“Living wall” in Elizabeth Street – LONDRA

Descrizione testuale fornita dagli architetti. Project by Scotscape-Groundscape Team.

Green Wall Elizabeth Street

Questo “muro vivente verde” di 19,2 m2 è stato installato su Elizabeth Street a Belgravia di Londra come parte del focus sull’inverdimento urbano e la rigenerazione di Grosvenor Gran Bretagna e Irlanda

Questo muro si affianca alla piantumazione esistente in Victoria Coach Station di Londra che è stata installata dallo Scotscape-Groundscape Team.

Al fine di soddisfare i piani d’azione sulla biodiversità Il muro vivente contiene un totale di 876 piante di cui 676 hanno un alto valore specifico di biodiversità per sostenere gli impollinatori e gli insetti per il loro sostentamento.

Il giardino Verticale

I giardini verticali sono il futuro del design, poiché collegano la natura con le nostre case, offrendo una transizione graduale e rilassante tra la vita interna e quella all’aperto.

Leggi di +

Edifici a basse emissioni di carbonio

Le emissioni derivanti dalla gestione degli edifici hanno raggiunto il livello più alto mai raggiunto nel 2019, allontanando ulteriormente il settore dal realizzare il suo enorme potenziale di rallentare il cambiamento climatico e contribuire in modo significativo agli obiettivi dell’accordo di Parigi, secondo un nuovo rapporto pubblicato oggi.

Leggi di +

Il progetto dell’architetto portoferraiese Massimiliano Pardi a servizio della spiaggia considerata fra le più belle d’Italia

PORTOFERRAIO — Un progetto che ha fatto parlare di sè dalle pagine di alcune riviste specializzate di settore. E’ Il nuovo ristorante – bar Reef Sansone , collocato sul promontorio che si affaccia sulla spiaggia, all’interno della Costa Bianca di Portoferraio nel Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano, a servizio della spiaggia di Sansone, tra le dodici spiagge più belle…

Leggi di +

Il percorso verso un futuro più verde inizia nelle nostre città

Le emissioni derivanti dalla gestione degli edifici hanno raggiunto il livello più alto mai raggiunto nel 2019, allontanando ulteriormente il settore dal realizzare il suo enorme potenziale di rallentare il cambiamento climatico e contribuire in modo significativo agli obiettivi dell’accordo di Parigi, secondo un nuovo rapporto pubblicato oggi.

Leggi di +

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.