Spongata PAT Emilia Romagna

Prodotto Agroalimentare Tradizionale dell’Emilia Romagna

Spunghéda

Dolce da forno rivestito esternamente di pasta frolla e ripieno di miele, mandorle, pinoli, noci, frutta candita, cedro, uvetta e biscotti sbriciolati. Uno dei più antichi dolci fra quelli sopravvissuti nella pasticceria moderna.

Unire le mandorle pestate con nocciole, gherigli di noci, pinoli sminuzzati grossolani, biscotti sbriciolati, canditi (meglio se sono canditi interi per poi tagliarli una volta a casa perché quelli già sminuzzati hanno la presenza di coloranti), la cannella e la noce moscata. Mescolare il tutto con un cucchiaio di legno per amalgamare bene, quindi spegnere il fuoco e fare riposare il ripieno. Quindi lasciare riposare il tutto almeno un paio di giorni.

Preparare la pasta e farla riposare per un’oretta. Stendere la pasta ad un’altezza di 3 mm, quindi foderare con essa una teglia precedentemente imburrata e infarinata. Disporre il ripieno sulla pasta in modo uniforme, stendere la pasta rimanente e con essa ricoprire il tutto, sigillando bene le due sfoglie attorno al bordo. E’ il momento di bucherellare la superficie della spongata con una forchetta. Cuocere la spongata in forno già caldo a 180 gradi per trenta minuti. Togliere dal forno e fare raffreddare quindi ricoprire con zucchero a velo.

Tradizionalità

Un dolce la cui tradizione è sostanzialmente reggiana, ma che è fatto anche a Modena per ragioni di “cuginanza” estense. Nato probabilmente a Brescello nel Reggiano, si è espanso a tutti i domini estensi: Modena, Reggio, Pontremoli, Lunigiana fino a Sarzana, e anche nel Ducato di Parma e nel Bolognese. A Modena la spongata era molto conosciuta già nel XVI secolo, quando la produzione era controllata da una “grida” estense.

In un registro delle “Masserie Estensi” la Spongata figura nella lista di doni inviati «per Modena e Ferrara» al Magnifico Borso d’Este. Nei documenti dell’archivio di Modena si trovano notizie, segnate dalla Badessa Eleonora d’Este, figlia di Eleonora d’Aragona, di Spongate inviate per Natale da Brescello al duca di Ferrara.

Referenze bibliografiche

  • “Folklore Modenese”, Atti e memorie del I Convegno del Folklore Modenese, Modena 1976, pag.30.

Territorio di produzione

Modena e provincia

Solata suleda o solada di farina bianca PAT Emilia Romagna

Dolce a base di farina, uova, latte, zucchero, strutto. Impastate senza lavorare troppo la pasta. Quindi tirate con il matterello una sfoglia molto sottile e con una rotella dentata ritagliatela a strisce larghe circa un cm. e lunghe circa 20 cm. Intrecciatele e annodatele e poi friggetele nello strutto bollente. Scolarle sopra una carta che…

Continua a leggere

Pancotto PAT Emilia Romagna

Un piatto talmente noto e diffuso, che il dialetto romagnolo in suo onore ha sfornato più di un detto:“supier int e’ pancot” (soffiare nel pancotto), ovvero “fare la spia”; “aver una testa pijna d’pàn cot” (avere una testa piena di pancotto), cioè “non avere giudizio”. Ancora: “va a magnè de pancot” (va a mangiare del…

Continua a leggere

Castagnaccio PAT Emilia Romagna

Dolce derivante dall’impasto di farina di castagne e acqua tiepida, olio, uvetta sultanina, pinoli, un pizzico di sale e zucchero. Si consuma previa cottura. Si amalgama bene l’impasto e lo si stende con uno spessore di 1 cm. Si imburra abbondantemente un tegame, spolverizzato di farina, vi si pone il castagnaccio e si inforna a…

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *