Vini delle Marche
VERDICCHIO DI MATELICA RISERVA DOP

SCARICA in formato PDF DISCIPLINARE VINO VERDICCHIO DI MATELICA RISERVA DOP

Verdicchio di Matelica Riserva DOP

La Denominazione di Origine Protetta Verdicchio di Matelica Riserva ricomprende l’omonimo vino bianco prodotto nelle Marche.

Uvaggio

Il Verdicchio di Matelica Riserva è prodotto con una prevalenza (minimo 85%) di uve provenienti dal vitigno Verdicchio mentre, per la restante quota, possono esser sfruttati altri vitigni a bacca bianca, purché idonei alla coltivazione nelle Marche.

Caratteristiche chimico-fisiche ed organolettiche

L’aspetto del Verdicchio Matelica Riserva si presenta nella tonalità giallo paglierino. Il profumo è delicato e caratterizzato da una grande complessità olfattiva, con ampi sentori di mandorle tostate, cedro e miele. Questa varietà di odori si accompagna ad un gusto strutturato, ricco ed opulento, caldo ed avvolgente. Il risultato è un vino che in gioventù appare scontroso ma con l’avanzare del tempo si fa pieno, complesso ed armonioso. Il titolo alcolometrico volumico totale minimo è di 12,50% vol.

Zona di produzione delle uve

La zona di produzione è piuttosto circoscritta, divisa tra le province di Macerata ed Ancona. Si tratta di un’area interna, lontana dall’influsso marino. Questo le conferisce un clima caratterizzato da inverni freddi ed estati calde.

Specificità e note storiche

Già all’epoca dei Piceni la vite era diffusa nell’area di produzione del Verdicchio di Matelica Riserva. Fu nel periodo romano, però, che i vini di questa zona si affinarono e divennero noti, tanto da finire negli scritti dei grandi autori classici. La fine dell’Impero Romano, la dominazione dei barbari e i secoli che seguirono segnarono una forte fase di declino, a cui pose fine l’avvento dello Stato della Chiesa, che avviò una rinascita agricola.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.