Tortelli alla lastra PAT Emilia Romagna

Prodotto Agroalimentare Tradizionale dell’Emilia Romagna

Turtèl in tla lastra, tortèlle in tla lastra, tortéij in tla lastra, gussun

Farina di grano tenero, acqua e acqua di cottura della zucca, per la sfoglia; zucca, patata, lardo, cipolla e pecorino, per il ripieno.

Lessare le patate e la zucca in due pentole separate, scolare la zucca, stringerla in un canovaccio e tenere la sua acqua di cottura. Passare le patate e la zucca nel passaverdure. In una padella soffriggere il lardo con carota, sedano, cipolla, una cimetta di rosmarino e aglio, quindi miscelare il tutto (patate, zucca e soffritto) ed impastare con del pecorino stagionato. Prendere la farina, aggiungere un pizzico di sale, aggiungere volta per volta acqua e acqua di cottura della zucca ed impastare bene, fino ad ottenre un impasto omogeneo.

Tirare la sfoglia a mano con il matterello, e riempirla con l’impasto preparato in precedenza. Sezionare con una rotellina da cucina i tortelli che dovranno avere una grandezza di cm 10×20 circa, con uno spessore totale di 1 cm circa. Il tortello verrà poi cotto sul testo (disco di terracotta), sarà da servire molto caldo ed eventualmente i più golosi potranno stenderci sopra una fetta di gota (guancia di maiale).

Tradizionalità

Da sempre considerato una delle prelibatezze delle terre della Romagna-Toscana, è sicuramente uno dei migliori alimenti “poveri” ottenuti dalla felice combinazione dei prodotti delle magre terre del crinale appenninico. Il tortello sulla lastra si mangia verso la fine dell’autunno, soprattutto per Ognissanti.

Curiosità

“Par cundì al pateti e la zöca U i vó la dóta d’una dòna bröta”.

Referenze bibliografiche

  • Tonelli, A tavola con il contadino romagnolo, 1986;
  • Giovanni Pietro Assirelli, Paysan Métayer (contadino mezzajuolo) de la commune de roccasancasciano (Romagne-Toscane – Italie) 1896;
  • Gianni Quondamatteo, Grande Dizionario (e ricettario) Gastronomico Romagnolo, 1978;
  • Armando Ravaglioli, I quaderni dell’Acquacheta (memorie e attualità di Rocca San Casciano e della Valle del Montone, 1986.

Territorio di produzione

Provincia di Forlì-Cesena, alta Valle del Bidente e alta Valle del Savio

Pane casereccio PAT Emilia Romagna

Farina tipo 1, acqua, lievito naturale acido, lievito naturale di birra, sale. Dopo l’impasto meccanico viene lavorato a mano e cotto in forno ad aria calda. Micconi da 1 kg, e micche da 500 gr. E’ il pane che si faceva nelle campagne dell’Alta Val Stirone (PR) dagli anni 55 in poi, con la farina…

Continua a leggere

Sfoglia dell’Emilia Romagna PAT

Per “sfoglia” si intende il risultato finale della lavorazione di un impasto di farina di grano tipo 00 e di uova fresche. La proporzione degli ingredienti è di circa un etto di farina per ogni uovo. L’impasto avviene attraverso la rottura delle uova nello spazio creato in modo circolare al centro della farina. La lavorazione…

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *