Lazio
TUSCIA DOP

SCARICA IN FORMATO PDF DISCIPLINARE TUSCIA DOP

Tuscia DOP

La denominazione di origine protetta Tuscia si riferisce ad un olio extravergine che si ottiene da differenti varietà, quali il Frantoio, il Caninese e il Leccino (per il 90%); il restante 10% può essere rappresentato da altre varietà di olive. La coltivazione viene effettuata con tecniche tradizionali, con una concimazione di tipo naturale e organica e una potatura annuale. La raccolta avviene entro il 20 dicembre per le olive precoci ed entro il 15 gennaio per le altre tipologie di olive. Le olive sono raccolte a mano e trasportate in contenitori appositi per non alterarne le qualità.

Metodo di produzione e caratteristiche al consumo

Quando è immesso al consumo, l’olio presenta le seguenti caratteristiche: è colore verde smeraldo con riflessi dorati e ha un sapore fruttato con un retrogusto amaro e piccante. Il processo di frangitura avviene secondo una procedura consolidata che esalta le note distintive dell’olio. Dopo la selezione, la cernita e la pulitura dalle foglie, le olive sono lavate con acqua potabile a temperatura ambiente e la gramolatura avviene a una temperatura non superiore ai 30°C, per un tempo inferiore ai 60 minuti.

Tipologia di Confezionamento

L’olio extravergine Tuscia si riconosce dal tipico contrassegno e dall’etichetta contenente la denominazione a caratteri chiari e indelebili e l’anno di produzione delle olive. I recipienti in cui è confezionato l’olio extravergine di oliva DOP Tuscia ai fini dell’immissione al consumo devono essere in vetro o in lamina metallica stagnata di capacità non superiore ai 5 litri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.