Pesto di cavallo PAT Emilia Romagna

Prodotto Agroalimentare Tradizionale dell’ Emilia Romagna

caval pisst

Il pesto di cavallo è un’eccellenza della tradizione parmigiana, un piccolo tesoro culinario da scoprire e assaggiare. La carne di cavallo è particolarmente gustosa e versatile, con tanti tagli e ottime proprietà nutritive. Dà però il meglio di sé quando viene consumata cruda. Nasce così il pesto di cavallo un piatto che fa parte della tradizione parmigiana e che ha conquistato tutta l’Italia.

Il cavallo pesto o caval pist, come viene definito in dialetto parmigiano, è un piatto tanto semplice quanto gustoso. Viene preparato con carne cruda selezionata e di altissima qualità, freschissima e di prima scelta. La polpa ha un colore rosso vivo, è priva di grasso e ha un aspetto compatto. La ricetta a tradizionale prevede di disporre la carne sul piatto, schiacciandola con una forchetta. Dopo aver raggiunto lo spessore desiderato non resterà che coprirla con dell’olio extravergine d’oliva, cipolla finemente tritata, un po’ di succo di limone e scaglie di Parmigiano Reggiano.

Tradizionalità

Il panino col cavallo pesto o, più in generale, il consumo di pesto di cavallo, a Parma è una vera e propria tradizione per i cittadini che il mercoledì e il sabato mattina fanno la fila davanti alle macellerie equine. I parmigiani lo chiamano cavàl pist: insieme alla torta fritta, è uno degli antipasti per eccellenza della città, anche in versione street food, dentro un panino.

Territorio di produzione

Parma e provincia

Torta degli Ebrei o sfogliata PAT Emilia Romagna

Finale Emilia ha esportato in Oriente condottieri militari di gran valore e ha ricevuto in cambio prelibatezze gastronomiche. Sembra infatti che la sfogliata non sia altro che la torta salata che i Turchi chiamano “Burek”, importata a Finale dalla famiglia ebraica dei Belgradi. La comunità giudaica ha custodito gelosamente il segreto della ricetta per lungo…

Continua a leggere

Torta d’erbe PAT Emilia Romagna

Si ricorda da tantissimi anni una festa chiamata, appunto, del salame e della torta d’erbe. Si celebra ancor oggi a Brunelli, piccola frazione di Borgotaro; sagra ben conosciuta e frequentata dai borgotaresi ancor oggi. Si festeggia la prima domenica di maggio, giorno in cui in quella parrocchia si celebra la Madonna Addolorata la cui statua viene…

Continua a leggere

Topino d’Ognissanti PAT Emilia Romagna

Durante la festività dei morti e dei Santi è tradizione preparare un numero di biscottini a forma di topo pari al numero dei componenti della famiglia, cosicché ciascuno possa esorcizzare quanto successo in passato mangiando il topino.

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *