Dalle Grandi Saline di Salins-les-Bains alle Saline Reali di Arc-et-Senans, la produzione del sale a cielo aperto – Francia

Patrimonio Universale dell’Umanità UNESCO

Fonte whc.unesco.org

Le saline reali di Arc-et-Senans, vicino a Besançon, furono costruite da Claude Nicolas Ledoux. La sua costruzione, iniziata nel 1775 durante il regno di Luigi XVI, fu la prima grande realizzazione dell’architettura industriale, riflettendo l’ideale di progresso dell’Illuminismo. Il vasto complesso semicircolare doveva consentire un’organizzazione razionale e gerarchica del lavoro e avrebbe dovuto far seguito la costruzione di una città ideale, progetto mai realizzato.

La Grande Salina di Salins-les-Bains è stata attiva per almeno 1200 anni fino a cessare l’attività nel 1962. Dal 1780 al 1895, l’acqua salata ha viaggiato attraverso 21 km di tubi di legno fino alle Saline Reali di Arc-et -Senan. Fu costruito nei pressi dell’immensa foresta di Chaux per garantire l’approvvigionamento di legname da utilizzare come combustibile. La Salina di Salins nasconde una galleria sotterranea del XIII secolo che include una pompa idraulica del XIXesimo secolo che funziona ancora. La caldaia dimostra la difficoltà del lavoro dei salinari per raccogliere l’“Oro Bianco”.

Eccezionale valore universale

Le saline di Salins-les-Bains e Arc-et-Senans dimostrano un eccezionale valore universale per quanto riguarda l’ampiezza dell’arco cronologico durante il quale l’estrazione del sale continuò a Salins, sicuramente dal Medioevo e probabilmente dalla preistoria, fino al 20° secolo. L’attività termale ha esteso il suo utilizzo fino ai giorni nostri. Le saline dimostrano anche un eccezionale valore universale per quanto riguarda la specificità della produzione del sale a Salins-les-Bains e Arc-et-Senans, basata su una tecnica di estrazione delle fonti di sale in profondità nel sottosuolo, l’uso del fuoco per far evaporare la salamoia, e l’innovazione del XVIII secolo consistente nella creazione di una conduttura di 21 km per trasportare la salamoia tra i due siti.

Qualità architettonica

Le saline esprimono il loro valore anche per l’eccezionale qualità architettonica delle Saline Reali di Arc-et-Senans e la sua partecipazione al movimento delle idee dell’Illuminismo. È la testimonianza di un progetto architettonico visionario di una “fabbrica modello”. Sviluppato e costruito dall’architetto e supervisore delle saline in Franca Contea e Lorena, Claude-Nicolas Ledoux (1736–1806), Arc-et-Senans è il moderno e l’ampliamento utopico delle Grandi Saline di Salins-les-Bains.

Criterio (i): Le Saline Reali di Arc-et-Senans sono il primo complesso architettonico di questa scala e di questo standard concepito come luogo di lavoro. Si tratta del primo esempio di fabbrica costruita con la stessa cura e attenzione alla qualità architettonica di un palazzo o di un importante edificio religioso. È uno dei rari esempi di architettura visionaria. Le Saline erano il cuore di una Città Ideale che Claude-Nicolas Ledoux ha immaginato e progettato attorno alla fabbrica. L’architettura utopica incompiuta delle Saline porta ancora con sé il pieno impatto del suo messaggio futuristico.

Criterio (ii): Le Saline Reali di Arc-et-Senans testimoniano un cambiamento culturale fondamentale in Europa alla fine del XVIII secolo: la nascita della società industriale . Oltre ad essere un perfetto esempio di un’intera corrente filosofica che dilagò in Europa durante l’Illuminismo, le Saline Reali annunciarono l’architettura industriale che si sarebbe sviluppata mezzo secolo dopo.

Criterio (iv): Le saline di Salins-les-Bains e Arc-et-Senans forniscono un insieme tecnico eccezionale per l’estrazione e la produzione del sale mediante il pompaggio sotterraneo di salamoia e l’uso del fuoco per la sua cristallizzazione, almeno dal Medioevo fino al XX secolo.

Integrità e autenticità

Per quanto riguarda la sua integrità industriale e tecnica, il recinto storico di Salins-les-Bains è conservato come un territorio distinto. Gli impianti di pompaggio e parte delle strutture di trattamento dell’acqua salina (stufe) mantengono la loro integrità. I restanti edifici fuori terra sono stati restaurati senza alcuna alterazione volumetrica.

I cambiamenti avvenuti nel tempo hanno fatto sì che del complesso medievale rimangano solo frammenti, ma il sistema che regola il rapporto tra il complesso produttivo, la città e il territorio circostante sembra aver mantenuto una sufficiente integrità. Tuttavia, la scomparsa di quasi tutta la cinta muraria, lasciando in piedi solo l’ex cancello d’ingresso, ha interrotto la separazione tra le saline e il tessuto urbano. Allo stesso modo, il nuovo casinò mina l’integrità del sito delle Grandi Saline a causa della sua architettura e della sua posizione nel cuore della proprietà. I resti della Grande Salina di Salins-les-Bains sono autentici, in particolare quelli relativi alle antiche pompe e al trattamento della salamoia, e sono testimonianze molto rare in Europa. Le costruzioni moderniste aggiunte per il museo e il casinò hanno rispettato l’autenticità dei resti archeologici e dei vecchi edifici residui.

Requisiti di protezione e gestione

Il sistema di gestione dell’immobile è adeguato; recentemente è stato istituzionalizzato con un’autorità di gestione congiunta e la garanzia di un piano di gestione in fase di attuazione.

Strasburgo, Grande-Île e Neustadt – Francia

Il bene inizialmente, iscritto nel 1988 nella Lista del Patrimonio Mondiale, era formato dalla Grande-Île, il centro storico di Strasburgo, strutturato attorno alla cattedrale. L’ampliamento riguarda la Neustadt , città nuova, progettata e realizzata sotto l’amministrazione tedesca (1871-1918). La Neustadt trae ispirazione per il suo impianto urbano in parte dal modello haussmanniano, pur adottando un linguaggio architettonico di ispirazione germanica. Questa duplice…

Continua a leggere

Pont du Gard (acquedotto romano) a Nîmes Francia

Il Pont du Gard fu costruito poco prima dell’era cristiana per consentire all’acquedotto di Nîmes (lungo quasi 50 km) di attraversare il fiume Gard. Gli architetti e ingegneri idraulici romani che progettarono questo ponte, alto quasi 50 m e disposto su tre livelli – il più lungo misura 275 m – realizzarono un capolavoro tecnico oltre…

Continua a leggere

Place Stanislas, Place de la Carrière e Place d’Alliance a Nancy Francia

Situate nella regione dell’Alsazia-Lorena-Champagne-Ardenne, Place Stanislas, Place Carrière e Place d’Alliance a Nancy compongono uno dei paesaggi urbani più armoniosi dell’Illuminismo, illustrando in modo esemplare e magistrale l’idea della piazza reale come spazio urbano, monumentale e centrale. Stanislas Leszczynski, suocero di Luigi XV, re di Francia, e infelice pretendente al trono polacco, ricevette in compenso della…

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *