Lazio
COLLINE PONTINE DOP

SCARICA IN FORMATO PDF DISCIPLINARE COLLINE PONTINE DOP

Colline Pontine DOP

La Denominazione di Origine Protetta Colline Pontine si ottiene dalle seguenti varietà di olive: Itrana, dal 50% al 100%, Frantoio e Leccino, fino al 50%. Possono, altresì, essere presenti altre varietà di olive per un massimo del 10%, purché non modifichino le caratteristiche del prodotto.

Metodo di produzione e caratteristiche al consumo

Per ottenere le caratteristiche per cui è famoso, l’olio è sottoposto ad una rigorosa modalità di estrazione. I frutti sono defogliati, lavati e sottoposti a gramolatura ad una temperatura massima di 35 °C per 50 minuti massimo. Il disciplinare vieta esplicitamente l’utilizzo di prodotti ad azione biochimica e del talco nel processo di estrazione. Infine, al termine del processo di trasformazione, la resa in olio non potrà superare il 27% del peso delle olive. Una volta immesso al consumo, l’olio Colline Pontine si contraddistingue per il suo odore delicato e fruttato unito al colore giallo tendente al verde. L’acidità massima è pari allo 0,6% per 100 g di olio.

Legame tra il prodotto e il territorio

L’olio extravergine delle Colline Pontine è definito armonico grazie alla perfetta sintonia tra gli elementi che lo compongono e per questo è apprezzato da un target molto ampio di consumatori. A favorire queste caratteristiche sono soprattutto le condizioni pedo-climatiche del territorio di produzione. Il clima mite e la composizione del terreno, contribuiscono a definire quelle che sono le note distintive dell’olio, come la percezione unica del sentore “Pomodoro Verde”, non presente in altre zone.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.