Lino comune, Linum usitatissimum L.

NOME COMUNE: Lino Comune

NOME SCIENTIFICOLinum usitatissimum L.

FAMIGLIA: Linaceae

NOMI POPOLARI: Lino mazzese, Lino comune, Lino usuale, Lin, Len, Linetto, Linu virniticu

NOMI STRANIERI:

  • (Eng) Flax
  • (Fra) Lin commun
  • (Ger) Gemeiner Lein
  • (Esp) Lino

DESCRIZIONE E STORIA

DESCRIZIONE BOTANICA

  • Portamento: pianta erbacea annuale che va dai 30 ai 60 cm di altezza. Presenta un fusto eretto, abbastanza fragile e ramificato.
  • Foglie: lanceolate.
  • Fiori: azzurri, abbastanza grandi, con 5 petali, 5 sepali e 5 stami.
  • Frutto: capsule che contengono piccoli semi il cui colore varia dal marrone al giallo, a seconda della varietà di Lino.

ETIMOLOGIA DEL NOME/STORIA E TRADIZIONI: il nome “Linum” deriva dalla famiglia a cui appartiene “Linaceae” che proviene dal greco “lìnon” che successivamente divenne “linum” in latino e “lino” in italiano. Mentre il termine “usitatissimum” deriva dal latino ed è il superlativo di “usitatus” ovvero “usuale, comune” e quindi “comunissimo”.

NOTE: Nessuna nota.

DOVE SI TROVA

HABITAT: ha origine Indiane, in passato è stato vastamente utilizzato da Egizi, Greci e Romani. Nella zona mediterranea le prove di coltivazione risalgono a ben 6.000 anni fa. Cresce nelle zone con clima mite. In paesi più freddi si ottiene la miglior produzione di fibra di lino, in particolare in Russia, Francia, Paesi bassi e Romania.

TEMPO E MODALITA’ DI RACCOLTA O COLTIVAZIONE: Il lino viene coltivato per il seme o per la fibra (per produrre tessuti, carta, cordame). La raccolta dei semi di lino avviene quando le capsule si scuriscono, mentre per il lino da fibra il periodo migliore è quando perde le foglie basali e il fusto si ingiallisce.

UTILIZZO

Ecco a cosa serve e come usare l’olio di Lino in erboristeria, dal punto di vista cosmetico, e come si usano i semi di Lino in cucina.

PARTE UTILIZZATA: semi

COME SI USA IN COSMETICA: l’olio di lino viene utilizzato come ingrediente cosmetico in gel, oli per capelli e saponi. Si può realizzare un bagno rinfrescante ed emolliente aggiungendo all’acqua della vasca 1-2 litri dell’acqua di macerazione dei semi di lino. Oppure nella realizzazione di un cataplasma (impacco caldo da poggiare al petto).

COME SI USA IN CUCINA: dai semi di lino si ricava la farina e l’olio, utilizzati per preparare diverse pietanze e ricette.

PROPRIETA’ E BENEFICI

PRINCIPALI COMPONENTI

  • Mucillagini: arabinosio, galattosio, ramnosio, xilosio, acido mannuronico e acido galatturonico
  • Fibre
  • Acidi grassi: acido linoleico, acido alfa-linolenico, acido oleico
  • Proteine, fosfatidi, triterpeni e steroli
  • Lignani
  • Glucosidi cianogenetici (1%): neolinustatina, linustatina

PROPRIETA’ SALUTISTICHE PRINCIPALI

Le principali proprietà curative e terapeutiche del Lino sono:

  • Dolcemente lassativa (grazie alle mucillagini, che richiamano acqua all’interno del lume intestinale formando un gel voluminoso che stimola i movimenti peristaltici
  • Ipocolesterolemizzante (grazie all’alto contenuto di omega-3 dell’olio di lino)

FORME IN CUI SI UTILIZZA

Ecco alcune indicazioni sugli utilizzi, il dosaggio e la posologia. Semi di lino (interi o contusi): 5 g di semi da lasciare a macerare per 30 minuti in almeno 150 ml d’acqua. Da assumere con un bicchiere d’acqua 2-3 volte al giorno. L’effetto comincia dopo 18-24 ore. Quando i semi di lino vengono impiegati per sfruttare il loro effetto lassativo, è fondamentale un’opportuna quantità d’acqua, al contrario potrebbero insorgere fenomeni di occlusione intestinale. Evitare di prolungare il trattamento con semi di lino oltre le 3-4 settimane. I semi di Lino possono essere assunti anche in forma di zuppa: triturare 1 cucchiaio di semi, lasciarli a riposare in acqua bollente e poi unirli a una passata di verdure. Cataplasma: mettere 60 g di farina di lino in 250 ml d’acqua e far cuocere per circa 5 minuti fino a che non si ottiene una pasta abbastanza densa. Quindi applicare sul petto il più caldo possibile, avvolgendolo in un telo di cotone e ripetendo più volte l’applicazione (uso popolare per favorire il benessere delle vie respiratorie)

RIMEDIO NATURALE PER:

A cosa serve? Utile come rimedio naturale in caso di:

  • Stitichezza
  • Colesterolo alto

CONTROINDICAZIONI:

I semi di lino sono generalmente considerati sicuri, ma è molto importante assumerli con una adeguata quantità d’acqua per evitare il rischio di occlusione intestinale. Evitare l’assunzione dei semi di lino in caso di sensibilità individuale verso la pianta o verso alcuni suoi componenti. Evitare l’assunzione in contemporanea con i farmaci in quanto, a causa del loro alto contenuto in mucillagini, potrebbero causare una riduzione del loro assorbimento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.