Intonaci canapa e calce per il contenimento energetico e un ambiente salubre: una alternativa sostenibile al cappotto

La canapa e la calce sono due materiali che possono essere usati in diversi contesti.

La canapa è una pianta dalla quale si può estrarre una fibra utilizzata per produrre tessuti, cordami e altri materiali. La canapa è nota per la sua resistenza e durabilità, ed è considerata una materia prima eco-sostenibile per la produzione di prodotti tessili. La calce, invece, è un materiale usato tradizionalmente nella costruzione edilizia. Si tratta di una polvere bianca ottenuta dalla cottura di pietra calcarea. La calce viene mescolata con acqua per creare una pasta utilizzata per la malta, gli intonaci e gli intonacatori. La calce è un materiale naturale e traspirante, che permette alle superfici di respirare e regolare l’umidità all’interno degli edifici. Entrambi i materiali hanno un impatto ambientale ridotto rispetto ad altre alternative più comuni, come ad esempio il cemento o le fibre sintetiche. Inoltre, entrambi possono essere utilizzati in un’ottica di sostenibilità e eco-compatibilità nella realizzazione di prodotti e nell’edilizia.

INTONACI IN CANAPA E CALCE UNA ALTERNATIVA SALUBRE AI CAPPOTTI

La calce è un materiale che possiede eccellenti proprietà termiche e igroscopiche, rendendolo particolarmente indicato per l’isolamento termico ed acustico delle pareti. In combinazione con la canapa, che è una pianta naturale e rinnovabile, si ottiene un materiale da costruzione sostenibile ed eco-compatibile.

I mattoni di calce e canapa sono altamente coibentanti, in quanto la canapa è un materiale con una struttura fibrosa che trattiene l’aria, creando quindi uno strato isolante. Questo permette di ridurre significativamente la dispersione di calore, permettendo un notevole risparmio energetico per il riscaldamento degli ambienti. La combinazione di calce e canapa impedisce anche il passaggio di emissioni di carbonio, contribuendo alla riduzione dell’impatto ambientale dei materiali da costruzione.

Inoltre, essendo un materiale igroscopico, la calce e la canapa regolano gli sbalzi di umidità interna e i cambiamenti climatici esterni. Assorbono l’umidità in eccesso e la rilasciano gradualmente quando l’ambiente è più secco, evitando la formazione di condensa e la proliferazione di muffe e batteri.

La permeabilità al vapore dei mattoni di calce e canapa consente la fuoriuscita dell’umidità intrappolata nelle pareti, favorendo così un ambiente interno salubre, a vantaggio della salute. L’umidità favorendo le muffe e la condensa è una delle cause di tante malattie respiratorie. A differenza di altri materiali da costruzione, non è necessario l’uso di barriere vapore nei muri realizzati con mattoni di calce e canapa, poiché questi materiali consentono una corretta traspirazione delle pareti. E’ un ottimo prodotto in alternativa al cappotto.

Redazionale a cura di donnegeometra.it

.

Amherst College New Science Center

Il New Science Center dell’Amherst College offre strutture all’avanguardia e uno spazio flessibile per supportare i programmi scientifici e gli studenti del college nel corso del secolo successivo, riducendo nel contempo il consumo di energia del 76% rispetto a un tipico edificio di ricerca.

Leggi di +

Cultural Crossing – Giardino Giapponese di Portland USA

Sebbene il progetto sia un’espansione dell’attuale Portland Japanese Garden, già un celebre punto di riferimento noto come uno dei giardini giapponesi più autentici al di fuori del Giappone, si discosta in modo significativo dal tradizionale design del giardino giapponese. Cultural Crossing crea un ambiente in cui i principi ecologici e le tecniche sostenibili ad alte…

Leggi di +

Risparmio Energetico

Ecobonus 110 % el nuovo decreto Rilancio, tutti i dettagli su come funziona il bonus per la Riqualificazione energetica e gli interventi ammessi in Detrazione. La Legge di Bilancio ha confermato le detrazioni fiscali: ecco cosa è cambiato per i bonus destinati all’efficienza energetica e al risparmio energetico dal 2019 e per il nuovo anno 2020.

Leggi di +

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *