PDF Disciplinare
GALLUCCIO DOP

Il Galluccio bianco è realizzato con una base di uve provenienti dal vitigno Falanghina, pari almeno al 70% del totale. Possono poi concorrere alla vinificazione, da soli o congiuntamente, fino ad un massimo del 30%, altri vitigni a bacca bianca non aromatici, purché idonei alla coltivazione in provincia di Caserta. Il Galluccio rosso, invece, è prodotto a partire da un 70% di uve da vitigno Aglianico, a cui si aggiungono altri vitigni a bacca rossa non aromatici, sempre coltivabili in provincia di Caserta e utilizzabili sia da soli che congiuntamente.

View More PDF Disciplinare
GALLUCCIO DOP

PDF Disciplinare
FALERNO DEL MASSICO DOP

Il Falerno del Massico bianco è realizzato con uve provenienti da vigneti composti all’85% di vitigno Falangina. Per la restante parte, fino ad un massimo del 15%, possono concorrere altri vitigni idonei alla coltivazione in Campania. Il Rosso, invece, ha una base di Aglianico (minimo 60%) e Piedirosso (massimo 40%). Inoltre, concorrono alla produzione anche altri vitigni, come sopra specificato. Infine, il Primitivo è prodotto con uve da vigneti con l’85% di vitigno Primitivo e l’uso di una quota non superiore al 15% di altri vitigni.

View More PDF Disciplinare
FALERNO DEL MASSICO DOP

PDF Disciplinare
CASTEL SAN LORENZO DOP

Il Castel San Lorenzo bianco è prodotto con una quota pari al 50-60% di Trebbiano toscano, unita ad un 30-40% di Malvasia bianca. Possono poi concorrere, fino ad un massimo del 20%, altri vitigni a bacca bianca coltivabili in provincia di Salerno. Per Rosso e Rosato, invece, si parte da un 60-80% di uve di Barbera e da un 20-30% di Sangiovese. Anche in questo caso possono concorrere altri vitigni a bacca nera. Infine, le tipologie con specificazione, come Moscato, Barbera e Aglianicone, devono essere realizzate con almeno l’85% di uve da corrispondente vitigno.

View More PDF Disciplinare
CASTEL SAN LORENZO DOP

PDF Disciplinare
COSTA D’AMALFI DOP

Tutte le tipologie di vini Costa d’Amalfi bianchi vengono prodotti utilizzando uve da vigneti composti per almeno il 40% da vitigni Falanghina e/o Biancolella. Alla restante parte possono concorrere altri vitigni a bacca bianca idonei alla coltivazione nella provincia di Salerno. I rossi e il rosato, invece, sono realizzati con un minimo di 40% di Piedirosso, unito all’Aglianico o allo Sciascinoso che da soli o congiuntamente possono rappresentare il 60% del totale.

View More PDF Disciplinare
COSTA D’AMALFI DOP

PDF Disciplinare
CILENTO DOP

Il Cilento Rosso deve essere prodotto con uve da Aglianico (tra il 60% e il 75%), Piedirosso e/o Primitivo (15% – 20%) e altri vitigni idonei alla coltivazione in provincia di Salerno (massimo 25%). Nel Rosato, invece, c’è una prevalenza di Sangiovese (70%-80%), accostato ad Aglianico (10%-15%), Primitivo e/o Piedirosso (10%-15%) e altri vitigni (massimo 10%). Nel caso del Bianco la produzione avviene con uve da vitigni Fiano (60%-65%), Trebbiano toscano (20%-30%), Greco bianco e/o Malvasia bianca (10%-15%) e altri vitigni a bacca bianca (massimo 10%). Infine, per i vini Cilento con indicazione specifica, come il Fiano o l’Aglianico, le uve devono provenire per almeno l’85% dal corrispondente vitigno, per essere poi unite ad altri vitigni coltivabili in provincia di Salerno.

View More PDF Disciplinare
CILENTO DOP