Idrogeno per recupero, crescita e occupazione verde.

“Attualmente stiamo vivendo tempi eccezionalmente difficili … Ora abbiamo un’opportunità unica per ricostruire meglio, creare un’economia adatta alle sfide future, più competitiva, inclusiva, più intelligente e, ovviamente, sostenibile. L’idrogeno è una parte fondamentale di questo viaggio “, ha affermato Henrik Hololei, Direttore generale per la mobilità e i trasporti, Commissione europea, nel suo discorso di apertura all’evento di un giorno PrioritHy.

Parte della settimana europea dell’idrogeno, l’evento online è stato organizzato congiuntamente dall’impresa comune Fuel Cells and Hydrogen (FCH JU) e dall’Organizzazione nazionale tedesca Hydrogen and Fuel Cell Technology (NOW) GmbH in occasione del semestre di presidenza tedesco della Consiglio dell’Unione Europea. L’evento è stato organizzato con il supporto della Commissione Europea e in collaborazione con il Ministero Federale Tedesco dei Trasporti e dell’Infrastruttura Digitale.

La tecnologia dell’idrogeno verde e delle celle a combustibile ha il potenziale per soddisfare le esigenze gemelle a livello mondiale relative alla decarbonizzazione e al recupero dall’impatto finanziario della pandemia di coronavirus. I leader politici, della ricerca e dell’industria hanno condiviso le migliori pratiche per costruire un’economia dell’idrogeno pulita nelle regioni e hanno scambiato opinioni su come la cooperazione europea e internazionale può accelerare la transizione verso un’economia europea climaticamente neutra che sostiene la crescita e l’occupazione.

L’incontro virtuale ha riunito centinaia di partecipanti, con circa 3.000 partecipanti iscritti a ciascuna delle sessioni più popolari. Le discussioni hanno riguardato strategie europee e nazionali, in particolare nel paese ospitante, la Germania, insieme ad esempi di regioni sperimentali dell’idrogeno, partenariati urbani e regionali per l’idrogeno, finanziamenti nazionali e dell’UE, iniziative FCH e dell’UE e il ruolo della cooperazione internazionale, con il contributo dei ministri in Cile, Marocco e Portogallo, nonché partner in Norvegia, Stati Uniti e Australia.

Connettiti per la cooperazione

Bart Biebuyck, direttore esecutivo dell’IC FCH, ha sottolineato il valore degli approcci integrati nel suo saluto congiunto con NOW. “FCH JU e NOW hanno sempre lavorato bene insieme sui trasporti e sulle infrastrutture digitali, ad esempio, nel coordinamento del finanziamento di progetti o nell’organizzazione di eventi congiunti come l’Hannover Messe. È ora che entrambi gli organismi di attuazione intensifichino la loro cooperazione e cerchino maggiori sinergie … una cooperazione profonda sarà l’unico modo per l’Europa di mantenere la sua leadership “.

Kurt-Christoph von Knobelsdorff, amministratore delegato (presidente) di NOW, ha aggiunto: “L’obiettivo oggi e per il futuro sarà quello di collegare i punti tra le attività regionali, da un lato, e la creazione internazionale di un’economia dell’idrogeno, d’altra parte.”

Andreas Scheuer, ministro federale dei trasporti e delle infrastrutture digitali (BMVI) nel governo federale tedesco, ha fatto eco a questo tema nel primo discorso di apertura. “Vorrei incoraggiarci a concentrarci non solo sugli sforzi nazionali, ma anche per ampliare la nostra prospettiva e trovare una soluzione globale in modo che l’idrogeno diventi il ​​motore meraviglioso del futuro”. (…) “È necessaria per la crescita, la prosperità e l’occupazione in Europa. Abbiamo bisogno di una partnership globale e questa è una delle nostre priorità “. Ha menzionato la cooperazione della Germania con il Marocco e il Cile, le iniziative europee come il programma Importanti progetti di interesse comune europeo sull’idrogeno e il valore degli investimenti pubblici mirati e del supporto normativo per un’economia dell’idrogeno pulita.

Henrik Hololei ha riassunto i risultati e le ambizioni della DG MOVE in questo campo: “A livello politico e industriale, tutti parlano dell’idrogeno come carburante del futuro”. (…) “Credo nell’idrogeno come soluzione chiave per il futuro per rendere la mobilità e il trasporto più sostenibili in tutti i modi. Per i prossimi passi, abbiamo bisogno di uno sforzo comune europeo per sviluppare ulteriormente soluzioni innovative e per portarle sul mercato “.

Maria de Graça Carvalho, eurodeputata e copresidente dell’intergruppo per gli investimenti sostenibili, a lungo termine e l’industria europea competitiva del Parlamento europeo ha parlato del potere dell’IC FCH di collegare le attività: “Lo stanno già facendo per coinvolgere più regioni nelle loro attività. Questo ha molti vantaggi. Uno di questi è aprire la partecipazione, perché non possiamo lasciare indietro le regioni “.

Visione internazionale

Nella tavola rotonda finale, i relatori hanno discusso il ruolo dell’UE nell’espansione dell’economia internazionale dell’idrogeno. Hanno parlato di passi verso una rinascita economica di energia pulita che sia vantaggiosa per tutti i consumatori, le imprese e il clima.
• Tudor Constantinescu, consigliere principale presso la DG ENER, ha affermato: “Il Green Deal e i piani di ripresa sono estremamente importanti per l’Europa. Il Green Deal mira a rendere gli obiettivi per il 2030 più ambiziosi e non a rimandare le nostre azioni. Ciò porterà anche molti investimenti aggiuntivi nel prossimo decennio. Questo investimento sarà molto favorevole all’idrogeno e molto favorevole per il rilancio della nostra economia “.

Comunicato Stampa della https://www.fch.europa.eu/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *