Vini d’Abruzzo
COLLINE TEATINE IGP

COLLINE TEATINE IGP

L’Indicazione Geografica Protetta “Colline Teatine” comprende vini bianchi (anche nelle tipologie frizzante e passito), rossi (anche frizzante, passito e novello) e rosati (anche frizzante e novello).

Uvaggio

L’Indicazione Geografica Protetta “Colline Teatine” è riservata ai vini ottenuti da uve provenienti da vitigni idonei alla coltivazione in Abruzzo. È possibile specificare uno dei vitigni, a bacca bianca Bombino, Chardonnay, Cococciola, Falanghina, Fiano, Garganega, Greco, Malvasia, Manzoni bianco, Montonico, Moscato, Passerina, Pecorino, Pinot bianco, Pinot grigio, Riesling, Sauvignon, Trebbiano, Vermentino, e, a bacca nera, Aglianico, Cabernet Franc, Cabernet Sauvignon, Ciliegiolo, Merlot, Pinot nero, Primitivo, Sangiovese, Syrah. In questi casi, il vino deve esser prodotto da uve provenienti, per almeno l’85%, dal corrispondente vitigno. A concorrenza, possono essere utilizzati altri vitigni a bacca di colore corrispondente, non aromatici, idonei alla coltivazione in Abruzzo, fino ad un massimo del 15%.

Caratteristiche chimico-fisiche ed organolettiche

Il bianco (titolo alcolometrico volumico totale minimo 10,00% vol.), anche frizzante, si presenta con un color giallo paglierino, un profumo fruttato e un sapore secco, sapido. La versione passito (16,00% vol.) si distingue per il colore tendente all’ambra a seconda dell’invecchiamento. Il rosso (10,50% vol.), anche frizzante, è di color rubino, abbinato ad un odore fruttato e un gusto armonico. Il novello (11,00% vol.) ha riflessi violacei e un sapore fresco, vellutato, mentre la versione passito (16,00% vol.) spicca per il colore tendente al granato e il sapore dolce. Il rosato (10,50% vol.), anche frizzante, è di color rosa, con odore intenso e sapore secco. La sua variante novello (11,00% vol.), invece, presenta odore fruttato e sapore fresco, armonico. I parametri possono variare in funzione del vitigno utilizzato.

Zona di produzione delle uve

La zona di produzione comprende la parte a nord della provincia di Chieti, caratterizzata da rilievi collinari che dal mare arrivano sino al massiccio della Maiella.

Specificità e note storiche

Le testimonianze storiche sulla presenza del vino nell’area teatina risalgono al XIII secolo.

Vini d’Abruzzo
COLLI DEL SANGRO IGP

Il bianco (titolo alcolometrico volumico totale minimo 10,00% vol.) e il bianco frizzante sono di color giallo paglierino ed emanano un profumo fruttato con un gusto secco, sapido; il bianco passito (16,00% vol.) si differenzia per il colore tendente all’ambra con l’invecchiamento. La versione rosso (10,50% vol.), anche frizzante, ha un color rosso rubino, un…

Leggi di +

Vini d’Abruzzo
del VASTESE o HISTONIUM IGP

I vini ad IGP “del Vastese” o “Histonium” bianchi (titolo alcolometrico volumico totale minimo 10,00% vol.), anche frizzanti si presentano di color giallo paglierino, odore fruttato e sapore secco. La tipologia passito (16,00% vol.) è tendente all’ambra a seconda dell’invecchiamento. Il rosso (10,50% vol.), anche frizzante, è di color rosso rubino, con un profumo fruttato…

Leggi di +

Vini d’Abruzzo
CERASUOLO D’ABRUZZO DOP

Il vino Cerasuolo d’Abruzzo si distingue per un piacevole colore rosa ciliegia che, a seconda delle produzioni, può risultare più o meno carico. Le note olfattive che rilascia denotano un odore gradevole e finemente vinoso, fruttato e intenso. Il sapore è secco, morbido e armonico, con un retrogusto gradevolmente mandorlato. Presenta un titolo alcolometrico volumico…

Leggi di +

Vini d’Abruzzo
ABRUZZO DOP

I vini “Abruzzo” sono ottenuti da uve per l’85% dello stesso vitigno, per il restante 15% da vitigni a bacca di colore analogo, idonei alla coltivazione per la regione Abruzzo. I bianchi hanno almeno il 50% del Trebbiano abruzzese e/o toscano; la versione rossa invece ha almeno l’80% del Montepulciano. I passiti bianchi hanno almeno…

Leggi di +

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *