CAPOCOLLO, CAPICOLLO, COPPA PAT

Prodotto Agroalimentare Tradizionale dell’Umbria

Descrizione del prodotto

Capocollo PAT

TERRITORIO INTERESSATO ALLA PRODUZIONE
Tutto il territorio regionale dell’Umbria.

Salume di forma cilindrica, si presenta incartato con carta gialla e legato, il suo peso medio varia dai 2.5-3 kg. Una volta tagliato risulta di colore rossastro con venature di grasso.

DESCRIZIONE DELLE METODICHE DI LAVORAZIONE, CONSERVAZIONE E STAGIONATURA

  • Sezionatura: la parte di suino interessata è il collo fino alla VI° costa;
  • disossatura;
  • rifilatura;
  • salagione: si ricopre con un preparato, composto da sale, pepe, aglio e vino bianco e lo si lascia per una settimana;
  • lavaggio e asciugatura;
  • confezionamento con carta gialla e legatura;
  • stagionatura per un periodo che varia dai 30 ai 60 gg., a seconda delle dimensioni.
  • A volte vengono stagionati con il fumo per quattro mesi

STORIE E COSTUME

A) Cenni storici – Una volta il capocollo veniva preparato nel mese di dicembre, fino ad arrivare con la stagionatura ai mesi di marzo e aprile, quando il capocollo veniva apprezzato insieme alla tradizionale torta di Pasqua

Altre informazioni: Sono quasi sempre attività artigianali, tramandate dai genitori ai figli. Per quanto riguarda il capocollo il procedimento di preparazione è rimasto pressoché immutato nel tempo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *