Pianeta sano salute pubblica sana

One Health è un approccio intersettoriale e transdisciplinare che enfatizza i modi fondamentali in cui la salute degli esseri umani, degli animali domestici e selvatici, dei funghi, delle piante, dei microbi e degli ecosistemi naturali e costruiti sono interdipendenti. Gli approcci One Health riconoscono i legami tra la salute umana e una serie di problemi ambientali tra cui biodiversità, clima, acqua dolce, cibo, sostanze chimiche nocive e oceani sani.

Tuttavia, la comunità della conservazione e il suo ampio interesse per la biodiversità e il mondo naturale sono stati particolarmente carenti nelle discussioni su One Health. In parte come risultato, sia la politica che la pratica sono state strettamente focalizzate su uno o pochi collegamenti tra la salute umana e quella di altre persone, come il nesso tra salute umana e fauna selvatica.

Forniamo una serie di principi e componenti che bilanciano le discussioni esistenti includendo il mondo naturale e la biodiversità e forniscono un quadro per un coinvolgimento più attivo da parte della comunità di conservazione. L’incorporazione di questi principi e componenti consentirà alla pratica One Health di guidare sforzi inclusivi, multidisciplinari e intersettoriali che considerino i costi e i benefici condivisi della salute umana, animale, vegetale ed ecosistemica e aiutino a riadattare la ricerca dell’umanità di un ambiente verde, giusto e percorso di sostenibilità equo.

La pandemia di COVID-19, oltre alle morti e alle sofferenze umane, ha creato enormi difficoltà sociali ed economiche. I governi dei 50 paesi con le maggiori economie hanno ora impegnato oltre 14 trilioni di dollari in fondi di recupero (O’Callaghan & Murdock, 2021). I piani di risanamento presuppongono implicitamente che si otterranno risultati più sani se tutti i fattori naturali, sociali ed economici saranno adeguatamente affrontati.

Ricostruire in modo migliore o più ecologico, soluzioni basate sulla natura e altri sforzi simili cercano di correggere il rapporto tra uomo e natura. Incarnano anche ciò che la Dasgupta Review chiama la semplice verità che le economie sono incorporate nella natura e non esterne ad essa. La posta in gioco non è solo la salute umana, ma la salute di tutte le dimensioni del mondo naturale. La Convenzione sulla diversità biologica (CBD) sottolinea che la biodiversità è alla base dei contributi della natura alle persone e fornisce beni e servizi ecosistemici essenziali per la salute e il benessere umani. La biodiversità è anche parte integrante dei settori chiave dello sviluppo, ad esempio agricoltura, pesca e silvicoltura, che modulano i risultati sanitari direttamente o indirettamente.

Sulla base di questa comprensione della relazione tra biodiversità e salute umana, la Convenzione sulla diversità biologica ha esplicitamente approvato il concetto più ampio di One Health, che abbraccia gli ambiti disciplinari, istituzionali e governativi che separano la salute umana , salute degli animali domestici, salute degli animali selvatici, salute dell’ecosistema e del pianeta e persino la salute del mondo microbico. One Health cerca quindi di rafforzare la prevenzione dei fattori che mettono in pericolo la salute migliorando la resilienza sociale ed ecologica, apportando benefici all’uomo, agli animali domestici e alla biodiversità più in generale.

Molte altre istituzioni, tra cui l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS), l’Organizzazione per l’alimentazione e l’agricoltura (FAO), l’Organizzazione mondiale per la salute animale (OIE), il Programma delle Nazioni Unite per lo sviluppo (UNDP), il Programma delle Nazioni Unite per l’ambiente (UNEP), l’International Allo stesso modo, l’Unione per la conservazione della natura (IUCN) e il Global Environment Facility (GEF) riconoscono che non possiamo né riprenderci dalla crisi attuale né prevenire crisi future a meno che non ripristiniamo la salute dell’ambiente, il che richiederà partenariati tra campi disparati. Dobbiamo riconoscere che la salute umana è inseparabile dalla salute della biodiversità e dei sistemi naturali da cui dipendiamo.

Questo documento delinea i principi che devono essere alla base di tutti gli approcci One Health, nonché i sei componenti che sono essenziali per l’attuazione di tali approcci. L’implementazione degli approcci One Health attualmente allo studio include il One Health High-Level Expert Panel (OHHLEP), richiesto da OMS, FAO, UNEP e OIE; il Codice europeo di sorveglianza sanitaria; ha rafforzato la cooperazione internazionale per la preparazione e la risposta alla pandemia attraverso un trattato emergente sulla pandemia internazionale, approvato dall’OMS e da oltre 25 paesi, nonché dalla Dichiarazione di Kunming rilasciata durante la recente COP15.

Questi sforzi mostrano che dalle sue origini circa due decenni fa, ma con radici molto più profonde nella storia, One Health sta entrando nell’agenda delle organizzazioni nazionali e internazionali. L’ampio sostegno all’approccio è evidenziato dall’istituzione di diverse agenzie, reti e consorzi nazionali, nonché da programmi di laurea e formazione designati.

In modo più promettente, le organizzazioni stanno cercando di incorporare una gamma più ampia di partner. Ciò include l’OIE, che da un focus sugli animali domestici richiede una maggiore attenzione alle specie selvatiche. L’OMS, IUCN e Friends of Ecosystem-based Adaptation stanno istituendo un gruppo di lavoro di esperti che include l’attenzione a One Health e la Piattaforma intergovernativa sulla biodiversità e i servizi ecosistemici chiede l’istituzionalizzazione nazionale di One Health Programs e la creazione di un quadro di monitoraggio.

Sebbene questi siano passi importanti, gli approcci One Health non hanno ancora ottenuto pieno successo tra i responsabili politici e sono raramente presi in considerazione dai discepoli e dalle pratiche che si rivolgono al mondo naturale. Ciò vale in particolare per la comunità di conservazione, che è rimasta in gran parte in disparte; uno studio bibliometrico delle pubblicazioni di One Health ha rilevato che nessuna rivista di conservazione o ecologia segnalata era stata pubblicata su questo argomento. Una revisione di 100 reti One Health ha rivelato che un terzo non includeva l’ambiente nelle proprie considerazioni.

Noi, un gruppo di professionisti ambientali, professionisti dello sviluppo, biologi della conservazione, ecologisti ed esperti in scienze sociali, scienze agrarie, scienze della salute e politiche sanitarie globali, proponiamo una serie di principi e componenti da sostenere e incorporare negli approcci One Health. Questi principi e componenti, se affrontati, potrebbero elevare One Health allo stesso livello di attenzione politica dei cambiamenti climatici, della perdita di biodiversità, della sicurezza alimentare e della salute pubblica. Ciò può essere ottenuto promuovendo l’integrazione strategica degli approcci One Health nelle convenzioni globali, negli accordi regionali e nei programmi nazionali e lo sviluppo di strumenti e politiche complementari per ridurre il rischio di diffusione delle malattie e rafforzare la prevenzione, oltre alla preparazione e alla risposta ai focolai.

In questo documento, integriamo le nostre esperienze con la letteratura pubblicata di recente che riporta esperienze con la progettazione e l’attuazione del programma One Health. Non presentiamo un unico insieme di misure da intraprendere, poiché nessun elenco di questo tipo potrebbe comprendere tutte le circostanze in cui un approccio One Health è sia rilevante che potenzialmente potente. Piuttosto, sottolineiamo la necessità di includere tutte le diverse componenti di One Health e costruire la capacità di guardare a queste come un tutto integrato e offrire esempi di sforzi sul campo e sottolineare la necessità di costruire coalizioni e una visione condivisa di One Health Salute che consentirà lo sviluppo delle fasi di azione necessarie.

DEFINIRE “ONE HEALTH”

One Health è un approccio intersettoriale e transdisciplinare che enfatizza i modi fondamentali in cui la salute degli esseri umani, degli animali domestici e selvatici, dei funghi, delle piante, dei microbi e degli ecosistemi naturali e costruiti sono interdipendenti. Ma l’intera gamma di queste connessioni è poco conosciuta. Di conseguenza, sia la politica che la pratica sono state strettamente focalizzate su uno o pochi collegamenti tra la salute umana e le altre condizioni di salute. Il COVID-19, ad esempio, ha portato a una notevole enfasi sul nesso tra salute umana e malattia della fauna selvatica. One Health ha avuto origine nelle pratiche tra i professionisti della salute della fauna selvatica, ma da allora è stato adottato in un’ampia gamma di settori. Il termine è stato definito in modi sovrapposti con enfasi diverse e fa parte di una famiglia di approcci che include il concetto di confini planetari. La definizione One Health che forniamo si basa su definizioni precedenti e riflette l’ampia gamma di parti interessate e le informazioni emergenti in aree come il microbioma e l’ecologia virale.

PRINCIPI

One Health opera su scale: individuale, comunitaria, nazionale, regionale e globale, dai geni alle specie agli ecosistemi; così come dalle comunità locali alle città agli stati nazionali. Le risposte e le collaborazioni devono abbracciare tutte le scale appropriate. One Health opera in settori, discipline e pratiche tra cui, a titolo esemplificativo ma non esaustivo: medicina umana, epidemiologia, medicina veterinaria, ecologia delle malattie, ecologia, ripristino dell’ecosistema, soluzioni basate sulla natura, cambiamento climatico, globalizzazione, agricoltura, sicurezza alimentare, silvicoltura , salute pubblica, biosicurezza, antropologia, scienze sociali ed economia. One Health copre sia le malattie trasmissibili (ad esempio l’influenza) che quelle non trasmissibili (ad esempio le malattie da inquinanti organici persistenti). Le discussioni attuali su One Health tendono a concentrarsi sulla pandemia in corso e di conseguenza sui patogeni di origine zoonotica, ma è fondamentale non cancellare l’applicabilità di One Health ad altre malattie che colpiscono molte decine di milioni di esseri umani ogni anno, comprese le malattie trasmesse da vettori come come la malaria, le malattie trasmesse dall’acqua come le malattie diarroiche, la resistenza agli antimicrobici e le malattie non trasmissibili come le malattie respiratorie croniche e la malnutrizione. One Health è rilevante sia per gli ecosistemi naturali che per quelli alterati e per le aree urbanizzate e rurali. Per una buona ragione c’è un notevole interesse per il rischio di malattie associato alla conversione dell’habitat in ecosistemi relativamente intatti, ma gli approcci One Health devono essere applicati anche in contesti agricoli, periurbani e urbani. È anche una pratica importante per le impostazioni di controurbanizzazione, lo spopolamento delle aree rurali e le aree post-disastro colpite da incendi, tsunami e aree postbelliche. One Health richiede una partecipazione inclusiva e diversificata tra generi e gruppi di età da parte di tutte le principali parti interessate: settore pubblico e privato, detentori di conoscenze tradizionali e scienziati.

ATTUAZIONE DI “ONE HEALTH”

L’attuazione degli approcci One Health richiede sforzi multidisciplinari e intersettoriali inclusivi che esplicitino i collegamenti tra la salute umana e una serie di preoccupazioni ambientali: biodiversità e servizi ecosistemici; acqua dolce abbondante e pulita; l’accesso a cibi sicuri e nutrienti, il mantenimento di un clima stabile e vivibile; resilienza ai cambiamenti climatici e ai disastri, un ambiente privo di sostanze chimiche nocive; e oceani sani. One Health è uno strumento fondamentale per sviluppare e attuare politiche, programmi e progetti a monte che considerino i costi e i benefici condivisi della salute umana, animale, vegetale ed ecosistemica e aiutino a riadattare la ricerca dell’umanità di un percorso di sostenibilità verde, giusto ed equo. One Health dovrebbe servire principalmente come lente integrativa per focalizzare e, se necessario, ampliare gli sforzi esistenti a livello nazionale, regionale e globale. One Health potrebbe diventare un modello globale per affrontare le questioni planetarie fondate sulla scienza e affrontare i diritti delle persone alla salute e a un ambiente sano.

Il supporto globale e l’adozione nazionale degli approcci One Health richiederanno l’incorporazione delle seguenti sei componenti. Questi componenti si basano sulla guida Biodiversity-Inclusive One Health adottata alla 14a conferenza delle parti della CBD, le deliberazioni incluse nel rapporto IPBES su Biodiversity and Pandemics, e nella letteratura pubblicata qui citata.

Obiettivi

Sviluppare obiettivi basati sulla scienza, come quelli di The Global Commons Alliance attraverso un processo intergovernativo inclusivo guidato congiuntamente dalle parti interessate. Gli obiettivi dovrebbero includere la gestione dei dati, l’accessibilità, l’interoperabilità e i protocolli di condivisione utilizzando l’esperienza di sforzi come la Coalition for Epidemic Preparedness Innovations, il programma Emerging Pandemic Threats dell’USAID e il sistema di monitoraggio mondiale delle malattie degli animali selvatici dell’OIE. Tali protocolli sarebbero migliorati consentendo lo sviluppo di dati di accesso aperto e l’adesione ai principi di trovabilità, accessibilità, interoperabilità e riutilizzo delle risorse digitali. Gli obiettivi dovrebbero includere anche il monitoraggio comunitario, nazionale e globale, nonché reti di sorveglianza complete e senza interruzioni e quadri di riferimento che potrebbero incorporare, tra l’altro, intelligenza artificiale, tecnologia di valutazione distribuita a distanza, scienza dei cittadini e monitoraggio indigeno. Lo sviluppo dell’equivalente One Health della metrica “onere globale delle malattie” per gli animali è un passo fondamentale verso tale segnalazione. Un vocabolario comune è disponibile per aiutare nella collaborazione intersettoriale e l’applicabilità tra programmi che consentirebbe una maggiore comunicazione tra protocolli, strumenti e routine sarebbe un contributo essenziale. Lo sviluppo di tali obiettivi richiederebbe strutture di coordinamento intersettoriali e un approccio globale.

Integrazione

Collaborare con le organizzazioni pertinenti esistenti, inclusi donatori, forum e trattati multilaterali e normative nazionali per integrare le attività rilevanti per One Health nelle entità esistenti. L’esperienza a livello nazionale ha dimostrato che la collaborazione tra le parti interessate è la sfida più comune per rendere operativi gli approcci One Health. La formulazione congiunta dei problemi, i processi pubblici partecipativi e l’approvazione di quadri globali come l’Agenda per la sicurezza sanitaria globale hanno tutti contribuito a superare tali barriere. Conduci una scansione completa dei trattati e delle piattaforme esistenti, come gli Obiettivi di sviluppo sostenibile, e di come si integrano per fornire la suite integrata di obiettivi One Health. Ad esempio, collaborare con il CBD, il Quadro Globale per la Biodiversità Post-2020 e la Conferenza delle Parti dell’UNFCC, nonché iniziative globali come la Bonn Challenge e il Decennio delle Nazioni Unite per il ripristino per considerare l’integrazione degli approcci One Health come parte delle loro raccomandazioni, soprattutto legato alla conservazione della natura. Queste convenzioni e iniziative hanno già obiettivi ambiziosi sulla conservazione delle foreste e il ripristino degli ecosistemi e potrebbero contribuire a ridurre il rischio di ricadute di nuovi agenti patogeni sovrapponendo gli hotspot informativi delle malattie zoonotiche emergenti. Anche le cosiddette Convenzioni Chimiche, ad esempio Stoccolma, Minamata e altre, dovrebbero essere introdotte nello spazio del coinvolgimento.

Settore privato.

Collaborare con il settore privato, in particolare nei settori dell’agricoltura, delle industrie estrattive, dei prodotti alimentari e delle bevande di consumo, del bestiame, dei prodotti farmaceutici, delle spedizioni, delle assicurazioni e della riassicurazione, per incorporare One Health nelle pratiche esistenti o emergenti. Il coinvolgimento del settore privato, sebbene critico, è stato sfuggente: solo 23 delle 100 reti documentate di One Health coinvolgono organizzazioni private a scopo di lucro. Nei sistemi di produzione e commercio globalizzati, i prodotti di base e le materie prime provengono da varie parti del mondo, contribuendo spesso alla perdita o al degrado dell’ecosistema e aumentando significativamente il rischio locale di propagazione di agenti patogeni dagli animali all’uomo. I sistemi di certificazione e tracciabilità delle catene di approvvigionamento dovrebbero essere integrati e includere i parametri One Heath nei loro standard e procedure. In tali approcci devono essere incluse considerazioni sulle esternalità ambientali legate a One Health, come l’impatto della deforestazione e del commercio di specie selvatiche, il ruolo della produzione commerciale estensiva di bestiame e i potenziali risparmi sui costi nel controllo del loro ruolo nella diffusione delle malattie zoonotiche. Qualsiasi collaborazione di questo tipo deve includere confini e salvaguardie appropriati per evitare conflitti di interesse e affrontare gli squilibri di potere.

Capacità di costruzione

Rafforzare aree e istituzioni chiave come quelle che si occupano di salute umana, salute degli animali domestici, salute degli animali selvatici, salute dell’ecosistema e del pianeta e integrare One Health nel loro lavoro. Ciò include il rafforzamento dei quadri esistenti in materia di salute degli animali, come l’incorporazione del rilevamento di nuovi agenti patogeni nel quadro dell’OIE, nonché lo sviluppo di capacità laddove è gravemente limitato, come nel campo della salute degli animali selvatici all’interfaccia con l’uomo, e lo sviluppo di programmi di studio One Health inclusivi e il miglioramento delle opportunità di apprendimento.

Integrare la scienza nella politica

Basarsi sugli sforzi esistenti, sforzi africani, sforzi europei, e avviare nuovi sforzi a livello nazionale, regionale e globale per implementare One Health, ampliando l’insieme delle discipline coinvolte, costruendo capacità di ricerca nell’interfaccia animale-uomo-ambiente e impegnandosi con i responsabili politici a livello parlamentare, che possono guidare le leggi e politiche. I paesi stanno già adottando strategie e piattaforme One Health, ma devono espanderle e incorporare standard integrativi per implementare un’intera risposta del governo. The UN Biodiversity Lab (https://unbiodiversitylab.org), un consorzio di organizzazioni delle Nazioni Unite, il CBD e GEF, con la sua missione di fornire dati spaziali ai decisori, e Our World in Data (https://ourworldindata.org ) sono esempi di piattaforme che potrebbero promuovere e ospitare dati One Health. Molte organizzazioni non hanno le competenze e i finanziamenti per raccogliere e condividere i dati di One Health ed è necessaria un’attenzione particolare per analizzare e incorporare la biodiversità e le componenti ambientali finora trascurate nel lavoro di One Health. Sarà anche fondamentale sviluppare competenze per lavorare in tutte le discipline e tradurre la scienza fondamentale di One Health in informazioni utilizzabili per i responsabili politici e il pubblico, così come un monitoraggio efficace del programma.

Equità

Implementare programmi sanitari che enfatizzano la necessità di equità per riflettere i rischi per la salute sproporzionati e gli oneri di malattia sostenuti dalle popolazioni vulnerabili, svantaggiate ed emarginate come le donne, i popoli indigeni, i rifugiati e le comunità locali. Una revisione di 100 reti One Health ha mostrato che i gruppi della comunità erano coinvolti solo in 10 di esse. Come per molte altre dimensioni della pratica One Health, un’attuazione equa sarà altamente specifica per il contesto sociale all’interno del quale viene svolto il lavoro.

CONCLUSIONE

Gli esseri umani hanno cercato di comprendere il mondo che ci circonda dividendolo in categorie: selvaggio contro domestico, ambiente costruito contro quello naturale, salute degli esseri umani contro la salute di tutti gli altri esseri viventi. Abbiamo quindi costruito istituzioni per trattare separatamente queste categorie e ora stiamo raccogliendo le conseguenze di queste divisioni. Una delle conseguenze di queste divisioni è stata quella di complicare qualsiasi approccio volto a garantire la salute per tutti, tutti gli esseri umani, nonché tutti gli aspetti della biodiversità e del mondo naturale. Incorporare i principi e le componenti di One Health esposti in questo documento e personalizzarli su una base specifica del caso può essere una soluzione a questo problema.

Il superamento di modi di pensare e di agire così profondamente radicati richiederà una missione con l’obiettivo, l’investimento e l’ambizione di un colpo di luna per costruire un approccio transettoriale a una visione connessa e integrata della salute. Il supporto per tale missione sta emergendo. Il Leaders’ Pledge for Nature (https://www.leaderspledgefornature.org), approvato da quasi 90 paesi, ad esempio, ha invitato il mondo a: “… raddoppiare i nostri sforzi per porre fine al pensiero tradizionale sui silos e affrontare le sfide interconnesse e interdipendenti della perdita di biodiversità, del degrado del suolo, delle acque dolci e degli oceani, della deforestazione, della desertificazione, dell’inquinamento e del cambiamento climatico in modo integrato e coerente, garantendo responsabilità e solidità ed efficaci meccanismi di revisione, e dare l’esempio attraverso azioni nei nostri paesi”. In occasione del suo 75° anniversario, le Nazioni Unite stanno cercando di promuovere l’approccio One Health come modello di governance globale ancorato alla scienza e ai diritti umani.

La Convenzione sulla diversità biologica sottolinea anche che le cause alla base delle pandemie sono gli stessi cambiamenti ambientali globali che guidano la perdita di biodiversità e il cambiamento climatico (Convenzione sulla diversità biologica, 2020). La pandemia di COVID-19 ha rafforzato la comprensione che tutto lo sviluppo economico e sociale dipende da un ambiente sano, che a sua volta dipende dalla diversità biologica. Non ci può essere salute umana o progresso sociale equo senza One Health. La salute umana non può essere separata in modo significativo da altri tipi di salute e una pratica di One Health aiuterà ad affrontare sfide ambientali urgenti, ponendoci anche su un percorso verso uno sviluppo verde, equo e inclusivo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.