Vini di Liguria
RIVIERA LIGURE DI PONENTE DOP

SCARICA in formato PDF DISCIPLINARE VINO RIVIERA LIGURE DI PONENTE DOP

vineyard plantations, beautiful view of the vineyard rows

“Riviera Ligure di Ponente” è una Denominazione di Origine Protetta che identifica cinque tipologie di vino con indicazione di vitigno: Granaccia (anche superiore e passito), Moscato (anche frizzante, vendemmia tardiva e passito), Pigato (anche frizzante, vendemmia tardiva e passito), Rossese (anche passito) e Vermentino (anche frizzante, vendemmia tardiva e passito). Il disciplinare prevede anche la commercializzazione delle seguenti sottozone: Riviera dei Fiori, Albenganese, Finalese, Quiliano e Taggia.

Uvaggio

Tutte le tipologie di vini Riviera Ligure di Ponente devono essere prodotte con una prevalenza di uve provenienti da vitigno indicato in etichetta. Le percentuali richieste, però, sono variabili: 90% per il Granaccia e il Rossese, 100% per il Moscato, 95% per il Pigato e il Vermentino. Le quote restanti possono essere eventualmente ottenute da altri vitigni non aromatici, a bacca di colore analogo.

Caratteristiche chimico-fisiche ed organolettiche

I vini Riviera Ligure di Ponente, pure nel loro carattere variegato, presentano alcune caratteristiche organolettiche comuni. Si distinguono, ad esempio, per la buona acidità e per l’aspetto che è sempre arricchito da colori intensi e vivaci. I bianchi manifestano sapori freschi, secchi e morbidi, mentre i rossi risultano caldi e di buon corpo. In tutte le tipologie, inoltre, si può ravvisare una struttura buona ed equilibrata e un retrogusto leggermente amarognolo. Un approfondimento delle caratteristiche proprie di ogni vino può essere fatto affidandosi al disciplinare.

Zona di produzione delle uve

La zona di produzione è collocata nella parte orientale della Liguria. La Riviera di Ponente, affacciata sul Mediterraneo, si caratterizza per il susseguirsi di valli strette e ripidi pendii.

Specificità e note storiche

La viticoltura nella Riviera di Ponente è nata in periodo medievale ma si è rafforzata solo nel corso del XVIII secolo. Le sue origini sono probabilmente legate al ruolo dei marinai che frequentavano la zona e che vi hanno importato i vitigni di altri territori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.