Toscana
MARRONE DEL MUGELLO IGP

SCARICA in formato PDF DISCIPLINARE MARRONE DEL MUGELLO IGP

Marrone del Mugello IGP

Il Marrone del Mugello IGP comprende tutti i frutti riconducibili alla varietà “Marrone Fiorentino”, ma chiamati con il nome della località del comune di provenienza. Quando è immesso al consumo, il Marrone ha una forma ellissoidale con un apice poco pronunciato. All’interno, la polpa ha una consistenza croccante con un sapore delicato e dolce.

Metodo di coltivazione

Conformemente al disciplinare, le modalità di coltivazione, la potatura e la concimazione non devono alterare le caratteristiche del frutto. Negli impianti, infatti, è vietata ogni somministrazione di fertilizzanti e fitofarmaci di sintesi. Infine, la resa massima è di kg 2.500 frutti per ettaro.

Legame tra il prodotto e il territorio

Il legame geografico del marrone con il Mugello, zona particolarmente vocata per la coltivazione del castagno da frutto, deriva principalmente dal fatto che gli ecotipi locali di castagno tutti riconducibili alla varietà Marrone Fiorentino, riprodotti agamicamente nella zona da molti secoli (come testimoniato dalla presenza di numerose piante secolari), oltre ad essere geneticamente adattate all’ambiente locale (terreni, clima, tecniche di coltivazione, ecc.), formano con esso un binomio inscindibile e conferiscono ai marroni prodotti caratteristiche peculiari tali da renderli perfettamente distinguibili da quelli di altre zone.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.