IL nuovo St. Pete Pier by Rogers Partners

Un tempo rifugio per pensionati e frequentatori di resort, St. Petersburg, in Florida, “St. Pete ”per la gente del posto – ha subito una rinascita culturale e demografica negli ultimi anni.

Oggi, bar, ristoranti e musei punteggiano il litorale del centro, attirando giovani residenti e visitatori di tutte le età.

E ora un nuovo molo di St. Pete estende questa scena animata più lontano nella baia di Tampa. Il molo pubblico di 12 acri, progettato da Rogers Partners, ASD | SKY, e Ken Smith Workshop, è una revisione moderna da $ 56 milioni di un punto di riferimento locale destinato a una nuova generazione, come parte di un più ampio progetto di riqualificazione del Pier District di 26 acri.

Il molo precedente, costruito nel 1973 (anche se la prima iterazione qui risale al 1889), era una passerella “car-frendly” che culminava in un controverso edificio a piramide rovesciata con un ristorante in cima e negozi sotto.

DEMOLIZIONE MOLO PRECEDENTE

Ma nel 2004, le sue pile usurate non erano più solide. Così la struttura è stata demolita sette anni fa e la città ha lanciato un concorso di progettazione che ha permesso al pubblico di decidere il futuro del sito.

Uno schema di Michael Maltzan Architecture è stato selezionato da un comitato, ma gli elettori lo hanno respinto nel 2013. Dopo un nuovo concorso, il comitato ha scelto uno schema di Rogers Partners, che il pubblico ha approvato. (Separatamente, W Architecture e lo studio locale Wannamacher Jensen sono stati scelti per progettare un progetto di 14 acri nella parte occidentale del sito, per includere mostre di arte pubblica, un mercato, un parcheggio e l’accesso al porto turistico esistente.)

Il team di Rogers ha imparato dal respingimento del pubblico contro il piano di Maltzan, che è stato criticato per essere troppo simile al vecchio molo.

“C’erano alcuni punti in comune tra il vincitore iniziale del concorso e il design a piramide invertita”, afferma Elizabeth Stoel, partner associato di New York e Rogers Partners, con sede a Houston.

“È stata una lunga passeggiata, senza ombra e senza posti dove fermarsi lungo la strada.” Il piano della competizione fallito “ci ha davvero fatto ascoltare la comunità”, afferma il partner associato Vince Lee.

NUOVA ESTENSIONE SISTEMA DEI PARCHI

La “collana verde” del litorale pubblico lungo il centro è ciò che rende St. Pete così speciale, hanno capito gli architetti, non solo il molo come attrazione isolata. “Ci ha fatto guardare il nuovo molo sotto una luce completamente diversa, come un’estensione di quel sistema di parchi”, dice Lee, con programmi e topografia molto più vari di una passerella tradizionale.

Il socio fondatore dell’azienda, Rob Rogers, chiama questo “la molteplicità contro la singolarità”.

Gli architetti hanno scelto di rendere l’intero progetto esclusivamente pedonale, ad eccezione dei tram per l’accessibilità.

All’incrocio tra lo schema guidato da Rogers e quello di W Architecture, una piazza centrale si estende a nord nella “spiaggia termale”, dove un nuovo frangiflutti crea aree protette per i nuotatori e aiuta a prevenire l’erosione.

Dalla piazza, i visitatori possono esplorare un “prato inclinato” triangolare di 10.000 piedi quadrati, una struttura in cemento piantumata con erba che si inclina leggermente verso l’alto, formando una piattaforma panoramica che si alza oltre la testa del molo.

Mettersi in relazione con PAESAGGIO ED ACQUA

Questa funzione, afferma l’architetto paesaggista di New York Ken Smith, “strategicamente ed esteticamente” spezza il molo in tratti più brevi. “Se fosse piatto dalla terraferma al molo, sembrerebbe una distanza interminabile.” Queste mosse stabiliscono anche destinazioni lungo la lunghezza del molo, non solo nel punto finale.

“Abbiamo preso qualcosa che era fondamentalmente un’esperienza orizzontale”, dice Lee, “e gli abbiamo dato una topografia che ti consente di avere tutte queste diverse relazioni con il paesaggio e l’acqua”.

Il variegato piano promette nuove possibilità ad ogni visita, che si tratti di una breve corsa lungo il perimetro o di un’esplorazione di ore di tutti i punti di contatto del molo. Il progetto completato comprende tre edifici di Rogers Partners: un padiglione per pasti informali, un centro educativo e il St. Pete Pierhead a cinque livelli, con ristoranti, negozi e un bar sul tetto.

IL NUOVO MOLO

Il nuovo molo è significativamente più alto rispetto alla precedente iterazione, in previsione di mareggiate e innalzamento del livello del mare. Mentre la maggior parte dei vecchi componenti strutturali sono stati rimossi, una serie di pali di cemento in quella che Rogers chiama “aula umida” è stata mantenuta come parte di un’esperienza di apprendimento all’aperto gestita dall’organizzazione non profit locale Tampa Bay Watch.

Qui, il ponte del molo in cemento gettato in opera scende come un anfiteatro appena sopra la linea di galleggiamento, offrendo un’esperienza intima con la baia, adiacente all’edificio di educazione ambientale.

“Nel tempo, gli habitat si sviluppano su quelle pile”, spiega Lee. “Abbiamo pensato che sarebbe stata una sovrapposizione interessante”, per avere questi ecosistemi naturali in mostra presso il centro educativo.

I progettisti hanno anche conservato quattro cassoni che un tempo sostenevano l’edificio a piramide rovesciata e ora sostengono un ponte da pesca nel punto più lontano del molo. Una mossa fondamentale, secondo Rogers, è stata ruotare leggermente il nuovo edificio Pierhead di 18.000 piedi quadrati in modo che guardi anche verso l’orizzonte del centro, invece che solo “a ovest morto” nel tramonto penetrante sull’acqua.

La struttura in cemento ha generose pensiline metalliche perforate che forniscono ombra durante il giorno e un’illuminazione ad incasso delicatamente diffusa di notte.

Il motivo delle sporgenze profonde sulle strutture del molo, dice Rogers, sono “un omaggio alla tradizione modernista della Florida”. Il Pier oggi fonde il vivace centro della città con la bellezza naturale della Florida. Come afferma lo stesso Rogers, l’esperienza finita è uno “spettacolo” sull’acqua, dove la città incontra la baia.

Fonte @Architecturalrecord Photos ©Rich-Montalbano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.