Il David di Bernini

Una visita al Museo: Galleria Borghese a ROMA

Il “David” di Gian Lorenzo Bernini: Un Capolavoro Barocco di Potenza e Agilità

Gian Lorenzo Bernini, uno dei più grandi scultori barocchi, ha conferito al mito di David una nuova vita attraverso la sua straordinaria scultura. Il “David” di Bernini, creato tra il 1623 e il 1624, è un’icona della maestria artistica e della forza espressiva proprie del periodo barocco. Un capolavoro di enrgia e vitalità, il “David” di Gian Lorenzo Bernini rimane un monumento di potenza e agilità, un’opera che cattura l’essenza della lotta eroica. Attraverso la sua abilità tecnica e il suo talento espressivo, Bernini ha creato un capolavoro che continua a ispirare ammirazione e stupore nei secoli, rimanendo una pietra miliare nell’evoluzione dell’arte barocca.

Il Contesto Storico e Artistico

La scultura di Bernini rientra nel periodo in cui la Chiesa cattolica stava cercando di riaffermare la propria autorità e grandezza attraverso l’arte. Il “David” è stato commissionato dal cardinale Scipione Borghese, uno dei principali mecenati dell’epoca, che voleva celebrare la grandezza di Roma attraverso un’opera d’arte di risonanza epica.

La Rappresentazione di David in Azione

A differenza di altre rappresentazioni classiche di David, come quella di Michelangelo, che catturano l’eroe in un momento statico prima dello scontro con Golia, Bernini sceglie di ritrarre David in piena azione. La scultura cattura il momento in cui il giovane eroe sta caricando la fionda, il volto concentrato e gli occhi fissi sul nemico. Questa scelta conferisce dinamismo e vitalità alla rappresentazione.

Espressività e Dettagli Anatomici

La forza della scultura risiede nell’espressività del viso di David e nella perfezione dei dettagli anatomici. Bernini riesce a trasmettere la tensione muscolare e l’energia contenuta nel corpo del giovane eroe. La resa dei capelli fluttuanti e degli abiti che si muovono con il vento aggiunge un ulteriore livello di realismo alla scultura.

Il Contrastante Utilizzo dello Spazio

Bernini, con la sua abilità nell’utilizzare lo spazio circostante, integra la figura di David nell’ambiente circostante. La scultura sembra letteralmente emergere dal blocco di marmo, e il gesto di David si proietta nello spazio circostante. Questo contrasto tra la figura in movimento e il marmo statico conferisce all’opera una dinamicità unica.

Esposizione nella Galleria Borghese

Attualmente, il “David” di Bernini è esposto nella Galleria Borghese a Roma, dove i visitatori possono ammirare da vicino questa straordinaria creazione. La Galleria Borghese ospita un’importante collezione di opere barocche, e il “David” di Bernini è senza dubbio uno dei pezzi centrali di questa collezione.

Itinerari culturali / Il Battesimo di Cristo

Il Battesimo di Cristo è una delle opere cronologicamente più controverse della produzione pierfrancescana. Secondo alcuni studiosi i riferimenti al concilio di Ferrara-Firenze, quali il corteo di dignitari bizantini sullo sfondo, la collocherebbero a un periodo immediatamente successivo al 1439 (anno del concilio), facendone una delle prime opere conosciute dell’artista. Anche la colorazione, a tenui…

Leggi di, +

ETRU Museo Nazionale Etrusco – Sarcofago degli Sposi

Plasmata a tutto tondo, l’opera rappresenta una coppia di coniugi distesi su un letto (kline) con il busto sollevato frontalmente nella tipica posizione del banchetto. L’uomo cinge con il braccio destro le spalle della donna, così che i loro volti dal tipico “sorriso arcaico” risultano vicinissimi; la disposizione delle mani e delle dita suggerisce l’originaria…

Leggi di, +

Itinerari culturali / Ultima Cena di Andrea del Castagno

L’Affresco conservato al Museo del Cenacolo di Sant’Apollonia di dimensioni 453 x 975 cm è attribuito ad Andrea del Castagno di datazione 1445 -1450 circa. La scena del Cenacolo incorniciata in un’ambiente fortemente caratterizzato dalla prospettiva è sovrastato da tre scene rappresentanti in ordine La Resurrezione, la Crocifissione e la Deposizione, suddivise dalla presenza di…

Leggi di, +

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *