Riserva naturale orientata biogenetica Duna di porto Corsini – Emilia Romagna

Fonte @Raggruppamento Carabinieri Biodiversità

Si tratta di uno dei pochi residui lembi di duna stabilizzata dalla vegetazione situati tra la pineta demaniale litoranea (Riserva “Pineta di Ravenna”, sez. Staggioni) e le affollate spiagge romagnole. Le dune costiere sono strutture legate alla dinamica della vegetazione e del vento. Si alimentano dalle spiagge create dal trasporto lungo costa dei materiali forniti dalle foci fluviali, per effetto del moto ondoso e delle correnti litoranee. A Porto Corsini la spiaggia è ancora sufficientemente ampia, in quanto protetta dall’erosione dai lunghi moli (2,5 km) che proteggono il porto-canale di Ravenna. Questo limitato lembo di duna è stato così stabilizzato dalla vegetazione e può conservarsi.

Habitat

Di particolare rilievo l’habitat prioritario 2130* Dune costiere fisse a vegetazione erbacea (dune grigie), presente in Italia solo nella parte settentrionale delle coste adriatiche.

Flora

Sulle sabbie prossime alla battigia sono presenti specie annuali pioniere alo-nitrofile, con Cakile maritima e Salsola kali. Sempre procedendo dalla spiaggia verso l’interno, fronteggiano l’arenile lembi dunali vivi con agropireti, eringio marino e poche altre specie dell’Echinophoro spinosae-Elymetum farcti, a precedere un lato a monte più strutturato di specie perenni degli Ammophiletalia arundinaceae. Dove il terreno si compatta, le dune grigie sono colonizzate da numerose emicriptofite e camefite ed è presente un abbondante tappeto di muschi (gen. Tortula) e di licheni (Cladonia spp.). Altre specie caratteristiche sono Phleum arenarium, Medicago minima e Trachomitum venetum.

Fauna

Tipicamente presente il rospo smeraldino (Bufo viridis), specie inclusa nell’All. IV della Direttiva UE Habitat e tra le specie tutelate dalla Convenzione di Berna, che però vede man mano diminuire la possibilità di riprodursi nelle bassure interdunali periodicamente allagate, sempre più rare.

Per ulteriori informazioni riguardo le norme di fruizione della riserva, il centro visita e le attività in corso visita rgpbio.it Riserva Naturale Orientata Biogenetica Duna Di Porto Corsini

Vedi Classificazione Aree Naturali Protette

Riserva Naturale Regionale e Oasi WWF dei Ghirardi

La Riserva Naturale Regionale e Oasi WWF dei Ghirardi tutela circa 400 ettari di paesaggio montano nell’alta valle del Taro, tra i comuni di Albareto e Borgo Val di Taro, in provincia di Parma. Il territorio è caratterizzato da una piacevole alternanza di prati, zone ad arbusti, querceti misti di cerro e carpino nero, con…

Leggi di +

Riserva Naturale Statale Monte Velino – Abruzzo

La Riserva si trova lungo la catena del Sevice-Velino-Cafornia-Magnolia, tra i 987 metri di Bocca di Tevee i 2.486 di Monte Velino. Quest’ultima elevazione, pur presentando un’evidente continuità genetica e strutturale, è nettamente separata dalle altre dalla profonda spaccatura della Valle Majelama, diretta in senso Nord-Sud, che divide il gruppo principale dalle creste della Magnola…

Leggi di +

Riserva naturale biogenetica Pineta di Ravenna – Emilia Romagna

Le origini dei popolamenti forestali del litorale emiliano-romagnolo si possono considerare relativamente recenti; all’inizio del secolo scorso, infatti, molti terreni demaniali litoranei ubicati nelle province di Forlì-Cesena, Ravenna e Ferrara furono soggetti ad interventi di rimboschimento attraverso i quali iniziò una massiccia opera di impianto di specie forestali (pini mediterranei) nei terreni demaniali con finalità…

Leggi di +

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *