Gnocchi PAT Emilia Romagna

Prodotto Agroalimentare Tradizionale dell’Emilia Romagna

gnocc

La metodica di preparazione è simile nelle varie provincie, il prodotto viene valorizzato dal condimento che cambia a seconda delle disponibilità di materia prima offerta dai diversi territori: patate, parmigiano reggiano, farina, sale.

Si bollono le patate con la buccia, si sbucciano e si passano nello schiacciapatate. Si amalgama il composto con farina e con poco parmigiano grattugiato quanto basta per ottenere un impasto lavorabile; con le mani si arrotola la pasta per ottenere dei lunghi cilindri del diametro di circa un centimetro, si tagliano quindi della misura voluta (circa 1 centimetro), si passano con il pollice sui rebbi di una forchetta (o il retro della grattugia) conferendo la classica zigrinatura. Cuocerli quindi in acqua salata fino al loro affioramento, condirli quindi con ragù classico o mantecarli con formaggio e burro.

Referenze bibliografiche

Per la provincia di Piacenza:

  • Carmen Artocchini, “400 ricette della cucina piacentina” Editore Gino Molinari 1977;

Per la provincia di Modena:

  • Anonimo, “Zibaldone di un gastronomo modenese”, Edizioni Il Fiorino, Modena 2004, ristampa dell’ediz. orig. Modena 1850;
  • Bellei S., Preti U., “Cosa bolle in pentola a Modena”, vol. 1, Modena, 1979 pag. 162.

Per la provincia di Forlì-Cesena:

  • Vittorio Tonelli, A Tavola con il contadino romagnolo, 1986 Grafiche Galeati;
  • Giovanni Manzoni, Così si mangiava in Romagna, Walberti Edizioni 1977;
  • Contoli, Guida alla veritiera cucina romagnola, Officine Grafiche Calderoni 1972;
  • Pellegrino Artusi, La Scienza in cucina e l’Arte di mangiar bene, introduzione e note di Piero Camporesi, Torino, Einaudi, 1995 -Prima edizione «Nuova Universale Einaudi 1970;
  • Quondamatteo, L. Pasquini, M. Caminiti “Mangiari di Romagna”, Grafiche Galeati – Imola 1975.

Territorio di produzione

Preparazione molto comune nelle province di Piacenza, Modena, Forlì-Cesena.

Confettura di Frutti di Bosco PAT

Belli, colorati, dolci frutti spontanei, doni del bosco: colti e apprezzati dall’uomo da sempre, sin dall’epoca preistorica. Si prestano a essere consumati al naturale arricchiti di limone ed eventuale zucchero, o trasformati in liquori o sciroppi, o ancora in gelatine e marmellate. L’entroterra e la zona montana della Liguria sono da sempre area di produzione di frutti…

Continua a leggere

Canestrelli di Taggia PAT Liguria

I canestrelli di taggia Dolci o salati che siano i canestrelli sono diffusi in tutta Italia e non solo. Croccanti e leggermente salati, i canestrelli di Taggia ricordano quelli del nord e centro Europa, ma quelli prodotti in questa località del ponente ligure sono inconfondibili per la leggerezza donatagli dall’olio extravergine delle famose e pregiate…

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *