Olmaria, Spirea Ulmaria

NOME COMUNE: Olmaria

Olmaria

NOME SCIENTIFICO: Spiraea ulmaria L. – Filipendula ulmaria (L.) Maxim.
FAMIGLIA: Rosaceae
NOMI POPOLARI: Regina dei prati, Barba caprina, Fior d’oro, Reginella.

NOMI STRANIERI:

  • (Eng) Meadowsweet
  • (Fra) Ulmaire, Reine des pres
  • (Ger) Echte Mädesϋβ
  • (Esp) Ulmaria

DESCRIZIONE BOTANICA

Pianta erbacea perenne con rizoma strisciante, alta fino a 150 cm. Le foglie sono decidue, dentate o lobate, verde scuro sulla pagina superiore, biancastre su quella inferiore. I fiori sono bianchi o rosati, piccoli e raccolti in vistose infiorescenze, chiamate corimbi. I frutti sono piccole capsule.

L’habitat della spirea

La spirea cresce bene nei luoghi umidi (da qui il nome di olmaria palustre) delle regioni continentali, dalla pianura fino a 1500 m di altitudine. Manca nelle zone costiere mediterranee.

ETIMOLOGIA DEL NOME/STORIA E TRADIZIONI: il nome Spirea deriva dalla parola greca “speira” in riferimento ai frutti a forma di spirale. Ulmaria invece deriva da Olmo, in quanto le due piante hanno foglie a prima vista molto simili.

L’olmaria è una pianta erbacea perenne della famiglia delle Rosaceae, originaria dell’Europa, che cresce in ambienti umidi. Può misurare fino a 1,5 metri di altezza. Si caratterizza per la densità delle sue foglie, per il colore rossastro del suo fusto e per i suoi piccoli fiori bianco-giallastri con un forte odore di mandorla. I suoi frutti formano una spirale, da qui il suo altro nome di “spirea”.

Nel Medioevo la regina dei prati era sacra e già utilizzata per le sue proprietà medicinali. Nell’Ottocento si scoprì che i fiori dell’olmaria, come la corteccia del salice bianco, contenevano acido salicilico, che sarebbe diventato il principio attivo dell’aspirina. L’aspirina prende il nome dal nome della pianta “spirea”. La storia della medicina e il trattamento del dolore hanno vissuto una svolta importante.

I fiori dell’olmaria contengono anche flavonoidi, che sono antiossidanti presenti in molti alimenti, oltre a vitamina C, zolfo, calcio, ferro, tannini, zuccheri, glucosidi … “Meadowsweet” è un’alternativa all’aspirina. Questi composti gli conferiscono un potenziale analgesico e antinfiammatorio. È tradizionalmente utilizzato per alleviare mal di testa e dolori articolari (reumatismi, artrosi).

COME SI USA IN COSMETICA

L’infuso viene usato per fare impacchi, bagni parziali o pediluvi dall’azione antinfiammatoria e come coadiuvanti nella riduzione dei dolori articolari.

PROPRIETA’ E BENEFICI

I fiori e le sommità fiorite della spirea sono usate in fitoterapia nel trattamento dei dolori articolari, gli stati febbrili e influenzali per effetto delle sue proprietà antinfiammatorie, diuretiche e antispasmodiche. Il suo fitocomplesoo contiene derivati salicilici (aldeide salicilica, salicilato di metile, salicilato di etile) ben conosciuti grazie all’acido acetilsalicilico, principio attivo dell’aspirina, flavonoidi, vitamina C, oli essenziali e sali minerali.

INFUSO

Infuso: mettere 1 cucchiaio grande raso di erbe secca in una tazza d’acqua calda per circa 10 minuti. Filtrare e bere 2/3 tazze al giorno. Non bisogna fare bollire la pianta in quanto si causa la perdita dei principi attivi.
Tintura madre (Soluzione Idroalcolica): 60 gocce 2 volte al giorno, sciolte in un po’ d’acqua..
Estratto secco (titolato 0,2-1,9% in flavonoidi): 500/600 mg al giorno.

RIMEDIO NATURALE PER:

A cosa serve? Utile come rimedio naturale in caso di:

  • Tansioni articolari
  • Tensioni muscolari
  • Gotta
  • Mal di testa e dolori di varia natura
  • Stati influenzali, mal di gola, raffreddore

CONTROINDICAZIONI: si sconsiglia di assumere la pianta insieme ad antiaggreganti o anticoagulanti di sintesi ed in caso di allergia all’Aspirina.

Fonte @erbecedario.it

Descrizione della pianta

La spirea ulmaria è una pianta erbacea perenne alta circa un metro e mezzo, diffusa in Europa, tranne le coste del Mediterraneo, Asia occidentale e settentrionale e America del Nord. Cresce nei luoghi umidi fino ad altezze di 1500 metri. I fiori si sviluppano nel periodo estivo e sono di colore bianco crema. Le foglie hanno un colore verde scuro.

Appartiene alla famiglia delle Rosacee e può avere diversi nomi, come Filipendula ulmaria Maxim, Spiraea ulmaria L, Spirea olmaria e Olmaria palustre. Quest’ultimo nome riferito alla presenza della pianta nelle zone paludose.

Il nome più diffuso e cioè spirea deriva da “speira” che significa spirale riferendosi proprio alla forma dei fiori. La spirea ulmaria è molto usata in fitoterapia. Le parti a cui vengono attribuite proprietà officinali sono proprio i fiori e le sommità fiorite della pianta che vengono raccolte durante la stagione estiva recidendole sotto l’infiorescenza.

Equiseto, Equisetum arvense

Portamento: fusto verde sterile da 50 cm privo di semi e fiori. Caratterizzato da rigature e stami verticillati. Si moltiplica tramite spore diffuse da un secondo tipo di fusto, alto circa 20 cm e di colore grigio. Questo fusto, caratterizzato da uno strobilo alla sommità, compare nella base della pianta nel periodo primaverile. Dopo la…

Leggi di +

Corbezzolo, Arbutus unedo

Corbezzolo – Arbutus unedo Il corbezzolo è elemento caratteristico della macchia mediterranea, ove costituisce complessi puri o vive in consorzio con altri elementi termofili, così come nelle macchie a Mirto, Alloro, Leccio, Lentisco e Sughera; il suo areale va dalla Penisola Iberica e dall’Africa sino al Mar Nero. È diffuso quindi nei paesi del Mediterraneo…

Leggi di +

Zenzero: radice del benessere

Comunemente noto come “Ginger”, ma in Botanica “Zingiber”, lo Zenzero è una pianta erbacea perenne originaria dell’India, dove viene ampiamente coltivato, ma è diffuso anche in Cina, Sud-Est Asiatico, Filippine, Australia, nelle regioni tropicali dell’Africa oltre che in Giamaica. Appare come un cespuglio voluminoso dotato di un rizoma, ossia di un prolungamento interrato del fusto,…

Leggi di +

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *