Turta del Dunizèt

Prodotto Agroalimentare Tradizionale PAT della Lombardia

Dolce tipico di Bergamo, che sembra sia nato in onore del famoso musicista e compositore bergamasco Gaetano Donizetti. Un dolce semplice e veloce, simile alla torta Margherita ma dalla tipica forma a ciambella e con l’aggiunta di albicocche e ananas canditi e aromatizzata con vaniglia e maraschino. Scopriamo insieme la leggenda che si cela dietro a questa deliziosa ricetta e la vera storia a molti sconosciuta.

Torta Donizetti: la leggenda

La leggenda narra che una sera il bergamasco Gaetano Donizetti e il collega e amico Gioacchino Rossini, fossero a cena insieme, ma che il primo fosse addolorato e affranto per colpa di una pena d’amore che non gli dava pace e che gli aveva portato via il sorriso e anche l’appetito. Fu allora che Rossini, stufo di vedere l’amico afflitto e per non farsi rovinare del tutto la cena, chiese al suo cuoco personale di preparare un dolce semplice, veloce e capace di far tornare il buon umore al compare musicista e compositore. Il cuoco si mise all’opera e tornò vittorioso con una ciambella soffice ricoperta da zucchero a velo, che al suo interno svelava albicocche e ananas canditi e il sapore inconfondibile di vaniglia e maraschino, la torta a quanto pare piacque molto al Donizetti e da allora tra le vie della città è facile sentir riecheggiare queste parole “se avete mal d’amore, basta una fetta di Turta del Donizèt e tutto passa”.

Torta Donizetti: la vera storia

Sebbene la leggenda appena raccontata possa sembrare verosimile e decisamente suggestiva la verità è un’altra. Infatti questo dolce non fu inventato dal cuoco di Rossini, ma creato e brevettato da Alessandro Balzer nel 1948, in occasione del centenario della morte di Donizetti (8 aprile 1848). Per chi conosce Bergamo il Balzer è una meta fissa per colazioni e merende all’insegna della genuina dolcezza, si tratta della storica pasticceria che dal 1936 si affaccia sul Sentierone, uno dei più importanti e famosi viali di Bergamo, proprio di fronte al Teatro Donizetti. Una trovata geniale quella dell’allora proprietario e pasticciere Alessandro Balzer, che decise di omaggiare il musicista più famoso di Bergamo e tra i più celebri operisti dell’Ottocento dedicandogli un dolce davvero speciale, facilmente replicabile a casa.

La ricetta della Torta Donizetti

La Torta Donizetti è diventata a tutti gli effetti uno dei dolci simbolo della città, la cui ricetta depositata deve rispondere ai requisiti stabiliti dal regolamento del marchio «BERGAMO, Città dei Mille… sapori». Inoltre per celebrare il grande compositore, l’8 aprile, data della sua morte, è diventata la Giornata Nazionale della Turta del Donizèt.

Luccio in bianco o in salsa alla Rivaltese PAT

Prodotto cotto dal gusto tipico del pesce di fiume, sapore delicato, non selvatico, colore del pesce biancastro. Per la preparazione il pesce viene lavato in abbondante acqua corrente, lessato per 10-12 minuti, spolpato e diliscato, guarnito poi con pepe nero, olio extravergine, noce moscata, grana padano grattugiato e spremuta di limone. Il piatto è servito…

Continua a leggere

Alborelle essiccate in salamoia PAT

Una volta pescati, i pesci (alborelle) vengono posti a seccare al sole su appositi sostegni che permettono un ampia areazione velocizzando le fasi essicative. Quando hanno raggiunto la condizione ideale, vengono poste in salamoia

Continua a leggere

Mascarpin de la Calza PAT

Latticino (non si può definire formaggio) di forma tronco-conica e costoluto. Il peso è di circa 3-5 kg. Ha crosta fiorita, pasta chiara, gusto piccante per lo stagionato, latteo per quello fresco.

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.