Puglia
TERRA D’OTRANTO DOP

Scarica in formato PDF il DISCIPLINARE TERRA D’OTRANTO DOP

Terra d’Otranto DOP

La Denominazione di Origine Protetta Terra d’Otranto si ottiene da diverse varietà di olive come “Cellina di Nardò” e “Ogliarola Leccese”, per almeno il 60%. Il restante 40% è composto da altre varietà di olive.

Metodo di produzione e caratteristiche al consumo

La coltivazione deve avvenire con sistemi di potatura tradizionali e la densità massima è di 400 piante per ettaro. L’olio extravergine Terra d’Otranto è di colore verde o giallo con leggeri riflessi verdi. Il periodo di raccolta, entro il 31 gennaio, influenza il sapore dell’olio che acquisisce un aroma fruttato di erba appena falciata, carciofo e cicoria, pomodoro e frutta di bosco. La resa massima delle olive in olio non può superare il 20%.

Tipologia di Confezionamento

Quando è immesso al consumo, il Terra d’Otranto ha un’etichetta che deve contenere tutte le informazioni previste dal disciplinare, come il nome della denominazione e l’anno di produzione delle olive.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.