Pestât PAT Friuli Venezia Giulia

Prodotto Agroalimentare Tradizionale del Friuli Venezia Giulia

Si tratta di un insaccato composto da tutti i profumi dell’orto, che dopo essere stati macinati vengono mescolati con una quantità di lardo macinato della regione dorsale del maiale, il più solido e pregiato, privato della parte molle di grasso, in un rapporto di peso di circa 50 fino al 70% di lardo e 50 – 30% di verdure. Questo insaccato tipico della zona di Fagagna (Ud) da sempre veniva realizzato nelle famiglie in occasione della macellazione dei maiali per poter conservare i profumi dell’orto nel periodo invernale ed utilizzarli come base per diverse pietanze: minestrone, minestre, carni, frittate, verdure cotte e saltate in padella etc. Era un insaporitore che utilizzava il lardo come conservante assieme al sale e pepe.

Nel corso delle macellazioni sui suini viene tenuto da parte il lardo della parte dorsale del maiale, viene tolta la cotica e privato della parte grassa molle e ridotto in striscioline che vengono lasciate al fresco prima di essere macinate con una granulometria simile a quella dei tradizionali salami. Le verdure dell’orto utilizzate sono: sedano gambo e foglie, carote, cipolla, prezzemolo, aglio, rosmarino, salvia, timo, maggiorana. Le verdure lavate e mondate vengono macinate con la stessa piastra usata per il lardo.

Lardo macinato e verdure vengono mescolate in maniera uniforme e come conservante si usa sale e pepe. Il tutto viene insaccato con apposita insaccatrice in budello del diametro voluto. Generalmente si usa lo stesso diametro dei salami, ma non è raro che vengano utilizzate budella del diametro della soppressa. Naturalmente gli insaccati vengono forati con l’apposito attrezzo al fine di favorire lo sgrondo del liquido abbondante prodotto dalle verdure macinate. Questi insaccati vengono conservati in cantina come i salami, la conservazione può durare anche più di un anno senza peggioramento delle qualità organolettiche del prodotto.

Da qualche anno si è diffusa l’abitudine di conservare il “pestat”, in via alternativa all’insaccato, attraverso l’utilizzo di contenitori di vetro in cui il prodotto viene confezionato, previo sgrondo dei liquidi in eccesso. Con la conservazione attraverso insaccati in budello il pestat concentra i profumi e gli aromi diventando nel corso dei mesi sempre più gradevole all’olfatto. Nella conservazione va fatta attenzione affinchè la temperatura dei locali non superi i 20 gradi al fine di ridurre ossidazioni del lardo.

Tradizionalità

Nel corso della manifestazione denominata Fieste dal Purcitar, tenuta a Fagagna in occasione del Santo Patrono dei Norcini (San Antonio Abate), è stato possibile intervistare norcini di Fagagna e della zona raccogliendo le ricette un tempo realizzate e che continuano ad essere utilizzate nelle normali macellazioni della zona. Queste tradizioni si tramandano da più di 100 anni nelle abitudini locali.

Territorio: Tutto il territorio del Friuli Venezia Giulia.

Abadie, Paul

Paul Abadie (1812-1884) è stato un importante architetto francese noto soprattutto per il suo ruolo nello sviluppo del revival romanico e per essere il principale architetto della Basilica del Sacré-Cœur a Montmartre, Parigi. Ecco una panoramica della sua vita e delle sue opere principali: Paul Abadie è nato il 9 novembre 1812 a Parigi, in Francia. Ha studiato architettura sotto la guida di suo padre, Paul Abadie Sr., un architetto affermato. Successivamente, ha studiato all’École des Beaux-Arts di Parigi, dove è stato allievo di Achille Leclère.

Continua a leggere

Calandraca PAT Friuli Venezia Giulia

La Calandraca ha origini che risalgono ai tempi in cui i marinai dovevano preparare pasti nutrienti e sostanziosi con gli ingredienti che avevano a disposizione durante le lunghe navigazioni. Ogni famiglia e comunità di pescatori ha la propria versione del piatto, ma tutte condividono l’essenza di utilizzare ingredienti semplici e da far cuocere lentamente per sviluppare sapori profondi e ricchi.

Continua a leggere

Aalto, Alvar Hugo Henrik

Hans von Aachen (1552–1615) è stato un importante pittore tedesco del tardo Rinascimento e del periodo manierista. È riconosciuto per il suo stile intricato ed elegante, che spesso includeva temi mitologici e allegorici

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *