Fave

Fave

La fava è un alimento antichissimo, veniva usata nella marineria degli antichi Romani dove non è mai stato descritto un caso di scorbuto, malattia causata dalla carenza di vitamina C, perchè presente nella loro alimentazione grandi quantità di fave fresche. La fava conosciuta come Windsor o straight bean (sottospecie faba var. Major) è quella che la maggior parte degli occidentali conosce e coltiva.

La zecca o fagiolo piccione (sottospecie faba var. Minor) è più popolare nei paesi arabi e la fava (sottospecie faba var. Equina) è usata come mangime per cavalli.

Tutte le fave sono fagioli sgusciati con semi grandi e piatti. Tuttavia, esiste una diversa varietà all’interno dei diversi tipi di fave, sia nella dimensione dei semi che nel colore (bianco, beige, marrone, viola e nero).

Le piante di fave sono grandi e frondose. Possono raggiungere altezze dai 60 cm fino ai 3 mt. Gli steli quadrati e cavi sono alquanto rigidi e richiedono un picchettamento minimo, sebbene fluttuino sotto il peso dei baccelli.

Foglie: le foglie sono arrotondate e assomigliano più a foglie di pisello che a fagioli.

Fiori: i fiori crescono in grappoli appuntiti e sono bianchi con un punto nero. Maturano in baccelli spessi e dall’aspetto ceroso che crescono da 5 cm a 30 cm di lunghezza.

Nome botanico Vicia faba

Nomi comuni Più comunemente noto come fava, ma anche fagiolo inglese, favino, fagiolo piccione, fagiolo di zecca e fagiolo Windsor.

Esposizione al sole Pieno sole a mezz’ombra. Le fave sono un ortaggio di stagione fresca e preferiscono davvero il pieno sole se coltivate in primavera.

Dimensione della pianta matura Da 30 cm a 6 mt di altezza e da 20 cm a 30 cm in larghezza.

Quando raccogliere le fave

Le fave richiedono una stagione di crescita da 75 a 80 giorni, a seconda della varietà. Tuttavia, nei climi miti, possono essere piantati in autunno e lasciati crescere lentamente durante l’inverno per un raccolto primaverile.

Le fave piantate in autunno possono impiegare fino a 240 giorni per maturare.

Scegli i baccelli quando si sentono pieni. Dal momento che li mangerai freschi, non aspettare che i baccelli inizino ad asciugarsi. Più invecchiano i baccelli, più secchi saranno i fagioli.

Consigli sulle varietà di fave da coltivare

  • “Aquadulce Claudia”: una grande varietà spagnola con una buona resistenza alle malattie. (90 giorni primavera / 240 giorni autunno)
  • ‘The Sutton’: una varietà nana (alta 14 pollici) ideale per spazi limitati, contenitori e aree ventose. (80 giorni)
  • ‘Sweet Lorane’: fagioli più piccoli allevati per avere meno tannini. (100 giorni)
  • “Windsor”: produce fagioli grandi e saporiti. (80 giorni primavera / 240 giorni autunno)

Coltivazione di fagioli di fava

Suolo: le fave crescono meglio in un terreno con un pH del terreno neutro compreso tra 6,2 e 6,8. A loro non importa il terreno fresco, ma non dovrebbe essere impregnato d’acqua o inzuppato. Poiché il terreno fresco inibisce i batteri che aiutano i legumi a fissare il proprio azoto, l’uso di un inoculante o semplicemente l’aggiunta di materia organica extra al terreno, aumenterà l’apporto di azoto e renderà le piante più sane.

Piantagione: le fave hanno bisogno di una stagione di crescita lunga e fresca. Non fioriranno bene con tempo caldo e secco. Nei climi miti vengono piantati in autunno e coltivati ​​durante l’inverno. Le piante possono sopportare un po ‘di gelo.

I semi di solito germinano in 7-14 giorni, ma la germinazione può essere più lenta in terreni freschi.

Nelle zone più fredde, con inverni nevosi, vengono piantati in primavera una volta che il terreno si è asciugato, di solito ad aprile. Puoi avviarli in casa, in vasi di torba o di carta, circa un mese prima.

Le fave vengono piantate più o meno nello stesso modo in cui coltiveresti altri tipi di fagioli. Puoi accelerare la germinazione immergendo i semi in acqua per un’ora, prima della semina.

Semina direttamente i semi a circa 5 cm di profondità, distanziati di 10-15 cm l’uno dall’altro. Distanziare le piantine a 20/30 cm, perché l’affollamento può favorire le malattie.

Prendersi cura delle piante di fava

Le varietà più alte dovrebbero essere picchettate, mentre sono giovani. Anche le varietà più corte possono usare un piccolo supporto perché i baccelli possono diventare pesanti.

Molti giardinieri amano pizzicare la punta in crescita o tagliare il gambo superiore e due serie di foglie, una volta che i fagioli iniziano a formarsi nella parte inferiore della pianta.

Questo ti dà un raccolto anticipato e mantiene i centri delle piante aperti al flusso d’aria e al sole, entrambi i quali aiutano a prevenire malattie da funghi e problemi di insetti.

Parassiti e problemi di fave

Parassiti

Le mosche nere attaccheranno mentre la stagione si riscalda. Gli scarafaggi di semi di fava mangiano buchi nel seme, ma possono ancora germogliare.

Il tonchio di piselli e fagioli si nutrirà delle foglie e può danneggiare le giovani piantine.

I topi e altri roditori mangeranno i semi.

Malattie

Le malattie fungine e la ruggine possono essere un problema a causa delle condizioni fresche. Assicurati di lasciare molto spazio tra le piante.

A causa delle stagioni fresche, la decomposizione può essere un problema nel terreno umido. Troppa brina o neve possono danneggiare il tessuto. Prova a utilizzare un qualche tipo di copertura di fila per la protezione.

Uso alimentare

Con 7,8 g di proteine per porzione da 150 g, le fave fresche si confermano una discreta fonte proteica vegetale che può sostituire uova, pesce o carne.

Nella dieta servono poche proteine, altrimenti si affaticano i reni e le fave ne contengono il giusto!

Radicchio

Il radicchio è una cicoria da cespo molto rinomata per i suoi usi in cucina, caratterizzata da un marcato sapore amaro aromatico e gustoso, grazie al quale si presta in diverse ricette interessanti. Si tratta di un ortaggio che può essere invernale, se si seminano varietà tardive e può dare ottima soddisfazione all’orticoltore. Del radicchio…

Continue reading

Biete da taglio o erbette

La bietola ha origini antichissime: la sua antenata era parte delle coltivazioni della preistoria, quando si diffondeva naturalmente nella zona costiera caratterizzata dalla sabbia, nell’area del bacino Mediterraneo. I Babilonesi iniziarono già 3000 anni fa a cimentarsi per sviluppare la grandezza della foglia di questa pianta. Anche le popolazioni etrusche e quelle romane la…

Continue reading

Cime di Rapa, Friarielli o Broccoletti

Le cime di rapa sono un ortaggio invernale molto interessante da tenere nell’orto, perché abbastanza semplice da gestire e adattabile. Questa verdura viene tipicamente coltivata e cucinata al centro sud ma si può piantare senza problemi anche negli orti dell’Italia settentrionale, con l’accortezza di non farlo troppo tardi e di scegliere varietà precoci, visto che…

Continue reading

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *