Altea

NOME COMUNE: Altea

NOME SCIENTIFICOAlthaea officinalis L.

FAMIGLIA: Malvaceae

NOMI POPOLARI: Malvavischio, Varmarosa, Bismalva, Bonavischio, Pramariscu, Narbonia

NOMI STRANIERI:

  • (Eng) Althaea
  • (Fra) Guimauve officinale
  • (Ger) Gebräuchlicher eibisch
  • (Esp) Altea

DESCRIZIONE E STORIA

DESCRIZIONE BOTANICA

  • Portamento: eretto con fusto ricoperto di morbidi peli. Può superare 1,5 m di altezza.
  • Foglie: picciolate e di forma ovale con un margine irregolare e dentato, presentano 3-5 lobi di colore bianco-verde.
  • Fiori: fioriscono in estate e hanno un colore che varia dal bianco al rosa.
  • Radice: lunga e carnosa, all’interno è di una colorazione giallastra.

ETIMOLOGIA DEL NOME/STORIA E TRADIZIONI: pianta molto conosciuta ed usata fin dall’antichità, infatti al suo nome è stato dato il significato di “guarigione” proprio per il suo largo uso nella medicina tradizionale. Veniva usata per il suo potere emolliente e lenitivo, spesso usato per frizionare le gengive sensibili dei bambini durante la comparsa dei primi dentini.

NOTE: in fitoterapia le mucillagini dell’Altea sono considerate sicure, non presentano molte controindicazioni e si possono tranquillamente utilizzare in caso di problemi ad andare di corpo, stipsi, stitichezza anche durante la gravidanza.

DOVE SI TROVA

HABITAT: diffusa nel centro-nord dell’Italia. Predilige ambienti umidi, paludosi e ricchi d’acqua.

TEMPO E MODALITA’ DI RACCOLTA O COLTIVAZIONE: si raccoglie la radice, dall’autunno (settembre/ottobre) alla primavera (marzo) nel suo secondo anno di età. Successivamente si deve decorticare e dividere in pezzi per essiccarla correttamente ad una temperatura non minore ai 40 gradi. Le foglie, invece, vanno raccolte a fine primavera, usate fresche o essiccate all’ombra.

UTILIZZO

PARTE UTILIZZATA: radice e foglie

COME SI USA IN COSMETICA: molto usata come idratante, lenitivo per la pelle. Ottima in impacchi per occhi stanchi e palpebre gonfie.

COME SI USA IN CUCINA: vengono usate le foglie e i fiori per preparare delle minestre.

PROPRIETA’ E BENEFICI

PRINCIPALI COMPONENTI

  • Mucillagini
  • Pectine
  • Steroli
  • Amido

PROPRIETA’ SALUTISTICHE PRINCIPALI

Le principali proprietà benefiche dell’Altea sono:

  • L’Altea mostra spiccate attività emollienti, infatti è stato usato come rimedio naturale contro tossi secche, faringiti, bronchiti esercitando un’azione antinfiammatoria sulle prime vie respiratorie. Proprio grazie al suo alto contenuto di mucillagini esercita un effetto emolliente anche sul tratto gastro-intestinale rivestendolo con un sottile strato mucillaginoso le mucose, utile per proteggerle in caso di reflusso e iper-acidità. Valido rimedio naturale soprattutto in caso di stipsi, dona emollienza alle feci facilitandone l’evacuazione.

FORME IN CUI SI UTILIZZA

Ecco alcuni utilizzi, quando assumerlo e la posologia.

Tisana: si prepara una macerazione a freddo, mettendo circa 30g di radice di Altea in 500ml di acqua a temperatura ambiente. Lasciare il tutto a contatto per circa 5 ore e successivamente filtrare e bere durante il giorno.

RIMEDIO NATURALE PER:

A cosa serve? Utile come rimedio naturale in caso di:

  • Stitichezza
  • Tosse, faringiti, bronchiti
  • Gastrite, reflusso, acidità

CONTROINDICAZIONI: non associare con tannini ed alcool.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.