SAN GIMIGNANO, Centro storico

– Patrimonio Mondiale dell’ Umanità UNESCO

Centro storico di San Gimignano ‘San Gimignano delle belle Torri’ si trova in Toscana, 56 km a sud di Firenze. È stato un importante punto di passaggio per i pellegrini che viaggiano da o verso Roma sulla Via Francigena. Le famiglie patrizie che controllavano la città costruirono circa 72 case-torri (alcune alte fino a 50 m) come simboli della loro ricchezza e potenza. Sebbene ne siano sopravvissuti solo 14, San Gimignano ha conservato la sua atmosfera e il suo aspetto feudale. La città ha anche diversi capolavori dell’arte italiana del XIV e XV secolo.

Piazza di San Gimignano

Eccezionale valore universale

Il centro storico di San Gimignano sorge su un’altura di terra, a dominare il paesaggio circostante.

Durante il Medioevo, la sua posizione in Val d’Elsa, 56 km a sud di Firenze, costituiva un importante punto di passaggio per i pellegrini che viaggiavano da o verso Roma sulla Via Francigena.

La città divenne indipendente nel 1199 e tra l’XI e il XIII secolo le famiglie nobili e i mercanti dell’alta borghesia che controllavano la città libera

Costruirono molte case-torri fortificate (probabilmente 72) come simboli della loro ricchezza e potere.

San Gimignano

La città si sviluppò attorno a due piazze principali: la triangolare Piazza della Cisterna, ornata da un grazioso pozzo centrale, e la Piazza Duomo, risalente alla fine del XIII secolo, con la sua struttura più complessa contenente la maggior parte dei monumenti pubblici e privati.

Dopo il 1353, la città entrò in un periodo di declino a causa di ondate di carestia e pestilenza che causarono un drastico calo della popolazione.

Nel giro di cento anni, la città fu declassata al livello delle altre terre sotto il controllo fiorentino.

Questo status, tuttavia, ha impedito alla città di rinnovare la sua struttura urbana che ha trasformato molte città storiche italiane dopo il Medioevo.

Mentre sono sopravvissute solo 14 delle case torri originali, San Gimignano ha conservato la sua atmosfera e il suo aspetto feudale, abbelliti da numerosi palazzi notevoli durante il XII e il XIV secolo.

La città ha anche diversi capolavori dell’arte italiana risalenti al 14 ° e 15 ° secolo.

Questi si trovano nella cattedrale e in altri importanti edifici religiosi e pubblici. Il centro storico di San Gimignano è un sito culturale di eccezionale valore, poiché ha fatto tesoro della sua omogeneità architettonica e del suo originale assetto urbano.

Gli edifici all’interno della doppia parete della città forniscono un brillante esempio di architettura medievale con influenze degli stili fiorentino, senese e pisano dal XII al XIV secolo.

Il centro storico di San Gimignano contiene una serie di capolavori dell’arte italiana del XIV e XV secolo nelle loro impostazioni architettoniche originali, tra cui: nella Cattedrale, l’affresco del Giudizio Universale, Paradiso e Inferno di Taddeo di Bartolo ( 1393), Il martirio di San Sebastiano di Benozzo Gozzoli (1465) e soprattutto i magnifici affreschi di Domenico Ghirlandaio come il ciclo di Santa Fina (1475) e l’Annunciazione in Battistero (1482).

San Gimignano – Siena

Altre opere della stessa straordinaria bellezza includono gli enormi affreschi di Benozzo Gozzoli raffiguranti San Sebastiano (1464) e Sant’Agostino (1465).

San Gimignano testimonia in modo eccezionale la civiltà medievale poiché raggruppa in una piccola area tutte le strutture tipiche della vita urbana: piazze e strade, case e palazzi, nonché pozzi e fontane.

Gli affreschi di Memmo di Filippuccio commissionati dal comune nel 1303 per decorare le camere del Podestà nel Palazzo del Popolo sono tra i documenti più frequentemente riprodotti usati per illustrare la vita quotidiana degli inizi del XIV secolo, fino ai dettagli più domestici.

Criterio (iv): il paesaggio urbano di Firenze, dominato dalle torri dei suoi palazzi pubblici (Palazzo del Podestà e Palazzo della Signoria), mostra che le sue istituzioni pubbliche hanno prevalso sul potere personale.

Dopo il 1250, l’altezza delle case delle torri di famiglia veniva periodicamente ridotta in città. Mentre a San Gimignano, il cui incastellamento risale al 998, le 14 torri si alzano con orgoglio sopra i suoi palazzi, conservano l’aspetto di una città feudale toscana controllata da fazioni rivali mai pronte al conflitto.

Illustra un momento significativo della storia che non può essere trovato nella stessa misura a Firenze, Siena o Bologna, nonostante la qualità dei loro monumenti.

Integrità

Il perimetro della proprietà è definito da due anelli concentrici di pareti difensive.

L’anello interno fu costruito alla fine del X secolo e nel 13 ° secolo fu rinforzato con la costruzione del muro esterno.

All’interno, la città medievale contiene tutti gli elementi che contribuiscono al suo eccezionale valore universale: torri e case-torri, palazzi nobiliari ricchi di decorazioni in pietra e terracotta, chiese tardo-romane, nonché il modello urbano delle strade.

Inoltre, il tessuto urbano si combina perfettamente con un prezioso sistema di frutteti disposti lungo strade secondarie e zone libere da edifici, che completano la struttura urbana tardo medievale.

Lo skyline unico della città, arroccato in una posizione dominante, può essere goduto dai principali coni visivi.

Nonostante la trasformazione sociale dovuta allo sviluppo negli ultimi 60 anni, il centro storico conserva ancora le stesse antiche tradizioni, basate su vivaci dinamiche sociali.

La proprietà è vulnerabile agli effetti dell’aumento del turismo e alla relativa pressione sulle modifiche all’uso tradizionale degli edifici.

Esistono opportunità per il riutilizzo adattativo degli attuali siti liberi dell’ex carcere e convento di San Domenico. Inoltre, la città storica è a rischio di attività sismica nella regione e frane sulla collina.

Autenticità

L’impostazione di San Gimignano su un’altura continua a dominare la campagna circostante.

Ha conservato la sua autenticità grazie al rigoroso rispetto dei principi di restauro.

Gli interventi su monumenti ed edifici rispettano le principali caratteristiche del patrimonio culturale, dell’architettura, della storia e dell’arte. In particolare, il centro storico ha mantenuto spazi, volumi e decorazioni intatti all’interno del layout medievale, a causa delle normative vigenti che vietano severamente la sostituzione e l’alterazione di edifici storici.

Inoltre, vengono utilizzati solo materiali e tecniche tradizionali. Nel corso del tempo, sono state apportate modifiche all’uso di molti edifici storici, alcuni dei quali supportano l’industria turistica.

Requisiti di protezione e gestione

Esistono vari strumenti di protezione legale a diversi livelli.

A livello nazionale, gli edifici storici e il paesaggio della proprietà sono soggetti alle norme nazionali in materia di protezione e conservazione del patrimonio culturale (“Codice dei beni culturali e del paesaggio”).

Ai sensi del presente regolamento, eventuali interventi sono soggetti all’approvazione del Ministero per i Beni e le Attività culturali, i cui uffici periferici verificano la compatibilità delle opere con i criteri di conservazione.

A livello comunale, il piano urbanistico (Piano Strutturale 2007) e i suoi strumenti di applicazione stabiliscono norme dettagliate per gli interventi pubblici e privati ​​riguardanti il ​​centro storico e il paesaggio di San Gimignano.

Queste regole sono progettate per proteggere e migliorare lo storico tessuto urbano e l’insediamento originario della città.

In particolare, ciò significa che all’interno del centro storico gli unici interventi consentiti sono quelli incentrati sulla conservazione e il salvataggio delle caratteristiche tipiche, morfologiche e formali degli edifici esistenti e della loro impostazione, nonché di tutti gli elementi che contribuiscono alla definizione di l’identità della città. Inoltre, l’amministrazione comunale ha aggiunto diverse regole per regolare e controllare eventuali trasformazioni nel centro storico, in particolare per quanto riguarda il turismo, il commercio, la pubblicazione di annunci pubblicitari, il traffico, il rumore e l’inquinamento elettromagnetico, l’uso di terreni pubblici, ecc.).

In particolare, al fine di combattere l’impatto del turismo di massa e in termini di cambiamento delle funzioni e delle decorazioni urbane, l’amministrazione comunale ha promosso norme rigorose per prevenire modifiche dell’uso previsto e trasformazioni nell’aspetto dei locali commerciali.

San Gimignano è gestita da un team multidisciplinare che rappresenta diversi livelli di governo coordinati dall’amministrazione comunale.

Questo gruppo comprende il Ministero per i Beni e le Attività Culturali (Ministero per i Beni e le Attività Culturali), responsabile per la protezione e la conservazione del patrimonio culturale, e l’amministrazione comunale che definisce e realizza strategie per la conservazione e la gestione utilizzando strumenti di pianificazione urbana e regolamenti.

Gli altri enti locali (Regione e Provincia) contribuiscono alla protezione, conservazione e gestione del patrimonio culturale e promuovono attività di valorizzazione.

© whc.unesco.org

ROMA, Centro storico e le proprietà della Santa Sede in città che gode dei diritti extraterritoriali e San Paolo Fuori le Mura

Patrimonio Mondiale dell’ Umanità UNESCO Il Colosseo – ROMA (Italy) Fondata, secondo la leggenda, da Romolo e Remo nel 753 a.C., Roma fu prima il centro della Repubblica Romana, poi dell’Impero Romano, e divenne la capitale del mondo cristiano nel IV secolo. Il sito del patrimonio mondiale, esteso nel 1990 alle mura di Urbano VIII,…

Leggi di +

TIVOLI, Villa d’Este

La Villa d’Este a Tivoli, con il suo palazzo e il giardino, è una delle più notevoli e complete illustrazioni della cultura rinascimentale nella sua forma più raffinata. Il suo design innovativo insieme alle componenti architettoniche del giardino (fontane, vasche ornamentali, ecc.) Ne fanno un esempio unico di giardino italiano del XVI secolo. La Villa…

Leggi di +

La Convenzione sulla Protezione del Patrimonio Mondiale culturale e naturale, adottata dall’UNESCO nel 1972, prevede che i beni candidati possano essere iscritti nella Lista del Patrimonio Mondiale come:

Patrimonio culturale:
  1. monumenti: opere architettoniche, plastiche o pittoriche monumentali, elementi o strutture di carattere archeologico, iscrizioni, grotte e gruppi di elementi di valore universale eccezionale dall’aspetto storico, artistico o scientifico,
  2. agglomerati: gruppi di costruzioni isolate o riunite che, per la loro architettura, unità o integrazione nel paesaggio hanno valore universale eccezionale dall’aspetto storico, artistico o scientifico,
  3. siti: opere dell’uomo o opere coniugate dell’uomo e della natura, come anche le zone, compresi i siti archeologici, di valore universale eccezionale dall’aspetto storico ed estetico, etnologico o antropologico.
Patrimonio naturale:
  1. i monumenti naturali costituiti da formazioni fisiche e biologiche o da gruppi di tali formazioni di valore universale eccezionale dall’aspetto estetico o scientifico,
  2. le formazioni geologiche e fisiografiche e le zone strettamente delimitate costituenti l’habitat di specie animali e vegetali minacciate, di valore universale eccezionale dall’aspetto scientifico o conservativo,
  3. i siti naturali o le zone naturali strettamente delimitate di valore universale eccezionale dall’aspetto scientifico, conservativo o estetico naturale

2 Replies to “SAN GIMIGNANO, Centro storico”

  1. sono un grande fans di San Gimignano colgo sempre l occasione di passare alcuni giorni ogni anno in questa cittadina piena di un fascino incredibile con una atmosfera veramente unica soprattutto in anni di covid dove i viaggiatori sono pochi ( l unico lato bello di questi anni terribili) l unica cosa che noto e che veramente mi manca è l assenza di verde … di piante di bellezza nelle strade del centro… queste mura stupende sono sibolo di un epoca ma il mondo si è evoluto e abbellire dove c è la possibilità con piante fiori e quant altro farebbero di questo centro storico qualcosa di ancora piu bello…. e se la sovrintendenza per caso non volesse…. eliminatela… non hanno il gusto del bello…..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *