Un SOS per la Natura

WWF Living Planet Report 2020.

L’evidenza è inequivocabile: la natura sta cambiando ed è da noi distrutta a un ritmo senza precedenti nella storia.

Il 2020 L’indice globale Living Planet mostra un calo medio del 68% popolazioni di mammiferi, uccelli, anfibi, rettili e pesci tra il 1970 e il 2016. In questo articolo guardiamo anche alla vita in terra sotto i nostri piedi, gli insetti, “the little things that run the world” , e le piante, che forniscono un supporto fondamentale per la vita sulla Terra.

Dai più grandi ai più piccoli esseri viventi sul nostro pianeta il monitoraggio ci mostra che la natura è in serio declino.

BIODIVERSITÀ SULL’ORLO DEL PRECIPIZIO

Sappiamo che si sta schiantando La biodiversità come la conosciamo oggi è fondamentale per la vita dell’uomo sulla Terra, e l’evidenza è inequivocabile: siamo noi che la stiamo distruggendo a un ritmo senza precedenti nella storia.

Dalla rivoluzione industriale, con le attività umane sono aumentate le foreste distrutte e degradate, praterie, zone umide e altro ecosistemi importanti stanno scomparendo, minacciano lo stesso benessere umano.

Il settantacinque per cento della superficie terrestre priva di ghiaccio della Terra è già stata significativamente alterata, la maggior parte degli oceani sono inquinati ed inoltre l’85% della superficie delle zone umide è andato perduto.

Questa distruzione degli ecosistemi ha portato ad 1 milione di specie (500.000 animali e piante e 500.000 insetti) ad essere minacciate di estinzione nei prossimi decenni a seguire, sebbene molte di queste estinzioni sono prevenibili se conserviamo e ripristiniamo la natura.

Il più importante driver causa diretta della perdita di biodiversità nel terrestre sistemi negli ultimi decenni è stato il cambiamento dell’uso del suolo, principalmente la conversione di habitat nativi incontaminati (foreste, praterie e mangrovie) nei sistemi agricoli;

mentre molto degli oceani è stato sovrasfruttato.

Dal 1970, queste tendenze sono state generate in gran parte da un raddoppio della popolazione mondiale,da un aumento di quattro volte nell’economia globale e dieci volte l’ aumento del commercio.

La sfida è trasformare le pratiche agricole e di pesca, molte delle quali oggi sono insostenibili, in quelle che producano il cibo in economia e nutriente di cui abbiamo bisogno proteggendolo la conservazione della biodiversità.

Per l’agricoltura, questo significa usare pratiche agroecologiche sostenibili, riducendo l’uso di prodotti chimici, fertilizzanti e pesticidi e proteggere i nostri terreni e gli impollinatori.

A livello globale, il cambiamento climatico non è stato il motore più importante della perdita di biodiversità fino ad oggi, ma nei prossimi decenni è prevista diventare sempre più importante come causa pilota. Il cambiamento climatico influisce negativamente sulla variabilità genetica, sulla ricchezza delle specie e popolazioni ed ecosistemi. A sua volta, la perdita di biodiversità può influenzare negativamente il clima – ad esempio, la deforestazione aumenta in abbondanza la presenza di anidride carbonica in atmosfera, uno dei gas serra chiave del pianeta.

Pertanto, è essenziale che le questioni della perdita di biodiversità e i cambiamenti climatici vengono affrontati insieme.

Mentre l’accordo di Parigi è un passo importante verso la limitazione del cambiamento climatico indotto dall’uomo, le attuali promesse dei suoi firmatari sono del tutto inadeguati a raggiungere gli obiettivi, con le attuali emissioni globali che dovrebbero essere più o meno le stesse nel 2030 come lo sono oggi.

Le temperature globali potrebbero raggiungere 1,5°C obiettivo ambizioso da parte di dall’inizio alla metà degli anni ’30 e i 2°C Soglia entro il 2050-2070.

Senza ulteriori azioni per ridurre le emissioni di gas a effetto serra, nella situazione in cui ci troviamo si prevede un aumento di 3-4°C, che avrà effetti devastanti su biodiversità e benessere umano.

La perdita di biodiversità non è solo una questione ambientale, ma anche di sviluppo globale, sicurezza economica, etica e morale.

La continua perdita di biodiversità minerà il raggiungimento della maggior parte degli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite, compresa l’allievamento della povertà e sicurezza alimentare, idrica ed energetica.

La biodiversità ha un valore economico significativo, che dovrebbe essere riconosciuto e contabilizzato a livello nazionale; è un problema di sicurezza nella misura in cui la perdita di le risorse naturali, soprattutto nei paesi poveri in via di sviluppo, possono portare al conflitto; è una questione etica, causa della perdita di biodiversità, ferisce le persone più povere che ne dipendono, aggravando ulteriormente un mondo già iniquo; ed è una questione morale perché noi esseri umani non dovremmo distruggere il pianeta vivente.

È anche una questione di autoconservazione.

La biodiversità gioca un ruolo fondamentale nel fornire cibo, fibre, acqua, energia, medicinali e altri elementi di materiali genetici; ed è fondamentale per la regolazione del nostro clima, qualità dell’acqua, inquinamento, servizi di impollinazione, controllo delle inondazioni e mareggiate.

Inoltre, la natura è alla base di tutte le dimensioni della salute umana e contribuisce a livelli non materiali: ispirazione e apprendimento, esperienze fisiche e psicologiche e plasmare le nostre identità – che sono centrali per la qualità della vita e l’integrità culturale

Fonte @WWF.IT

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.