Le cattedrali gotiche Italiane

Itinerari Culturali

Lo stile gotico non assume in Italia le forme del gotico francese. È invece caratterizzato dall’equilibrio fra lo slancio verticale e le strutture orizzontali, oltre che da un limpido gioco di masse geometriche e superfici piane. Gli esempi più significativi del Gotico nelle cattedrali sono

  • Duomo di SIENA
  • Duomo di ORVIETO
  • S. Maria del Fiore a FIRENZE
  • Campanile di Giotto a FIRENZE
  • Camposanto di PISA
  • Duomo di MILANO

DUOMO DI SIENA

Duomo di Siena

Definisce il tipo italiano di cattedrale gotica. Iniziato verso il 1230, viene costruito sotto la direzione di monaci cistercensi e successivamente ampliato. Pianta a tre ampie navate divise da pilastri cruciformi sormontati da archia tutto sesto; decorazione della navata a strisce orizzontali di marmo bianco e nero;

la facciata tricuspidata come quella di Orvieto (iniziata nel 1284 da Giovanni Pisano e completata nel 1377 da Giovanni di Cecco): tre portali dalla profonda strombatura, sormontati da cuspidi triangolari e collegati al resto della facciata da pinnacoli, guglie, loggette e decorazione scultorea; grande rosone centrale iscritto in un quadrato.

Duomo di SIena – Navata centrale

DUOMO DI ORVIETO

Costruito per custodire il Corporale del Miracolo di Bolsena, presenta la più perfetta facciata di tutta l’architettura gotica Italiana.

Facciata del Duomo di Orvieto

Progetto originario(1290) attribuito ad Arnolfo di Cambio o a Frà Bevignate da Perugia, costruzione dovuta al senese Lorenzo Maitani (1310-1350) autore della facciata e dei basso rilievi dei portali; la facciata tricuspidata con tre portali cuspidati dalla profonda strombatura; il prospetto è scandito con geometrica regolarità da una fila di loggette e da quattro slanciati contrafforti coronati da pinnacoli. La regolarità del disegno è accentuata dal quadrato che racchiude il rosone centrale:

l’interno a tre navate con pilastri cilindrici, archi a tutto sesto e coro rettangolare; un ballatoio divide orizzontalmente la luminosa navata centrale. Sia all’interno sia all’esterno, si ritrova la decorazione a fascie di due colori;

S.MARIA DEL FIORE A FIRENZE

La costruzione del Duomo inzia nel 1296 sotto la direzione di Arnolfo di Cambio, cui viene attribuito il progetto complessivo, i lavori proseguono nel 1334 sotto la direzione Giotto e poi di Francesco Talenti; nel 1420-36, Brunelleschi, amplierà il coro e costruirà la cupola.

Santa Maria del Fiore

La pianta presenta un corpo longitudinale a tre navate, la centrale con volte a crociera cupoliformi, su cui si innesta un ampio organismo trilobato composto da tre tribune disposte a trifoglio intorno ad un grande ottagono centrale

Santa Maria del Fiore FIRENZE

Il riferimento al motivo francese delle cappelle radiali è rivisitao con classica sensibilità nell’equilibrio geometrico delle proporzioni. L’esterno mostra il gioco delle masse volumetriche della zona absidale, su cui si eleva il grande tiburio ottagonale, mentre le pareti laterali presentano un rivestimento marmoreo geometrico a riquadri bianchi e neri ( la facciata è moderna);

CAMPANILE DI GIOTTO A FIRENZE

Mostra una struttura solida e chiara sottolineata dai pilastri angolari e dal rivestimento bianco e nero delle pareti, in cui sono inserite nicchie con statue e formelle in rilievo.

Campanile di Giotto FIRENZE

CAMPOSANTO DI PISA

Costruito nel 1278, da Giovanni di SImone, presenta un lungo chiostro rettangolare circondato da un portico dalle altissime arcate a tutto sesto, in cui sono inserite delle quadrifore di gusto gotico.

DUOMO DI MILANO

Iniziato nel 1386, la sua costruzione prosegue per tutto il XV secolo, protraendosi fino al secolo scorso, sotto la direzione di numerosi architetti italiani, francesi e tedeschi che conferiscono alla cattedrale il suo aspetto più vicino al gusto gotico d’Oltralpe che a quello italiano

Duomo di Milano

Per approfondimenti vedi le Fonti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.