FORESTE TEMPERATE

Avvicinandosi all’Europa centrale e occidentale le foreste di conifere si confondono sempre più con alberi caducifogli come il faggio Fagus sylvatica e la quercia Quercus spp., che alla fine diventa la specie dominante.

A differenza delle foreste boreali, le foreste temperate hanno per loro natura un sottobosco straordinariamente ricco. Le piante selvatiche crescono in abbondanza sotto lo strato fogliare, sfruttando il nutrimento dato dalle foglie in decomposizione e la maggiore luce che penetra nel manto forestale prima che gli alberi mettano le foglie.

Chiunque in primavera abbia passeggiato in una foresta tappezzata di campanule, aglio orsino o anemone dei boschi si ricorda sicuramente di questo incantevole paesaggio.

Campanule

Sono presenti anche rare orchidee come la scarpetta di Venere Cypripedium calceolus, così come varie specie di picchi che si nutrono della moltitudine di insetti e coleotteri che abitano il bosco. Altri uccelli tipici delle aree boschive sono il raro gallo cedrone Tetrao urogallus, presente anche nelle foreste boreali, la balia dal collare Ficedula albicollis e il codirosso Phoenicurus phoenicurus.

Gallo Cedrone – Tetrau Urogallus

Le foreste temperate accolgono anche il fantomatico gatto selvatico Felis silvestris, che, per molti versi, assomiglia al gatto soriano di cui si pensa sia antenato. Benché raramente avvistato è ancora relativamente diffuso in ampie zone forestali seminaturali.

In passato anche il bisonte europeo Bison bonasus era onnipresente, ma nel XX secolo questo maestoso animale è stato cacciato fino all’estinzione. Le poche popolazioni oggi presenti allo stato brado discendono da individui allevati in cattività e successivamente reintrodotti in natura.

FONTE @NATURA 2000 – Proteggere la biodiversità in Europa

Sensibilità ecologica degli apoidei verso i vigneti!

Una recente meta-analisi ha confermato l’effetto positivo di pratiche colturali sostenibili sulla biodiversità complessiva e sui servizi ecosistemici presenti nei vigneti. La ricchezza, l’abbondanza e le caratteristiche funzionali delle specie di api selvatiche negli interfilari aumentano significativamente con la maggiore disponibilità di risorse floreali e con un’attenta gestione sostenibile della vegetazione, specie quella spontanea.

Leggi di +

Oasi Definizione

In senso lato, un’oasi è un’area naturale protetta per la conservazione di un habitat di particolare interesse floristico e faunistico e per la salvaguardia della sua biodiversità. In senso stretto, un’oasi è «destinata al rifugio, alla riproduzione ed alla sosta della fauna selvatica» e vi è proibita la caccia, salvo per motivi di controllo delle specie faunistiche in sovrannumero. In questo caso…

Leggi di +

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.