Minestra di castagne PAT Emilia Romagna

Prodotto Agroalimentare Tradizionale dell’Emilia Romagna

La minestra di castagne è un piatto tradizionale ricco di storia e sapore, particolarmente diffuso in molte zone montane di Reggio Emilia. Questa zuppa calda e nutriente è preparata con castagne, un ingrediente che ha radici profonde nella cucina autunnale e invernale. Per iniziare la preparazione della minestra di castagne, le castagne vengono generalmente cotte e poi pelate. Questo processo può essere laborioso, ma il risultato è una polpa cremosa e dolce che conferisce un sapore unico alla zuppa.

Gli ingredienti aggiunti alla base di castagne possono variare a seconda della tradizione culinaria locale. Spesso si utilizzano cipolla, sedano, carote e aglio per creare un soffritto che arricchisca il brodo. Erbe aromatiche come rosmarino e timo possono essere utilizzate per dare profondità di sapore.

Il brodo può essere preparato con brodo di verdure o di carne, a seconda delle preferenze personali o delle restrizioni dietetiche. Alcune versioni della minestra di castagne prevedono l’utilizzo di pancetta o prosciutto per un tocco di salato che si armonizza perfettamente con la dolcezza delle castagne.

La consistenza della minestra può variare da cremosa a più rustica, a seconda di come le castagne sono preparate e se vengono frullate o lasciate intere. Spesso, la zuppa è servita con una spruzzata di prezzemolo fresco o una spruzzata di formaggio grattugiato per un ulteriore livello di gusto.

Questa minestra non è solo una delizia per il palato, ma rappresenta anche un connubio di tradizione e comfort culinario. La sua preparazione può essere un’occasione per riunire famiglia e amici intorno al tavolo, con il profumo avvolgente della minestra di castagne che riscalda cuore e anima nei mesi più freddi.

Territorio di produzione

Reggio Emilia e provincia

Chizze reggiane PAT Emilia Romagna

Pasta del gnocco fritto, formaggio parmigiano reggiano fresco (poco stagionato) o pesto dei tortelli verdi o dell’erbazzone. Preparare la pasta del gnocco fritto. Con il mattarello tirare una sfoglia dello spessore di circa tre millimetri e poi tagliarla facendo dei quadrati. Sulla metà di ogni quadrato disporre delle sottilissime fettine di grana reggiano e ripiegare…

Continua a leggere

Anisetta, anisèta PAT Emilia Romagna

Un elisir prodotto dal 1834 nel laboratorio dello speziale Ero Cavalli Cocchi, in prossimità del ponte di S. Pellegrino, molto amata dai reggiani per le sue qualità digestive. Gli ingredienti sono molto ricercati, con l’anice dell’Andalusia, il seme stellato della Polinesia e quella di Faenza simile al seme di finocchio. L’anice è un seme conosciuto…

Continua a leggere

Torta di riso reggiana PAT Emilia Romagna

Torta di riso reggiana La sua diffusione a Reggio Emilia nasce grazie alle “mondine”, le donne più giovani delle famiglie contadine che nei primi anni del 1900, durante la raccolta del riso, si trasferivano nelle piantagioni nelle zone di Vercelli. Il riso, oltre al denaro, costituiva una parte importante dello stipendio della mondina, da qui…

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *