Museo del “Fort Vechten” costruito per spiegare la storia

Durante il 19esimo secolo, il Nuovo Sistema di Difesa Olandese fu progettato per inondare gran parte dei Paesi Bassi al fine di rendere il paese inaccessibile in caso di assalto. Furono erette fortezze per difendere i punti più deboli. La linea di difesa lunga 85 km è stata nominata monumento UNESCO, il che la renderebbe il monumento più grande dei Paesi Bassi. In uno dei 46 siti della fortezza, è stato costruito un museo per spiegare la storia.

In un concorso ad inviti ho ottenuto una planimetria del sito del museo e ho lavorato sull’attuale stato erosivo, perfettamente intatto all’inizio del XIX secolo. La natura aveva preso il sopravvento e il sito si è evoluto nel suo stato attuale. Questo mi ha dato l’idea per la mia proposta. Ho suggerito di utilizzare esattamente gli stessi contorni topografici erosi, così come erano nella mappa, per la forma del museo, costruito nel sottosuolo e all’interno di quel paesaggio. I muri interni ei prospetti del cortile sono tutti tracciati dalla pianta, con le linee di altezza del paesaggio, e costruiti esattamente su quei luoghi tracciati.

Il museo è costruito in cemento grigio-marrone scuro. Poiché il sito è anche un monumento archeologico, non sono state consentite opere di fondazione. Di conseguenza, il calcestruzzo per il museo è stato gettato in loco senza dilatazioni e si trova come un unico rilievo nel terreno.

Le uniche finestre sono nei prospetti dei due cortili, attraverso le quali la luce raggiunge gli interni sotterranei. Il cortile principale contiene un modello in cemento su larga scala dell’intera linea di galleggiamento con i suoi fiumi, laghi, dighe e polder, che possono essere allagati dai visitatori.

L’ingresso avviene attraverso l’antica fortezza, con la quale il museo si collega in un angolo. Un visitatore vedrà prima l’interno del museo, comprendendo infine la sua posizione nel sottosuolo attraverso i cortili e le scale che si collegano con il paesaggio sopra. In primo luogo, c’è l’esperienza degli spazi interni e delle pareti irregolari formate dalla topografia, prima che le origini dal paesaggio vengano rivelate.

Architetti: Studio Anne Holtrop
Località: Utrecht, Paesi Bassi
Superficie: 1.800 m2
Anno: 2015
Fotografia: Bas Princen, Ossip, Anne Holtrop e Heijmans

Fonte @urbannext.net

Villa Angarano, ora Bianchi Michiel

Importante complesso di villa veneta articolato attorno a due grandi corti regolari: quella occidentale, a destinazione produttiva, è delimitata da edifici rustici; quella orientale è invece caratterizzata da un alto corpo padronale ai fianchi del quale si innestano due basse barchesse porticate che piegano ad angolo retto delimitando in modo speculare la corte centrale. Sulla…

Leggi di +

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *