Cavolo rapa

Il cavolo rapa è un ortaggio molto amato dagli appassionati di agricoltura, ed è l’ideale per la coltivazione nell’orto domestico. Si presta a diversi usi in cucina, dal consumo crudo tal quale, fino alla preparazione di ricette più elaborate. Si tratta di una cultivar rustica, tipica del periodo autunnale, che si affianca alla coltivazione delle altre crucifere: cavolo verza, cavolo cappuccio, cavolfiore, cavolo nero, cavolo broccolo.

Brassica oleracea var. gongyloides – Nome scientifico
Cavolo rapa – Brassica oleracea var. gongyloides

Brassica oleracea var. gongyloides è una crucifera che si differenzia molto dagli altri cavoli. La sua caratteristica principale è l’ingrossamento che si forma alla base degli steli, subito sopra le radici.

Questa formazione ampia e tonda (detta anche “testa”) è grossa quanto una mela ed è molto simile, per forma e dimensione, a una rapa. Questa testa di rapa viene, in modo improprio, considerata come la radice della pianta. La radice, in realtà, è invece ramificata nel terreno ed è collegata alla testa da uno stelo piuttosto corto.

Le foglie sono inserite sulla testa. Sono verde pallido e lobate in basso. Quando cadono lasciano sulla rapa una caratteristica ed evidente cicatrice. Le foglie basali sono piuttosto strette, con nervatura mediana e picciolo ingrossati.
Sia la testa che le foglie sono commestibili e, come vedremo, molto gustose.

CLIMA

Il cavolo rapa è una cultivar molto rustica, che può essere coltivata in qualsiasi zona climatica del nostro Paese. Come abbiamo già accennato le varietà tardive sanno resistere al gelo.

TERRENO

Il terreno ideale per la coltivazione del cavolo rapa è quello sabbioso, con una buona dotazione di sostanza organica.
Per concimare in pre-trapianto si può utilizzare o il risultato del compost domestico, ma vanno bene anche lo stallatico in pellet o l’humus di lombrico.

Per quanto riguarda l’irrigazione, essendo una cultivar autunnale le esigenze idriche sono limitate. Tuttavia soffre i terreni secchi, quindi è bene avere un sistema d’irrigazione a goccia da usare al bisogno, specie quando le precipitazioni sono scarse.

SEMINA

Questa crucifera può essere acquistata in vivaio oppure seminata nel semenzaio in polistirolo. Bisogna tener conto che passano circa 40-50 giorni dal momento della semina al trapianto.
Il periodo migliore per la coltivazione è l’autunno.

Rispetto alle altre crucifere, ha meno esigenze in termini di spazio. Le piantine possiamo metterle a dimora a una distanza di 20 cm tra una pianta e l’altra e di 40 tra le file.

Tecniche colturali

IRRIGAZIONE

Per quanto riguarda l’irrigazione, essendo una cultivar autunnale le esigenze idriche sono limitate. Tuttavia soffre i terreni secchi, quindi è bene avere un sistema d’irrigazione a goccia da usare al bisogno, specie quando le precipitazioni sono scarse.

PACCIAMATURA 

Il cavolo rapa, per crescere sano e rigoglioso, ha bisogno di essere mantenuto pulito dalla presenza di erbe infestanti. A questo scopo, conviene usare la pacciamatura naturale con paglia, che oltre ad evitare le infestanti diminuisce il fabbisogno idrico.
Se non si può pacciamare con la paglia (o un altro materiale organico), occorre di volta in volta sarchiare, ossia togliere le erbacce a mano.

RACCOLTA DEL CAVOLO RAPA

Il cavolo rapa deve essere raccolto quando le teste sono abbastanza ingrossate e prima che diventino dure e legnose. Con l’arrivo dei primi freddi la qualità migliora e acquisisce un sapore gustoso e aromatico.

Malattie e parassiti: i nemici di questo cavolo

Il parassita più temibile per il cavolo rapa è la cavolaia, che può danneggiare le foglie. Inoltre, se agisce quando le piante sono giovani, può provocarne una crescita stentata.
La cavolaia si controlla col macerato di foglie e femminelle di pomodoro, rimedio naturale che bisogna però preparare per tempo.
Se non vi è possibile fare scorta di macerato, si può intervenire con il bacillus thuringiensis varietà kurstaki.

Proprietà alimentari e utilizzi in cucina

Risotto alla barbabietola rossa

Il cavolo rapa è un ortaggio con ottime proprietà nutrizionali.
E’ ricco di vitamine, in particolare C, A e, in misura minore, gruppo B. Contiene inoltre betacarotene e acido folico.
Come accennato anche le foglie sono commestibili e tra l’altro ricche di sali minerali.

RICETTE CON IL CAVOLO RAPA

Risotto alla barbabietola rossa e robiola

Fonte @coltivazionebiologica.it

Fave

Le fave sono verdure fresche, coltivate all’inizio della primavera o in autunno. Le fave sono state coltivate per migliaia di anni e si dice che siano state trovate nelle tombe egizie. Sebbene siano comunemente chiamate fave, le fave possono avere nomi diversi in paesi diversi. La fava conosciuta come Windsor o straight bean (sottospecie faba…

Leggi di +

Catalogna cicoria, puntarelle

La produzione delle puntarelle è sicuramente un’avventura di sicura soddisfazione. Per questa coltivazione vanno utilizzate prevalentemente due varietà di cicoria (Cichorium intybus), e cioè: la cicoria puntarella di Gaeta, caratterizzata da germogli più lunghi e affusolati e la varietà cicoria puntarella di Galatina, caratterizzata invece dai germogli interni più grossi e compatti.

Leggi di +

Zucca
Coltivazione BIO

Per sapere come coltivare la zucca in maniera biologica dobbiamo sapere che con il termine zucca si identificano i frutti di diverse piante appartenenti alla famiglia delle Cucurbitaceae, in particolare alcune specie del genere Cucurbita (Cucurbita maxima, Cucurbita pepo e Cucurbita moschata) ma anche specie appartenenti ad altri generi come la Lagenaria vulgaris o la…

Leggi di +

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.