Proteggere il patrimonio naturale Europeo: il lungo viaggio della gru GRUS GRUS

Il lungo viaggio delle gru attraverso l’Europa

La gru Grus grus si riproduce nell’Europa nordorientale e in Russia in paludi, torbiere e terreni acquitrinosi all’interno di pinete e altri habitat contraddistinti dalla presenza di acque stagnanti. Dopo avere annunciato il proprio arrivo con il caratteristico suono di tromba, le coppie si esibiscono in un’elaborata danza di accoppiamento prima di iniziare a crescere i piccoli.

A settembre sono pronte a iniziare il lungo viaggio di ritorno verso i luoghi di svernamento più a sud per sfuggire al rigido clima del nord. Per il viaggio usano una delle due rotte migratorie presenti in Europa, la prima in direzione sud-ovest verso la penisola iberica e la seconda in direzione sud-est verso il Medio Oriente e le coste settentrionali dell’Africa.

Lungo la strada fanno tappa in grandi stormi in diversi luoghi di sosta nell’UE per riposarsi e “fare rifornimento”, offrendo agli occhi una vista veramente spettacolare: areali come la Laguna di Gallocanta in Spagna o Hortobágy in Ungheria possono ospitare fino a 50 000 uccelli alla volta.

Grazie alla direttiva Uccelli dell’UE, la grande maggioranza dei principali siti di riproduzione, di sosta e di svernamento è ora protetta attraverso la rete Natura 2000.

FONTE @NATURA 2000 – Proteggere la biodiversità in Europa

Carpino bianco o comune, Carpinus betulus

Il carpino bianco ha una ampia distribuzione nell’Europa centrale con limiti ai Pirenei e al Galles. In Italia si trova con frequenza nell’orizzonte montano fino a 900–1000 m come costituente dei boschi mesofili insieme alle querce caducifoglie e al faggio. In pianura si trova insieme alla Farnia a costituire le foreste planiziali. È presente anche…

Leggi di +

Terremoti: faglie attive in Italia

Terremoti L’Italia si colloca nel settore centrale del bacino Mediterraneo, caratterizzato da un complesso mosaico geodinamico, contraddistinto attualmente da zone di convergenza e di distensione con diverso grado di attività. In prevalenza, la deformazione crostale si distribuisce lungo sistemi di faglie riconoscibili in superficie, ma talvolta sepolti, e si manifesta con eventi sismici.

Leggi di +

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *