L’applicazione del principio della “città da 15 minuti” alle nostre aree urbane sposterebbe l’Earth Overshoot Day di 11 giorni.

La città di 15 minuti è quella in cui i residenti possono soddisfare la maggior parte delle loro esigenze in 15 minuti a piedi o in bicicletta. Negozi, parchi, scuole e altri servizi sono tutti ubicati in prossimità delle abitazioni e collegati da adeguate infrastrutture pedonali e ciclabili.

La percentuale di viaggi con veicoli personali effettuati da e verso il lavoro varia in base alla regione e spesso costituisce una piccola quota del totale dei viaggi. Circa il 70% dei viaggi in auto è verso una “terza” destinazione (né casa né lavoro). Garantire che una quota significativa di questi viaggi possa essere effettuata senza un’auto ridurrebbe le emissioni di carbonio.

Le comunità compatte e percorribili esistono principalmente vicino ai centri urbani storici. Tuttavia, una zonizzazione e uno sviluppo ponderati hanno un grande potenziale per rendere molto più comune la vita a 15 minuti dalla maggior parte dei servizi necessari.

IL CONCETTO di CITTÀ dei 15 minuti

Il concetto di città è emerso circa 6.000 anni fa, poco tempo rispetto ai 200.000 anni in cui l’homo sapiens ha vagato per il pianeta. A quel tempo, l’urbanizzazione si è diffusa in tutti i continenti. Fino a 150 anni fa, la stragrande maggioranza delle città erano involontariamente città di 15 minuti. Qualsiasi altra cosa sarebbe stata impraticabile. Roma, con più di un milione di abitanti durante l’impero romano, potrebbe essere stata una delle prime eccezioni.

Con l’avvento delle automobili e di altri mezzi di trasporto di massa motorizzati, le città sono diventate più grandi e meno compatte. Gli urbanisti moderni hanno sostenuto di invertire questa tendenza e riportare l’urbanizzazione. Includono Jane Jacobs, Kirkpatrick Sale, o più recentemente Carlos Moreno, urbanista francese che ha introdotto la città dei 15 minuti, definita come una città in cui i suoi abitanti possono soddisfare tutte le loro esigenze in 15 minuti a piedi o in bicicletta.

Il sindaco di Parigi Anne Hidalgo ha utilizzato questo concetto come parte della sua campagna di rielezione del 2020. Molti altri hanno raccolto l’idea e ora stanno valutando le città sulla loro capacità di fornire 15 minuti di vita.

L’applicazione più estrema del concetto di città di 15 minuti è NEOM, la città lineare proposta in Arabia Saudita che si estende per oltre 100 km. Energia solare e collegamento tramite un treno hyperloop, i piani promettono che le persone dovrebbero essere in grado di andare da un punto a qualsiasi altro della città in meno di 20 minuti.

Per approfondire argomento sulla città di 15 mn Wikipedia

SAWMILL: un esempio di eccellenza di Architettura Sostenibile

Minimalismo critico: il primo passo nella riduzione è usare meno. Sawmill celebra la bellezza naturale dei materiali, rinunciando alle finiture a meno che non sia funzionalmente necessario. Altri elementi svolgono un doppio compito: il camino, ad esempio, funge anche da rinforzo laterale per la casa. Incorporare il recupero: Sawmill è un caso di studio sul…

Leggi di +

Georgia Tech EBB (Engineered Biosystems Building)

EBB Un allontanamento dalla struttura tradizionale del laboratorio, il “laboratorio trasversale” implementa uno spazio di laboratorio di lavoro continuo che corre lungo la spina dorsale dell’edificio, con uffici e sale riunioni nelle ali. La luce del giorno, i panorami all’aperto, un sistema di raccolta dell’acqua e altri elementi biofili utilizzati durante il programma incoraggiano l’interazione….

Leggi di +

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *