Zabaione o zabaglione PAT Emilia Romagna

Prodotto Agroalimentare Tradizionale dell’Emilia Romagna

Zambajoun

Dolce a base di rossi d’uovo, moscato, zucchero. Lo zabaione viene preparato a caldo a bagnomaria.

Lavorate tuorli e zucchero in una ciotola aggiungendo l’amido di mais e continuando a montare. Mescolate con le fruste o con lo sbattitore elettrico fino a creare una crema gonfia, spumosa e liscia. Aggiungete poco alla volta il vino liquoroso continuando a sbattere per farlo assorbire del tutto. Cuocete a bagnomaria a fiamma bassa e mescolate di continuo senza far raggiungere l’ebollizione. Togliete dal fuoco il composto quando comincia a montare. Accompagna torte della tradizione reggiana quali la zuppa inglese e la cascatella.

Tradizionalità

Lo zabaione è una preparazione che vanta parecchi secoli di storia sul quale vi sono fonti discordanti riguardo alle sue origini ed al suo nome. Una di queste tradizioni racconta che sia stato “inventato” nel 1500 vicino a Reggio Emilia per una casualità. Si narra che il capitano di ventura Emiliano Giovanni Baglioni arrivò alle porte della città e si accampò. A corto di viveri mandò, com’era uso a quel tempo, alcuni soldati a razziare i campi dei contadini della zona. Il raccolto, però, fruttò ben poco e il Capitano Baglioni si ritrovò con uova, zucchero, qualche fiasca di vino e delle erbe aromatiche. In mancanza d’altro fece mescolare il tutto e lo diede ai soldati al posto della solita zuppa e questi ne furono entusiasti. L’uso popolare chiamava Giovanni Baglione ‘Zvàn Bajòun’ e la crema ne prese il nome diventando prima ‘Zambajoun’, poi Zabajone e infine Zabaglione.

Referenze bibliografiche

  • Libro contenente la maniera di cucinare e vari segreti e rimedi per malattie e altro. libro di casa di una famiglia reggiana del Settecento, a cura di G. bizzarri, E. Bronzoni, Ancona, Il lavoro editoriale, 1986, pag. 102;
  • Giorgio Maioli, I racconti della tavola a Reggio, Mario e M. Pia Aniballi – Edizioni GES- Bologna 1980, pag. 39-40.

Territorio di produzione

Provincia di Reggio Emilia.

Ciambelline PAT Emilia Romagna

I buslanein sono tipici della provincia di Piacenza, un tempo venduti soprattutto nei giorni di mercato agli angoli delle piazze. Fino a qualche decennio fa venivano regalati dai padrini ai cresimandi che portavano collane a bandoliera. Pare che queste ciambelline fossero già note ai primi del 1300 e che i monaci della Chiesa di San Savino ne…

Continua a leggere

Scarpasot PAT Emilia Romagna

Il principe Giovan Siro (1590-1645) Signore di Correggio e di Rossena, durante una cavalcata fuori città, sull’antico Canale dei Mulini, attuale Villa Taparelli, sostò presso un suo colono. Il povero colono si trovò nelle peste: cosa dare a quei signori abituati a cibi raffinati. La moglie Demaride, con una di quelle intuizioni che solo le…

Continua a leggere

Torta di uva Termarina PAT Emilia Romagna

Torta a base di uva vitigno Termarina, latte, vino bianco, anice, scorza di limone. Prendere l’ uva Termarina passa mettetela in una casseruola con un bicchiere di latte poi fatela bollire per un quarto d’ora con anche un bicchiere di vino bianco, due bicchierini rinfresco d’anice sopraffino e un poco di scorzetta limone grattugiata e…

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *