CASTRATO BIELLESE PAT

Prodotto Agroalimentare Tradizionale del PIEMONTE

La Biellese è una razza ovina autoctona del Piemonte originaria della zona del Biellese poi diffusasi anche nelle province di Torino, Cuneo, Asti, Novara e Vercelli. La testa, sprovvista di corna, è a profilo convesso con orecchie larghe e pendule. Il vello è di colore bianco, ma si trovano anche, in minima percentuale, soggetti con il vello nero.

Territorio di produzione

L’area di produzione comprende: la provincia di Biella, l’Alto Canavese in provincia di Torino e la provincia del Verbano Cusio Ossola.

Metodo di preparazione

Le pecore di razza Biellese sono allevate con il sistema transumante: in alpeggio per 5-6 mesi e nell’ovile in fondo valle o in pianura nel periodo invernale. Vi sono anche greggi nomadi che trascorrono il periodo estivo in montagna mentre nel periodo invernale utilizzano il sottobosco e il pascolo itinerante. La produzione principale è l’agnello leggero di 15-20 kg nato nell’autunno, allattato dalla madre e venduto per Natale. Il castrato di 12-18 mesi con il peso vivo di 65-80 kg è prodotto prevalentemente dagli allevatori nomadi. Il latte materno e l’erba di pascolo costituiscono l’unica alimentazione di questi soggetti. La resa è elevata, la carne risulta magra, di colore rosso chiaro. La lavorazione consiste essenzialmente nella macellazione del capo. Nella pianura torinese e cuneese, il latte delle pecore Biellesi è utilizzato anche per la produzione di tomette e ricotta di pecora.

Storia

Fin dal Medioevo si hanno notizie dell’artigianato laniero e del contemporaneo allevamento delle pecore nell’area del Biellese. I primi censimenti dell’agricoltura, e del settore ovino in particolare, risalgono alla fine del 1700. Uno Standard della razza Biellese fu definito ufficialmente nel 1959 con un decreto ministeriale poi modificato nel 1985.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.