Puglia
LA BELLA DELLA DAUNIA DOP

Scarica in formato PDF il DISCIPLINARE LA BELLA DELLA DAUNIA DOP

La bella della Daunia DOP

La Bella della Daunia DOP è un’oliva da tavola non utilizzata per la produzione di olio e famosa per le sue caratteristiche fisiche e organolettiche. L’oliva, di colore nero o verde intenso, ha una forma allungata che ricorda quasi una susina, la base stretta e la punta molto sottile. Il peso varia e può raggiungere un massimo di 30 g con una resa in polpa superiore dell’80%. Il contenuto di grassi del prodotto è inferiore del 15%. La Bella della Daunia ha un sapore delicato che rappresenta la bellezza della sua zona di produzione, il Gargano.

Metodo di coltivazione

Il disciplinare, all’articolo 4, descrive tutte le caratteristiche colturali tipiche della zona di produzione. La raccolta avviene direttamente dall’albero, a partire dal 1 ottobre, e varia a seconda della tipologia di olive: per le olive verdi deve essere effettuata quando la parte esterna tende al verde paglierino, mentre per le olive nere quando tende al rosso. Anche il metodo di lavorazione si differenzia a seconda della tipologia: il metodo “Sivigliano” è utilizzato per le olive verdi e il metodo “Californiano” per le olive nere. Al termine del processo di lavaggio, le olive vengono poste in appositi contenitori di vetro con salamoia e immesse al consumo.

Tipologia di confezionamento

Per essere immessa al consumo, “La Bella della Daunia” deve essere confezionata in contenitori di vetro o termoplastica aventi peso minimo di 100 g o in confezioni di latta con un peso di almeno 180 g. Inoltre, il prodotto deve riportare l’etichetta con la denominazione DOP e il logo che raffigura una danzatrice con in mano un bastoncino di ulivo, ispirata alla tradizione iconografica vascolare presente anticamente in Daunia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.