The Dixon Water Foundation Josey Pavilion

PANORAMICA DEL PROGETTO

Il Josey Pavilion è un centro multifunzionale di formazione e incontro che sostiene la missione della Dixon Water Foundation di promuovere bacini idrografici sani attraverso una gestione sostenibile del territorio. Tradizionalmente il bestiame ha causato più danni che benefici a causa del pascolo eccessivo e del fatto che le nostre praterie native non svolgono il loro ruolo importante nella protezione dell’habitat e dei bacini idrografici e nel trattenimento del carbonio. Il Josey Pavilion facilita una più profonda comprensione di come il bestiame al pascolo ed il costruito possono lavorare insieme per migliorare il nostro ambiente.

Come affermato dalla dott.ssa Lisa Bellows, una professoressa di biologia del North Central Texas College che utilizza regolarmente la struttura, “Il padiglione è un luogo per l’apprendimento e la raccolta, per gli scolari che ridono con le mani fangose ​​e gli allevatori che si scambiano storie e strategie. Ma è anche uno spazio per la tranquillità. Non esiste un ronzio meccanico onnipresente che pervade la colonna sonora delle vite indoor della maggior parte dei texani. Seduti nell’erbario o riposati sotto il portico, puoi ascoltare profondamente, il silenzio della prateria, o il silenzio delle erbe e il rumore silenzioso delle foglie di quercia attraversate da una brezza. Ti senti coinvolto in una calma intenzionale, come essere nel mezzo di un branco al pascolo, uno che lavora diligentemente tra altri interconnessi in un insieme equilibrato “.

Progetto e Innovazione

Gli obiettivi iniziali del cliente erano chiari: progettare uno spazio per riunioni confortevole e una struttura educativa per aiutare tutti coloro che vengono a conoscere la Dixon Water Foundation come quest’ultima utilizzi il bestiame come strumento per ripristinare le nostre praterie native e creare bacini idrografici più sani. La struttura non doveva avere riscaldamento o raffreddamento attivo ed essere progettata per adattarsi alle condizioni meteorologiche di ogni determinato giorno. Ciò ha portato a un edificio che potrebbe piegarsi e aprirsi in base alla temperatura e alle condizioni del vento.

Un edificio che ha abbracciato la semplicità e la serenità della prateria del Texas settentrionale mentre fungeva da lente attraverso la quale comprendere e apprezzata meglio la nostra terra.
Questa visione si è ampliata una volta che ci siamo avvicinati al cliente con l’idea di creare il progetto per essere un edificio vivente completamente restaurativo che avrebbe cercato lo stesso equilibrio ecologico raggiunto nei ranch di Dixon Water Foundation creando un’esperienza immersiva di luogo biofilico. L’edificio ora va ben oltre i criteri di fornire riparo per l’apprendimento e racconta una storia più forte che amplia il pubblico della Dixon Water Foundation e supporta pienamente una più profonda comprensione della conservazione dei pascoli e dei suoi importanti vantaggi collaterali, tra cui il trattenimento di emissioni di carbonio e quelli dell’acqua, dell’energia, rimanendo in equilibrio con gli ecosistemi.

Integrazione Comunità e Territorio

Le praterie native del nostro mondo stanno scomparendo a causa della cattiva gestione del territorio e della mancanza di comprensione del valore olistico delle nostre praterie native. La Dixon Water Foundation lavora a livello regionale e internazionale per invertire questa tendenza. La 2014 Holistic Management International Conference si è tenuta presso il centro educativo del padiglione. Persone dal Canada all’Africa hanno partecipato alla conferenza incentrata sulla motivazione, il collegamento e il sostegno di agricoltori, allevatori e amministratori del territorio attraverso la pratica della gestione olistica che migliora la salute ambientale, sostiene la redditività economica e migliora la qualità della vita delle comunità agricole e ranch .

Gli allevatori locali tengono riunioni mensili presso il centro educativo e trovano conforto e familiarità nella semplicita della forma tradizionale del padiglione con grandi sporgenze e portici profondi e invitanti. Gli studenti civici e scolastici viaggiano spesso in autobus per visitare il centro educativo per le giornate sul campo imparando a conoscere la salute dei bacini idrografici, la fauna selvatica e le piante autoctone. “Kids on the Land”, un programma sponsorizzato dalla fondazione, utilizza un approccio integrato di scienza, tecnologia, ingegneria e matematica per insegnare ai bambini la regione in cui vivono. Il programma utilizza il Josey Pavilion per aiutare i bambini a relazionarsi alla terra e incoraggiarli a vivere un futuro più sostenibile.

Uso del Suolo ed Ecologia del sito

Il Josey Pavilion promuove la connessione umana con la terra e l’acqua. Attente strategie di posizionamento hanno utilizzato il design biofilico per fornire un ambiente riparato come luogo allettante di sicurezza e comfort da cui i visitatori possono osservare l’orizzonte. L’edificio è costituito da due tetti a due spioventi identici, bassi che formano un cortile ombreggiato attorno ad una quercia secolare e quindi sono leggermente separati per consentire una grondaia ampia e condivisa che celebra il valore dell’acqua piovana raccolta.

All’ingresso, i visitatori vedono la terminazione della grondaia condivisa dove le catene della pioggia scendono in un trogolo di cemento alimentato dal ricircolo dell’acqua piovana raccolta. Questo abbeveratoio poco profondo fornisce l’habitat per uccelli e mammiferi mentre funge da elemento di divertimento per i visitatori che si siedono lungo il portico, sentono il gocciolio dell’acqua e apprezzano il ruolo che l’acqua gioca nel raffreddare le brezze estive che passano sopra l’abbeveratoio. Il trabocco da questo abbeveratoio viene catturato da una serie di “swales” canaline che rallentano l’acqua piovana, permettendole di penetrare gradualmente nel terreno nutrendo la quercia viva e reintegrando la falda acquifera “Trinity” sottostante.

Progettazione Bioclimatica

Il Josey Pavilion è stato progettato per non avere riscaldamento o raffreddamento attivo e adattarsi alle condizioni meteorologiche in un determinato giorno. Le porte in legno spalancate si aprono per consentire la massima ventilazione attraverso lo spazio di raccolta centrale e lungo i portici orientati per catturare le fresche brezze estive da sud-est. Le porte girevoli in vetro a est e ovest del centro educativo possono essere regolate per consentire all’angolo sud-est di essere completamente aperto, massimizzando l’impatto di queste brezze di raffreddamento.

Le cupole non solo forniscono luce diurna agli spazi, ma sfruttano anche la pressione negativa risultante dalle brezze che scivolano sul tetto, aiutando a far uscire l’aria calda dal padiglione e aumentando la velocità dell’aria che si muove attraverso lo spazio.
Gli elementi costruttivi del centro educativo possono anche essere adattati per fornire riparo dai forti venti invernali nordoccidentali. Con un fattore di apertura derivato da quello di un albero, il perno in legno e le porte scorrevoli aiutano a bloccare il vento che altrimenti sferzerebbe i portici e gli spazi tra gli edifici. Le finestre a cupola possono essere chiuse in inverno per mantenere più aria calda e ridurre al minimo il flusso d’aria attraverso lo spazio.

Luce ed aria

Il Josey Pavilion è stato progettato per agire come un albero isolato nel mezzo della prateria. Proprio come l’ “Heritage Live Oak” che definisce il sito, l’edificio tempera il clima e migliora l’esperienza dei visitatori offrendo loro una copertura dal sole, bloccando il vento e fornendo viste protette. Sebbene protetti, i visitatori sono comunque connessi con l’esterno, sperimentando la luce diurna filtrata e la ventilazione naturale in ogni spazio del progetto.

Lo spazio di incontro principale è orientato lungo un asse est-ovest, ideale sia per la luce diurna che per la ventilazione naturale, con porte a doghe a nord e sud e una cupola centrale sul tetto per consentire l’ingresso di luce e aria nello spazio. Ciascuno degli altri, spazi più chiusi, impiega strategie simili per fornire luce diurna, panorami e aria fresca.
Sebbene semplice, nulla della progettazione di queste strategie era dato per scontato. Sono state utilizzate simulazioni per garantire che la luce del giorno fosse adeguata e persino un’analisi CFD è stata utilizzata per studiare il flusso d’aria attraverso e intorno allo spazio. Dopo il completamento, le misurazioni della luce diurna hanno confermato che gli spazi erano luminosi e visivamente confortevoli, mentre i test di qualità dell’aria hanno confermato che l’aria all’interno di ciascuno degli spazi era fresca e pulita come l’aria presente nella prateria.

Ciclo dell’Acqua

Il Josey Pavilion funge da strumento dimostrativo per come mitigare gli effetti negativi dei rifiuti e dell’acqua piovana. L’acqua piovana viene raccolta dal tetto e immagazzinata in una cisterna da 13.000 galloni. Quest’acqua viene utilizzata per il convogliamento delle acque reflue e per esigenze di irrigazione occasionali. La zona umida costruita purifica e restituisce tutta l’acqua utilizzata nel padiglione alla falda acquifera. Così l’acqua sotterranea pompata nei pozzi del padiglione alla fine diventa di nuovo acqua sotterranea. In questo modo, mentre gli ospiti interagiscono con i sistemi idrici del progetto, vengono collegati a un ciclo dell’acqua su piccola scala che è parallelo al modo in cui la pioggia viene raccolta in uno spartiacque, utilizzata da piante e persone, elaborata dalle zone umide – i reni della natura – e restituita alle falde acquifere sottoterra.

Un progetto remoto userebbe tipicamente un sistema settico e un campo di lisciviazione per trattare le acque reflue; tuttavia, i sistemi settici sono una delle principali cause di inquinamento delle acque sotterranee perché non puliscono efficacemente i nutrienti in eccesso. Il Josey Pavilion dimostra un modo migliore per trattare le acque reflue e proteggere i nostri bacini idrografici. La sola zona umida costruita ha attirato molti visitatori, tra cui il Waste Water Manager per la vicina città di Denton e gruppi di studenti universitari dell’Università del Nord Texas.

Flussi Energetici e Futuro dell’Energia

La principale strategia di riduzione energetica della sostituzione dei sistemi meccanici con sistemi passivi ha portato a un risparmio di 334.194 kBtu di energia che previene 72 tonnellate di emissioni di carbonio. Occorrono 180 ettari di pascolo in un anno per risparmiare la stessa quantità di carbonio.
A causa di questa mancanza di sistemi attivi, il consumo energetico rimanente è stato per l’acqua calda, i ventilatori a soffitto, l’illuminazione, le prese, le apparecchiature e gli elettrodomestici. L’acqua calda era limitata alla cucina ed è fornita da uno scaldacqua istantaneo pronto all’uso, che ha ridotto l’energia di riscaldamento dell’acqua di oltre il 90% una volta stabiliti i modelli di occupazione.

L’illuminazione è a LED e controllata da timer e sensori in modo che siano spenti quando l’edificio non è occupato. Anche gli elettrodomestici da cucina sono stati scelti per l’efficienza.

La più grande incognita era il sistema di zone umide costruito, che alla fine utilizza più della metà dell’energia del progetto. Questo sistema di pompe e filtri ha tempi di funzionamento variabili in base all’uso e alla pioggia. Per questo motivo, abbiamo monitorato l’energia dell’edificio su base giornaliera e apportato modifiche per risparmiare energia quando possibile.
Il componente finale della nostra strategia energetica è l’array solare da 4kW, che compensa oltre il 150% del consumo energetico del progetto.

Materiali e Costruzione

La trasparenza era al centro di ogni fase del nostro processo materiale. Dalla richiesta ai produttori di divulgare i componenti chimici dei loro prodotti alla pubblicazione della matrice del materiale finale sul nostro sito Web, siamo andati oltre i rigorosi requisiti della Living Building Challenge per garantire che anche il resto della comunità dell’architettura potesse trarre vantaggio dai nostri sforzi.
Tutti i 186 materiali che compongono il Josey Pavilion sono stati accuratamente controllati per garantire che i materiali fossero privi di elementi nocivi, di provenienza locale e prodotti eco sostenibili.

La nostra strategia utilizzava una semplice tavolozza di materiali incentrata su prodotti che erano lavorati al minimo e naturalmente durevoli. La struttura e il rivestimento in legno di pino Sinker non hanno richiesto trattamenti chimici. L’acciaio è stato lasciato arrugginire, formando naturalmente uno strato protettivo senza bisogno di prodotti chimici o manutenzione. I muri perimetrali bassi e non finiti in cemento sono stati progettati per sedersi, ma fungono anche da elemento di durabilità alzando la base delle colonne e delle pareti in legno e riducendo l’esposizione del legno alla pioggia e al sole.

I materiali utilizzati non erano diversi da quelli utilizzati nella maggior parte dei ranch del Texas, il che evoca una confortevole familiarità e autenticità non comunemente riscontrabili nell’ambiente costruito moderno.

Durabilità e adattabilità

Il Josey Pavilion è progettato per durare nel tempo. Viene utilizzata una semplice tavolozza di materiali naturalmente resistenti e il più delicato di questi materiali, il Sinker Long Leaf Pine, è protetto da grandi sporgenze e sollevato da terra da un muro di cemento che funge anche da muro di seduta lungo il bordo dei portici .

Sebbene i clienti non siano venuti da noi chiedendo un edificio che potesse crescere al mutare delle esigenze della fondazione, il Josey Pavilion è costruito in un modo in cui è possibile flessibilità e adattabilità a lungo termine. Sono stati utilizzati collegamenti bullonati in tutto il telaio strutturale, il che consentirebbe una facile decostruzione e ricostruzione. Inoltre, gli edifici sono costituiti da due forme di timpano identiche.

A tre delle quattro estremità del timpano, i portici formano l’ultima baia strutturale e proteggono le pareti terminali dal duro sole orientale e occidentale. Nello spazio per riunioni principale, questi portici potrebbero essere catturati e le grandi porte girevoli in vetro che attualmente racchiudono lo spazio potrebbero essere rimosse e riposizionate nella baia strutturale più esterna per guadagnare un ulteriore spazio per riunioni di 900 piedi quadrati.

Fonte @AIA.ORG

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.