L’accordo del Consiglio dell’UE è in linea con le ambizioni del Green Deal?

EU GREEN DEAL

Il 21 luglio, i leader dell’UE hanno concordato un pacchetto da 1,8 trilioni di euro che dovrebbe favorire la ripresa dopo la crisi COVID-19, ma anche contribuire al progresso degli obiettivi sociali chiave dell’UE, a partire dalla transizione climatica. In questo post del blog valutiamo le ambizioni ecologiche del pacchetto e ne valutiamo la coerenza con il Green Deal europeo.

Dopo 91 ore di negoziati, il 21 luglio i leader dell’UE hanno concordato un pacchetto da 1,8 trilioni di euro che contribuirà al riavvio economico dell’UE dopo la ricaduta di COVID-19, nonché al progresso degli obiettivi sociali chiave dell’UE, a partire dalla transizione climatica.

Il pacchetto combina 1.074,3 miliardi di euro per i bilanci dell’UE per il 2021-27 (vale a dire il cosiddetto quadro finanziario pluriennale o QFP) e 750 miliardi di euro per il nuovo strumento di recupero dell’UE chiamato Next Generation EU (NGEU).

Ciò è considerevole e rappresenta anche un grande passo avanti per l’UE, dato il primo utilizzo dei prestiti dell’UE per finanziare le sovvenzioni.

Negli ultimi mesi, sia il presidente von der Leyen che il presidente Michel si sono impegnati a concentrare questo pacchetto sulla “massima priorità” della Commissione Von der Layen: la transizione climatica.

Le ambizioni ecologiche del pacchetto concordato

In questo post, valutiamo le ambizioni ecologiche del pacchetto concordato e ne valutiamo la coerenza delle ambizioni ecologiche con il Green Deal europeo.

1 – Un obiettivo realistico del 30% di tutte le spese EU sul clima

Un obiettivo climatico globale del 30% si applicherà all’importo totale delle spese del MFF e del NGEU.

Ciò implica che, in diverse forme e tempistiche, tra il 2021 e il 2027 circa 547 miliardi di euro di risorse “fresche” dell’UE saranno rese disponibili per la transizione verde.

Ciò rappresenta all’incirca un quarto degli investimenti necessari per raggiungere un obiettivo di riduzione delle emissioni del 50-55% per il 2030, stimato a 300 miliardi di euro all’anno.

Dato questo ordine di grandezza, è chiaro che solo il settore privato è in grado di fornire gli investimenti necessari per la transizione verde.

Tuttavia, se adeguatamente investiti, i fondi dell’UE hanno un ruolo importante da svolgere, anche sfruttando investimenti aggiuntivi da parte dei governi e del settore privato.

Ciò è particolarmente vero per i cosiddetti “investimenti abilitanti”, come gli investimenti in reti elettriche intelligenti o infrastrutture di ricarica per auto elettriche; quelli sono necessari per sbloccare gli investimenti del settore privato in soluzioni di energia pulita e mobilità.

Come abbiamo discusso in precedenza, questo obiettivo dovrebbe essere gestito con attenzione.

I contributi previsti ai rischi di spesa legati al clima devono essere sopravvalutati.

Non tutte queste spese possono essere considerate investimenti verdi, o anche spese verdi, poiché sono molto diverse, vanno dai sussidi all’agricoltura ai finanziamenti per la ricerca e l’innovazione.

Questo è il motivo per cui abbiamo suggerito alla Commissione europea di rivedere la metodologia di come le spese siano considerate un contributo agli obiettivi climatici.

L’attuale metodologia è profondamente imperfetta, rafforzata di recente dalla Corte dei conti europea.

È bello vedere che i leader dell’UE hanno risposto alla sfida chiedendo alla Commissione europea di sviluppare una metodologia efficace per monitorare la spesa climatica e le sue prestazioni e riferire su di essa annualmente.

Ciò rappresenta un passo importante per garantire che l’obiettivo del 30% sia realisticamente la spesa per il clima.

2- Entro la fine del 2020 la UE aggiornerà l’obiettivo di riduzione delle emissioni entro il 2030

Nell’ambito dell’accordo, i leader dell’UE hanno anche convenuto di aggiornare l’obiettivo di riduzione delle emissioni dell’UE 2030 entro la fine del 2020.

Si tratta di un impegno importante, poiché il raggiungimento dell’obiettivo attuale invia un chiaro messaggio che la traiettoria di decarbonizzazione dell’UE sta decisamente andando verso la neutralità climatica entro il 2050.

E questo è importante per fornire un chiaro segnale a tutti gli attori del mercato in merito alla velocità della transizione verde dell’UE , che consente loro di prendere le loro decisioni di investimento oggi.

Nel suo primo discorso di fronte al Parlamento europeo, il presidente von der Leyen si è impegnato ad aumentare l’obiettivo di riduzione delle emissioni dell’UE dal 40% al 50-55% al ​​di sotto dei livelli del 1990.

Il cancelliere Merkel ha recentemente affermato che uno degli obiettivi chiave della presidenza tedesca dell’UE sarà quello di costruire un consenso su questa revisione obiettivo tra i 27 Stati membri.

Nel suo impegno, il Consiglio dell’UE rafforza significativamente questo processo.


3 – Just Transition Fund: dimezzato il fondo

I leader dell’UE hanno dimezzato il Just Transition Fund (JTF) rispetto alla proposta della Commissione, da 40 a 17,5 miliardi di euro.

Questo è uno dei principali aspetti negativi dell’accordo, che ha visto importanti investimenti NGEU in beni pubblici dell’UE (non solo JTF, ma anche sanità, ricerca e cooperazione internazionale) che sono stati sostanzialmente ridotti per poter raggiungere un accordo unanime.

Questo taglio alla JTF non è chiaramente il benvenuto, poiché lo strumento rappresenta un elemento importante per garantire l’inclusione sociale e l’accettabilità politica della transizione verde.

Data questa situazione, sarà ora ancora più importante dare la priorità alle regioni ad alta intensità di “carbon” – e in particolare alle regioni di estrazione del carbone – nell’assegnazione dei fondi strutturali e di coesione dell’UE.

In precedenza avevamo suggerito di migliorare la proposta JTF:

i) concentrare lo strumento sul sostegno sociale alle popolazioni nei territori in transizione e, in misura minore, sul ripristino del territorio,

ii) semplificare le metodologie di assegnazione, per includere anche l’aspirazione delle strategie di transizione dei paesi presentate alla Commissione europea,

iii) modifica del metodo di pre-allocazione del fondo, per renderlo più granulare. Dati i rinnovati vincoli di finanziamento, riteniamo che tali suggerimenti siano ora più importanti che mai.


4 – Trasformare la Banca europea per gli investimenti nella banca climatica dell’UE

La BEI dovrebbe essere in grado di fare di più per finanziare la transizione verde.

Questo è il motivo per cui la decisione di ridurre i fondi della NGEU dedicati a InvestEU da € 30,3 miliardi nella proposta della Commissione a soli € 5,6 miliardi nell’accordo del Consiglio non è una buona notizia, poiché tali fondi avrebbero dovuto in parte incoraggiare la BEI ad aumentare i suoi investimenti in progetti ecologici più rischiosi, ma potenzialmente molto gratificanti.

Tuttavia, il volume dei nuovi prestiti erogati dalla BEI è diminuito ogni anno dal 2015 e anche il suo ammontare complessivo di prestiti è diminuito.

Anche senza InvestEU, la BEI ha chiaramente un certo margine di manovra per agire con più forza: il suo coefficiente patrimoniale è aumentato negli ultimi anni e la sua leva finanziaria è diminuita dal 2012.

Inoltre, secondo i suoi statuti (articolo 16.5), può prestare fino a due volte e mezzo il suo livello di capitale sottoscritto (più riserve e profitti), il che significa che il suo portafoglio di prestiti potrebbe raggiungere circa € 600 miliardi, rispetto a circa € 450 miliardi oggi.

La BEI attualmente beneficia di tassi molto favorevoli per i suoi prestiti dai mercati dei capitali e sarebbe un peccato non sfruttare questa opportunità per finanziare progetti validi che possono contribuire alla lotta contro i cambiamenti climatici.

In precedenza abbiamo sostenuto che se i paesi dell’UE fossero (indebitamente) preoccupati per il rating della BEI, dovrebbe essere fatto un aumento di capitale.

I leader dell’UE ora invitano il consiglio dei governatori della BEI a rivederlo entro la fine del 2020.

Ciò rappresenta una finestra unica di opportunità, in cui la BEI potrebbe davvero diventare la banca climatica dell’UE.


5 – Concentrare il 40% della spesa per la politica agricola comune (PAC) sul clima

Nell’ambito dell’accordo, i leader dell’UE hanno convenuto di dedicare il 40% delle spese della PAC all’azione per il clima.

La PAC rappresenta la seconda voce di spesa più grande nel bilancio dell’UE dopo la coesione.

La modernizzazione della PAC è diventata sempre più pressante, dato che esistono forti prove che dimostrano che, sebbene offra un buon sostegno al reddito, specialmente per gli agricoltori più ricchi, è molto meno efficace quando si tratta di inverdimento e biodiversità, infatti è persino dannoso all’ambiente.

Al fine di attuare questa modernizzazione e garantire un’efficace spesa per il clima del 40%, la Commissione europea dovrà adottare politiche e azioni di monitoraggio efficaci nei prossimi sette anni.

Questa è la chiave per realizzare i pilastri ambientali e della biodiversità del Green Deal europeo.

6 – Risorse proprie dell’UE: imposta sulla plastica, adeguamento delle frontiere dell’anidride carbonica e riforma del sistema di scambio di quote di emissioni

I leader dell’UE hanno convenuto di fornire all’Unione nuove risorse proprie per rimborsare i fondi raccolti nell’ambito della NGEU.

Hanno concordato un nuovo prelievo sulla plastica che sarà introdotto nel 2021, nonché una misura di adeguamento dell’anidride carbonica che sarà preparata anche nella prima metà del 2021.

I leader dell’UE hanno chiesto alla Commissione europea di proporre una revisione del sistema di scambio di quote di emissioni dell’UE ( ETS) in un modo che si estende ai settori dell’aviazione e marittimo.

Qui avremmo sperato in una posizione molto più forte sui prezzi del carbonio.

Mentre le imprese ripensano le catene del valore dopo la crisi COVID-19 e mentre i governi iniettano stimoli nelle economie depresse, il ruolo della tariffazione del carbonio nel dare forma alla crescita è oggi più ampio rispetto ai tempi normali.

L’invito a rivedere l’ETS è ben accetto e dovrebbe concentrarsi non solo sull’espansione settoriale, ma anche sulla riduzione del numero di quote immesse sul mercato dai paesi dell’UE per aumentarne il prezzo.

I leader dell’UE avrebbero anche dovuto dare la priorità a una riforma della direttiva sulla tassazione dell’energia, che è la chiave per decarbonizzare i trasporti e il riscaldamento.

Verdetto finale

È corretto affermare che il pacchetto non tradisce il Green Deal europeo. Spetta ora ai singoli paesi dell’UE presentare piani nazionali di risanamento che sono veramente ecologici e alla Commissione europea controllarli debitamente. In generale, questo è il piano di risanamento più verde che il mondo abbia visto finora.

Fonte @bruegle.org

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.