Proteggere il patrimonio naturale Europeo: il lungo viaggio della gru GRUS GRUS

Il lungo viaggio delle gru attraverso l’Europa

La gru Grus grus si riproduce nell’Europa nordorientale e in Russia in paludi, torbiere e terreni acquitrinosi all’interno di pinete e altri habitat contraddistinti dalla presenza di acque stagnanti. Dopo avere annunciato il proprio arrivo con il caratteristico suono di tromba, le coppie si esibiscono in un’elaborata danza di accoppiamento prima di iniziare a crescere i piccoli.

A settembre sono pronte a iniziare il lungo viaggio di ritorno verso i luoghi di svernamento più a sud per sfuggire al rigido clima del nord. Per il viaggio usano una delle due rotte migratorie presenti in Europa, la prima in direzione sud-ovest verso la penisola iberica e la seconda in direzione sud-est verso il Medio Oriente e le coste settentrionali dell’Africa.

Lungo la strada fanno tappa in grandi stormi in diversi luoghi di sosta nell’UE per riposarsi e “fare rifornimento”, offrendo agli occhi una vista veramente spettacolare: areali come la Laguna di Gallocanta in Spagna o Hortobágy in Ungheria possono ospitare fino a 50 000 uccelli alla volta.

Grazie alla direttiva Uccelli dell’UE, la grande maggioranza dei principali siti di riproduzione, di sosta e di svernamento è ora protetta attraverso la rete Natura 2000.

FONTE @NATURA 2000 – Proteggere la biodiversità in Europa

Albero di Giuda, Cercis siliquastrum

Il nome “Albero di Giuda” invece, è riferito alla regione della Giudea, nel Vicino Oriente, da dove originerebbe, e da presso la quale si diffuse in tutto il Bacino del Mediterraneo. Grazie anche alla sua zona di origine e alla intensa fioritura approssimativamente in tempo di Pasqua, antiche leggende, legate al primo Cristianesimo, nacquero per…

Leggi di +

Oliveti terrazzati di Vallecorsa

Vallecorsa: Gli elementi di significatività storica di questo paesaggio sono riconducibili agli oliveti, a prevalenza della varietà autoctona laziale detta Carboncella, che sono per la maggior parte coltivati a ciglioni e terrazzi. Riguardo a questi ultimi, sono presenti nel territorio svariate soluzioni costruttive e colturali che vanno dai sistemi ordinati e lineari di terrazzi, ai…

Leggi di +

Il ritorno della Foca Monaca nei mari di Lampedusa!

Foca Monaca Ma il “Vitello di mare” (così veniva chiamato in passato), o “Vòio marinu” (“Bue marino”) come la chiamano ancora oggi i Lampedusani, ha un legame antico con l’isola. Nel 1832 il botanico Giovanni Gussone riferiva che a Lampedusa ”in alcune grotte della costa vi soggiornano i vitelli marini”. Nel 1843 il Capitano di…

Leggi di +

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.