Asparagi PAT

Prodotto Agroalimentare Tradizionale del PIEMONTE

Negli areali di Borgo d’Ale e di Valmacca gli agricoltori locali, nel corso degli anni, hanno selezionato degli ecotipi derivanti dalla tipologia Argenteuil. Ne sono derivati turioni di calibro medio elevato con una colorazione degli apici rosato tenue, tendente al verde nella parte centrale (la più gustosa). La zona basale interrata mantiene la tipica colorazione biancastra. I turioni hanno una lunghezza che può variare a seconda dell’andamento climatico e del terreno da 20 a 22 cm e fino a 27 per quelli di Borgo d’Ale. Questi ultimi presentano anche turioni bianchi e violetti e sono particolarmente dolci e teneri.

Photo by @buonissimo.it

Territorio di produzione

Gli Asparagi di Borgo d’Ale si coltivano nel comune di Borgo d’Ale e in alcuni comuni limitrofi, quali Alice Castello, Cigliano, Moncrivello in provincia di Vercelli e nel comune di Maglione in provincia di Torino. Gli Asparagi di Valmacca si coltivano in Val Cerrina e nella piana Casalese.

Metodo di preparazione

Nell’autunno o nell’inverno precedenti l’impianto, si pratica un’aratura profonda (40-60 cm) con interramento di letame e di concime chimico. La profondità dell’impianto influenza il tipo di prodotto e la durata dell’asparagiaia. La raccolta viene effettuata manualmente e il prodotto viene lavorato in giornata: pulito, tagliato perpendicolarmente all’asse longitudinale e ben serrato in mazzetti. Sempre in giornata, viene conferito al commerciante.

Storia

‘asparago di Valmacca venne importato dalla Francia nel 1920; documenti storici affermano che a partire da quella data la coltivazione dell’asparago si è diffusa nell’areale tipico di produzione. Le metodiche di lavorazione e di commercializzazione si sono consolidate nel tempo, come comprovato da diverse fotografie d’epoca, che attestano la tradizionalità della produzione di asparagi nel territorio di Valmacca. L’asparago di borgo d’Ale era coltivato già nell’area tipica di produzione nel 1970 e nel 1976 erano censiti più di 300 ettari.

Curiosità

Gli asparagi di Borgo d’Ale e Valmacca vengono impiegati in molti piatti tipici come il risotto, gli sformatini con fonduta, alla Cavour con l’uovo cotto al tegamino, al burro e parmigiano

Nocciolini di Chivasso PAT

I Nocciolini di Chivasso, sono piccolissime meringhette, simili a amaretti, caratteristici della città di Chivasso, nel Canavese, dove furono inventati dal maestro pasticcere Giovanni Podio. Sono fatti con soli tre ingredienti: nocciole tostate, zucchero e albume d’uovo. Ancor oggi alcune pasticcerie del centro di Chivasso producono artigianalmente i nocciolini, seguendo l’antica (e per ognuno segreta)…

Leggi di +

GALLINA BIONDA PIEMONTESE PAT

La Gallina Bionda Piemontese presenta una testa di sviluppo medio con cresta rossa a 4 o 6 denti, eretta nel gallo e con pendenza laterale nella gallina. Bargigli e guance sono rossi; becco e pelle sono gialli; il piumaggio ha colorazione abbastanza variabile dal biondo al camosciato. Il corpo è raccolto, con spalle e petto…

Leggi di +

Salame d’la Doja PAT Piemonte

Il Salame d’la Doja è un insaccato di puro suino. Gli ingredienti sono: spalla e pancetta, triti di banco, sale, pepe, spezie e vino (generalmente rosso e Barbera); di solito viene aggiunto un pò di aglio. L’impasto è più tenero rispetto ai normali salami. La pezzatura è di circa 200g. Al taglio la fetta è…

Leggi di +

Sedani di Alluvioni Cambio’ PAT

La bassa Valle Scrivia è una delle zone più vocate per la coltivazione del sedano; in quest’area, secondo tradizione, si coltivava, sino alla metà degli anni ’90, un particolare ecotipo di sedano dorato afferente alla specie Apium graveolens var.dulce denominato Sedano dorato di Alluvioni Cambiò. L’ecotipo in questione presenta una tipica colorazione della parte edule…

Leggi di +

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *