Vini di Calabria
SCAVIGNA DOP

SCARICA in formato PDF DISCIPLINARE VINO SCAVIGNA DOP

Scavigna DOP – Calabria

“Scavigna” è una Denominazione di Origine Protetta che identifica tre tipologie di vini: Bianco, Rosso e Rosato.

Uvaggio

Lo Scavigna bianco è vinificato a partire da uve provenienti da vigneti composti dai vitigni Traminer aromatico (fino ad un massimo del 50%), Chardonnay (massimo 30%), Pinot bianco (massimo 10%) e Riesling italico (massimo 10%). Sono ammessi anche altri vitigni a bacca bianca, idonei alla coltivazione in Calabria, ma non oltre la quota complessiva del 45%. Per la produzione del Rosso e del Rosato, invece, sono prescritti i seguenti vitigni: Aglianico (massimo 60%), Magliocco (massimo 20%) e Marsigliana nera (massimo 20%). Anche in questo caso, sempre entro il mite del 45%, è consentito l’uso di altri vitigni a bacca nera, coltivabili in regione.

Caratteristiche chimico-fisiche ed organolettiche

L’aspetto del vino Scavigna bianco (titolo alcolometrico volumico totale minimo 10,5% vol.) è bianco, con riflessi gialli che tendono al verdolino; l’odore si manifesta caratteristico, fresco, vinoso e molto gradevole; al palato risulta asciutto, pieno, armonico e piacevolmente fruttato. Il Rosato (11% vol.) ha una colorazione rosa che può presentare diversi gradi di intensità; l’odore è delicato e caratteristico; si abbina ad un sapore sapido, fresco, asciutto, armonico ed elegante. Nel Rosso (11,5% vol.) si può invece ammirare una piacevole tonalità rubino, più o meno intensa; l’odore è caratteristico e gradevole e si abbina ad un sapore secco, robusto e armonico.

Zona di produzione delle uve

La zona di produzione è piuttosto circoscritta e interessa i soli comuni di Falerna e Nocera Terinese, in provincia di Catanzaro.

Specificità e note storiche

Lo Scavigna è un vino antico, il suo nome deriva dal greco e significa zappare. Un preciso richiamo alla viticoltura locale, dove si scava il terreno per impiantare le vigne.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.