curiosità In diversi locali della provincia vengono organizzate, nel periodo invernale, vere e proprie sfide con la premiazione del miglior “bargnolino” a cui partecipano molte famiglie ognuna con la propria ricetta gelosamente conservata e tramandata. Ogni famiglia ha teorie diverse sul grado di maturazione delle bacche, chi dice che debbano prendere le prime nebbie dell’inverno, chi si spinge alle gelate invernali e chi invece attende i segni dell’avvizzimento delle bacche dovute alla perdita di umidità. In tutti i casi ne esce un digestivo gustoso e aromatico da bere schietto o in accompagnamento con dolci e gelati.

Tradizionalità

Le siepi di prugnolo selvatico ornano le bordure dei campi coltivati dalla bassa pianura fino alla media collina, offrendo così una grande quantità di materia prima per la produzione del liquore. Oltre alle numerose ricette tramandate per la produzione finalizzata al consumo famigliare, la ricetta è stata anche consolidata per una produzione industriale: infatti tra i prodotti realizzati dalla ditta “Giarola”, compare anche il “Bargnolino”.

Territorio di produzione

La zona di produzione è da considerarsi l’intera Provincia di Reggio Emilia, principalmente le zone dei Comuni di Rubiera e Scandiano.

Referenze bibliografiche

Carmen Artocchini, “400 ricette della cucina piacentina”, Piacenza – S.T.P. 1977.

Pasticcio di maccheroni alla ferrarese PAT Emilia Romagna

Si presenta come un involucro di pasta frolla dolce a forma di cupola ripieno di ragù, besciamella e tartufo, il tutto cotto al forno in un apposito contenitore di rame. Il pasticcio di maccheroni necessita di una lunga lavorazione dovuta alle diverse tipologie di ingredienti che occorrono. Esso si compone di tre parti principali: l’involucro…

Continua a leggere

Pecorino dell’Appennino Reggiano PAT

Sull’Appennino Reggiano correva il Limes Bizantinum, ovvero il confine che contrapponeva due culture: da una parte quella longobarda, dedita all’allevamento del maiale, e dall’altra quella delle popolazioni bizantine, che praticavano la pastorizia ovina. L’allevamento ovino sull’Appennino Reggiano è precedente all’allevamento e risale a prima dell’anno Mille. Fino al 1800 nelle aree montane della provincia di…

Continua a leggere

Mezze maniche da frate ripiene PAT Emilia Romagna

Mezze maniche (tipo di pasta), brodo di carne, carne per stracotto, burro, pan grattato, vino rosso, formaggio grana padano, uova, cipolla, sedano, carota, aglio, sale, pepe, noce moscata. Dopo aver preparato il ripieno si riempiono le mezze maniche bagnando le aperture con albume d’uovo, quindi si procede alla cottura. 

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *