Fava larga di Leonforte PAT

Prodotto Agroalimentare Tradizionale della Sicilia (Partinico)

Descrizione del prodotto

Fava larga di Leonforte PAT

Territorio interessato alla produzione: Leonforte, Assoro, Enna.

Descrizione sintetica del prodotto: Fava Leonfortese o fava turca, fresca o secca. Questo legume, conosciuto anche come “carne dei poveri”, è un valido sostituto alla carne in quanto ricco di “proteine”, le quali si sa, sono necessarie per l’organismo.Le sue origini albergano proprio nella zona di “Leonforte“, in provincia di Enna e per merito delle sue peculiarità è un ingrediente molto utilizzato nella gastronomia tipica regionale.

Descrizione delle metodiche di lavorazione e stagionatura: Semina manuale a metà novembre, scerbatura manuale, raccolta tra maggio e giugno.

Materiali e attrezzature specifiche utilizzate per la preparazione e il condizionamento: Scarsamente meccanizzata, sistemi tradizionali per la selezione, pesatura all’aia.

La “fava di Leonforte” è un alimento tipico della Sicilia, dal sapore deciso e avvolgente.

Caratteristiche

Tale legume è più grande rispetto alla fava comune e si presenta in due modi differenti.

Il più comune, reperibile in diversi momenti dell’anno, è nella forma: essiccata. Con questa formula il prodotto ha maggiore durata e conserva ugualmente le sue caratteristiche intrinseche, inoltre non ha bisogno di una pre-lavorazione lunga e si cuoce con facilità.

Il secondo tipo è reperibile durante il periodo di raccolta, solitamente il mese di Marzo, ed è nel formato “fresco” e ancora “verde”.

Dopo la cottura nel primo caso e fresche nel secondo, entrambe mostrano il tipico “sapore intenso” e il particolare aroma piacevole che sono in grado di conferire al piatto un tocco unico.

In cucina

Se ami dilettarti in cucina e ti piace sperimentare ricette e alimenti nuovi, queste fave possono fare al caso tuo.

La perfetta combinazione di consistenza e gusto delle fave di Leonforte fresche, le rende ideali per:

  • arricchire un antipasto con i salumi e i formaggi.

Se invece hai quelle essiccate, puoi preparare il “Macco”, ovvero:

  • una deliziosa crema di fave propria della regione, il cui sapore corposo è in grado di soddisfare anche i palati più fini.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *