FORESTE ALLUVIONALI

Le foreste alluvionali o riparie sono situate vicino ad acque dolci. In termini di superficie possono variare da strette strisce di area boschiva lungo un fiume o un corso d’acqua a vaste e impenetrabili foreste alluvionali che si estendono per centinaia di chilometri quadrati.

Foresta Alluvionale

Spesso dominate da alberi come il pioppo Populus spp., il salice Salix spp. e l’ontano Alnus spp. su terreni più umidi o il frassino Fraxinus excelsior e l’olmo Ulmus spp. su terreni più secchi, le foreste alluvionali sono annoverate tra gli ecosistemi più complessi e dinamici d’Europa, in grado di accogliere una straordinaria diversità di flora e fauna.

Al loro interno ospitano specie rare quali la cicogna nera Ciconia nigra, l’aquila di mare Haliaeetus albicilla e il castoro Castor fiber. Le foreste più ampie danno anche sostentamento a enormi colonie di uccelli acquatici.

Tuttavia, vista la ricchezza del suolo alluvionale su cui crescono, sono in gran parte state abbattute e drenate per fare spazio all’agricoltura; quelle rimaste sono spesso molto frammentate e versano in condizioni critiche.

FONTE @NATURA 2000 – Proteggere la biodiversità in Europa

Il gas Radon è una minaccia alla salute e alla sicurezza domestica. Va misurato in ogni edificio.

Le possibilità, di contrarre il cancro ai polmoni dipende principalmente da quanto il radon è presente nei luoghi in cui si vive, dal tempo trascorso negli edifici, dalla polvere e dall’uso dei caminetti e la quantità di legna, carbone o altri combustibili bruciati. Il radon può penetrare nelle abitazioni dal terreno attraverso le fondazioni, le…

Leggi di +

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *